Virtus Entella: stato di forma, aneddoti e curiosità

Analisi pagelle Cesena-Entella
Condividi questo articolo

AVVERSARI – Seppur sopravanzata di 9 punti, la Virtus Entella va presa con le molle, visto che ci ha eliminati dalla Coppa Italia due mesi fa

Pur essendo ancora nel girone d’andata, incontriamo per la seconda volta l’Entella, che infatti due mesi fa ci aveva eliminati dalla Coppa Italia, sconfiggendoci a domicilio per 2-1 (vedi Cesena 1-2 Entella, le pagelle di Cesena Mio). La sfida di domani contro i liguri mette fine ad un mese di novembre molto impegnativo per il Cesena: andremo ad incontrare una squadra che, pur con un blasone forse meno appariscente rispetto ad altre compagini del girone, è comunque una neo  retrocessa dalla Serie B. Sono comunque ben 9 al momento i punti che ci separano dalla squadra di Chiavari, reduce da un pareggio a reti bianche a Pistoia, ma che, soprattutto, è ancora imbattuta tra le mura amiche.

A proposito, lo Stadio Comunale di Chiavari è un impianto in erba sintetica che può contenere fino a  5.587 persone e che, curiosamente, non è intitolato a nessuno. L’allenatore è Gennaro Volpe, già centrocampista di discreto livello che chiuse la carriera proprio all’Entella, dove ha anche iniziato la sua esperienza come tecnico, partendo dalle giovanili e arrivando fino in prima squadra, sostituendo l’esonerato Vincenzo Vivarini durante la stagione scorsa. Pur non riuscendo a salvare i biancoazzurri dalla retrocessione, il Presidente Antonio Gozzi ha comunque confermato il tecnico alla guida della squadra anche per la stagione in corso.

La tifoseria locale è gemellata con gli omologhi della Sanremese, della Lucchese, del Brescello e anche, a quanto pare, con la Pro Recco di pallanuoto (!), mentre esiste una storica rivalità con i tifosi del Sestri Levante.

Tra le curiosità sul posto si può ricordare di come Chiavari sia una città molto nota per il suo artigianato (oltre che per la pesca) ed è nota la produzione di sedie denominate, appunto, “chiavarine”, oltre che di bellissimi pizzi “macramè”. Per quanto riguarda il cibo, infine, vanno ricordati i carciofi in imbrogliata, i pansoti di magro (una pasta ripiena simile ai ravioli), i cuculli e le seppie in zimino.


Immagine tratta dal sito www.calciocesena.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.