Contenitori salvaspazio, non usarli mai per riporre queste cose nell’armadio: rischi di buttare tutto

I contenitori salvaspazio sono valide soluzioni per conservare alcune cose, ma attento: ci sono oggetti che è meglio non mettervi dentro.

Se anche voi avete problemi di spazio in casa, i contenitori portaoggetti possono rappresentare delle ottime soluzioni per riporre molte cose utilizzando uno spazio minimo. A volte si usano negli armadi per riporre più capi e altre volte si usano per riporvi oggetti che non sappiamo proprio dove andare a sistemare. Questi contenitori possono magari finire in cantina o nei ripostigli.

cosa non mettere nei contenitori di plastica
Ci sono oggetti che non vanno assolutamente conservati nei contenitori di plastica – Cesenamio.it

Tuttavia, non tutti gli oggetti dovrebbero essere conservati in questo tipo di contenitori. Il sito web Tom’s Guide ha identificato sette categorie di oggetti da evitare di riporre nelle scatole di plastica, in quanto potrebbero subire danni irreparabili. Una volta che si vanno a recuperare questi oggetti potremmo trovarli non più nello stato in cui li avevamo lasciati. Ecco perché è importante sapere cosa riporre e cosa non riporre in questi contenitori.

Sette cose da non mettere nei contenitori di plastica

Da evitare assolutamente sono gli oggetti in pelle. La pelle è un materiale delicato che può subire danni irreversibili a causa dell’umidità eccessiva. Quando inserisci oggetti in pelle nelle scatole di plastica, il rischio di muffe e danni è elevato. È preferibile conservare gli oggetti in pelle in luoghi asciutti e ben ventilati per preservarne la bellezza e la durata nel tempo. In secondo luogo abbiamo i tessuti delicati. I tessuti come la seta o la lana, hanno la tendenza ad assorbire l’umidità. Conservarli in contenitori di plastica può favorire la formazione di muffe e cattivi odori. Opta per sacchetti di stoffa traspiranti o appendi gli abiti delicati per mantenerli in condizioni ottimali.

sette oggetti da non conservare nei contenitori di plastica
Ci sono sette oggetti in particolare che, se conservi qui dentro, possono deteriorarsi – Cesenamio.it

Poi abbiamo le pile e i dispositivi elettronici. I contenitori di plastica possono generare elettricità statica, il che potrebbe danneggiare i dispositivi elettronici sensibili, come pile, telefoni o tablet. Per evitare guasti o scariche elettriche, conserva questi oggetti in apposite custodie antistatiche o utilizza contenitori isolanti. Anche i documenti importanti non vanno nei contenitori di plastica. I documenti importanti, come certificati, contratti e documenti legali, possono subire danni irreparabili a causa dell’umidità e degli sbalzi di temperatura. È consigliabile conservare tali documenti in contenitori resistenti all’acqua o in luoghi appositamente progettati per la conservazione di documenti importanti.

Ed ancora, i dipinti e le fotografie. Questi possono deteriorarsi se non conservate correttamente. La plastica potrebbe non fornire la protezione adeguata contro l’umidità, la luce e le variazioni di temperatura. Utilizza contenitori specifici per opere d’arte o album fotografici di alta qualità per preservare i tuoi ricordi nel tempo. Che dire dei cibi freschi? La plastica potrebbe contenere sostanze chimiche che, a contatto con gli alimenti, possono trasferirsi causando contaminazioni.

Evita di conservare cibi freschi direttamente in contenitori di plastica, preferendo materiali sicuri per il contatto alimentare come vetro o acciaio inossidabile. Infine abbiamo gli alimenti per animali domestici. Evita di posizionare direttamente il contenuto degli alimenti per animali domestici nelle scatole di plastica. Opta per mantenere gli alimenti nelle loro confezioni originali per preservare la freschezza e la qualità. La plastica potrebbe assorbire odori sgradevoli che influenzerebbero il gusto degli alimenti per i tuoi amici pelosi.

Impostazioni privacy