Virtus Verona 0-2 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Pagelle Virtus Verona-Cesena
Condividi questo articolo

PAGELLE – Grazie ad uno splendido secondo tempo, il Cesena conquista i primi tre punti della stagione. Mattatore Butic con una doppietta in cinque minuti

E’ incredibile come una partita possa assumere connotati estremamente diversi tra il primo ed il secondo tempo. Il Cesena ammirato questo pomeriggio al “Gavagnin-Nocini” di Verona ha fatto una tremenda fatica nel corso della prima frazione di gara, quando probabilmente i padroni di casa avrebbero meritato il vantaggio per via del paio di occasioni prodotte dalle parti di Agliardi. Nella ripresa invece i bianconeri hanno attaccato dal primo all’ultimo minuto, concedendo le briciole alla Virtus e dando l’idea di poter segnare da un momento all’altro. Dopo la rete divorata da Zecca su splendido assist di Capellini la squadra di Modesto ha continuato a martellare a testa bassa trovando il vantaggio al 70′ grazie ad una precisa incornata di bomber Butic, lasciato colpevolmente solo dalla retroguardia veneta. Come se nulla fosse successo il Cesena ha continuato a giocare meglio e a cercare la via del gol, anche se al 73′ ha rischiato di gettare tutto all’aria lasciando Lupoli libero di segnare ma in fuorigioco segnalato prontamente dal guardalinee. L’ultimo sussulto della gara è giunto due minuti dopo, ancora una volta grazie all’attaccante croato, lesto a sfruttare un batti e ribatti sulla linea di porta. Nel finale il Cesena ha controllato agilmente la partita mettendo in cascina i primi tre pesantissimi punti della stagione. Ecco le pagelle di Cesena Mio:

AGLIARDI 6,5: inoperoso nella ripresa, ma nel corso del primo tempo sono diverse le occasioni della Virtus Verona. In particolare al 3′ è bravissimo il portiere bianconero a rimanere in piedi e a trattenere il colpo di testa ravvicinato di un giocatore veronese. Qualche leggera sbavatura su due conclusioni dalla distanza ma la prestazione del capitano in carica è stata assolutamente positiva.

RICCI 6: spinge poco sulla sua fascia di competenza ma non commette alcun errore contrariamente a quanto visto contro Carpi e Vis Pesaro. Prestazione ordinata del centrale bianconero che non ha concesso nulla sull’out di destra.

BRIGNANI 6,5: ad eccezione delle fatiche di Carpi nel contenere un indemoniato Vano, il centrale ex Pisa è finora una delle migliori sorprese dell’inizio del campionato del Cesena. Anche oggi monumentale su un attaccante fisico come Odogwu, è bravissimo nell’anticipare gli avversari e a far ripartire velocemente l’azione.

SABATO 6,5: a metà secondo tempo in un momento di assoluta follia bianconera data dal vantaggio segnato da Butic, Sabato si è involato sulla fascia attirando due avversari, per poi servire un cioccolatino a Giraudo che ha poi guadagnato un corner. Si è sentita la sua assenza contro la Vis Pesaro, oggi decisamente la miglior gara del suo campionato.

CAPELLINI 6,5: sono onesto, in estate non mi capacitavo di come fosse potuto rimanere Capellini in Serie C e addirittura partire titolare quando lo scorso anno faceva fatica a stare in campo. Ma sacrificio e abnegazione, senza considerare la voglia di fare bene per la squadra della propria città, mi stanno facendo rivalutare il Tabaccaio, che ha sicuramente dato la scossa alla reazione bianconera al 12′ della ripresa nella bellissima cavalcata sulla fascia, malamente sprecata da Zecca.

DAL 65′ FRANCHINI 6,5: che ingresso in partita per il numero 11 del Cesena! Fa ammattire la retroguardia avversaria e non sembra aver paura di mettere il turbo ed entrare in area di rigore. Prestazione molto confortante rispetto al buio di lunedì sera.

FRANCO 6: è un regista ma anche oggi mi ha dato l’idea di essere troppo compassato. Quando prende palla difficilmente verticalizza, ma predilige temporeggiare e servire il compagno di centrocampo in orizzontale. Il giallo del primo tempo fa il paio con la sciocchezza della sfida con la Vis Pesaro, attenzione perché certi gesti prima o poi si pagano.

ROSAIA 6: contrariamente al compagno di centrocampo da lui mi aspetto più interdizione e fraseggio orizzontale, che effettivamente ha messo in mostra quest’oggi. Molto limitato negli interventi a causa del giallo rimediato per un fallo tattico speso non per colpe sue ma per l’errato disimpegno di Giraudo, nel complesso una prestazione sufficiente.

GIRAUDO 6,5: la vera sorpresa della formazione scelta da Modesto. Nel 3-4-3 si trova molto bene sia in fase di copertura che di spinta, nella ripresa soprattutto da un paio di sue cavalcate nascono cross molto interessanti non sfruttati a dovere dai suoi compagni. Se dopo pochi giorni dal suo arrivo è riuscito a panchinare Valeri, significa che i numeri per poter fare bene sono tutti dalla sua parte e finalmente ci sarà un ricambio di livello a partita in corso.

DAL 87′ CIOFI sv

BORELLO 6,5: nel primo tempo molti palloni transitano dalle sue parti, riuscendo a prendere qualche punizione interessante nei pressi dell’area di rigore avversaria. Getta però alle ortiche un contropiede oceanico sul finire dei primi 45′, mentre nella ripresa serve bene Zecca che però non concretizza. A volte molto fumoso, però è fondamentale per tenere in apprensione la retroguardia avversaria. Dal suo piede nasce il cross per lo 0-1 di Butic.

DAL 81′ CORTESI sv

BUTIC 7,5: prestazione monumentale dell’attaccante croato, che avrebbe potuto subire mentalmente l’autogol di lunedì sera ma per fortuna così non è stato. Nella prima frazione riesce a mantenere il controllo di tutti i lanci lunghi dei suoi compagni, mentre nella ripresa si riscopre cobra d’area di rigore sfruttando prima un errato posizionamento difensivo nei suoi confronti e poi una mischia sulla linea di porta. Del resto 30 gol in stagione al Torino in Primavera non potevano essere un caso…

DAL 81′ SARAO sv

ZERBIN 5,5: nota negativa della giornata. Sostituito all’intervallo da Modesto, che da lui si aspetta molto di più per quanto comunque rientri da un infortunio. L’unica azione degna di nota è la punizione guadagnata vicino all’area di rigore sul finire del primo tempo, ma è troppo poco per poter bastare.

DAL 46′ ZECCA 6,5: è vero, ha sbagliato un gol abbastanza semplice ed è arrivato lungo su un’altra occasione bianconera, ma l’impatto che ha dato sulla fascia sinistra è stato devastante. Che il Cesena, una volta recuperato Russini, abbia definitivamente risolto il problema sulle fasce?

ALL. MODESTO 6,5: il primo tempo mi ha addirittura fatto rimpiangere la doppia sfida dello scorso anno contro il Pineto, ma obiettivamente nella ripresa c’è tanto dell’allenatore del Cesena. Non si fa problemi a sostituire un negativo Zerbin gettando nella mischia il neo arrivato Zecca, così come la mossa di Giraudo ha pagato i giusti dividendi. Sperando che sia la prima di una bella striscia di vittorie, oggi pomeriggio ha decisamente avuto ragione lui dopo le prime critiche piovute addosso alla squadra.


Elaborazione grafica tratta dalla pagina Cesena FC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *