Vicenza 2-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Vicenza-Cesena pagelle
Condividi questo articolo

PAGELLE – Un brutto Cesena viene sconfitto a Vicenza per 2-1. Dopo essere passati in vantaggio con Sarao, i bianconeri crollano sotto i colpi di Vandeputte e Giacomelli

Seconda sconfitta consecutiva esterna per il Cesena, che dopo esser caduto a Padova perde anche al Menti di Vicenza per 2-1 (vedi Un brutto Cesena si fa rimontare e perde 2-1 a Vicenza). Un risultato probabilmente accettabile, considerato che le due squadre saranno destinate a percorrere due cammini diversi in campionato; ciò che però non è ammissibile è la prestazione offerta dai bianconeri nel secondo tempo, che non hanno praticamente mai raggiunto la trequarti avversaria. Eppure avevano cominciato bene gli uomini di Modesto, che dopo 20 minuti erano passati meritatamente in vantaggio con Sarao, che aveva trasformato un rigore concesso generosamente dall’arbitro per un intervento di Bruscagin su Zecca probabilmente non falloso. Pochi minuti dopo Franchini si era persino divorato lo 0-2, concludendo debolmente dopo aver seminato il panico nell’area vicentina. Successivamente però al pareggio di Vandeputte, lesto nel ribattere a rete dopo una respinta goffa di Agliardi, i bianconeri sono scomparsi dal campo, non tirando mai nello specchio della porta difesa dall’ex Grandi, salvo una volta a metà ripresa con un debole destro di Zecca. Meglio di gran lunga il Vicenza, che dopo aver trovato il 2-1 al 50′ con il rigore di Giacomelli ha legittimato il vantaggio, bloccando ogni spazio di manovra al Cesena e sfiorando per due volte il terzo gol con Vandenputte e Marotta.

Queste le pagelle di Cesena Mio:

AGLIARDI 5,5: respinge malissimo la conclusione da fuori di Zonta, permettendo a Vandeputte di insaccare. Si riscatta parzialmente nel secondo tempo chiudendo la porta al solito Vandeputte e a Marotta.

CIOFI 6: ancora una volta è quello che se la cava meglio dei tre difensori. Qualche volta sbaglia in fase di impostazione, ma regge abbastanza bene l’urto con Giacomelli e compagni.

BRIGNANI 5,5: tanti, troppi passaggi e controlli sbagliati, che consentono spesso ai padroni di casa di alzare la pressione e far sbagliare i bianconeri. Meglio in fase difensiva, anche se è rivedibile il suo posizionamento in occasione dell’1-1.

SABATO 5,5: un suo clamoroso errore al 69′ stava regalando il 3-1 al Vicenza se non ci fosse stato l’intervento provvidenziale di Agliardi. Per il resto tanta corsa ma anche tanti errori palla al piede.

FRANCHINI 5,5: molto in palla nel primo tempo, decisamente scarico nella ripresa. Spreca al 25′ l’occasione che avrebbe potuto portare il Cesena sullo 0-2 dopo essersi liberato alla grande di tre avversari: un vero peccato.

DAL 70′ ZERBIN 5: schierato per la prima volta come esterno basso di centrocampo, non incide minimamente, perdendo tutti i duelli con Barlocco.

FRANCO 4,5: l’ex capitano del Rende delude per l’ennesima volta le aspettative. Oltre a non aiutare la squadra in fase di costruzione, commette diversi falli inutili, tra i quali spicca quello che ha portato al calcio di rigore trasformato poi da Giacomelli. Resta difficile da spiegare come mai il tecnico Modesto lo abbia tenuto in campo per tutti e 95 minuti.

VALENCIA 6: uno dei pochi a salvarsi nel grigiore generale. Sradica diversi palloni agli avversari, provando a far ripartire l’azione; non sempre con efficacia, ma perlomeno provando a giocare in avanti.

DAL 70′ ROSAIA 5: ancora una volta preferito a De Feudis come cambio a partita in corso, ancora una volta insufficiente. Tanti errori, anche banali, che non fanno altro che rallentare l’azione e permettere al Vicenza di chiudersi ordinariamente.

GIRAUDO 5,5: non commette grossi errori in fase difensiva, anche se forse lascia troppo spazio a Zonta di calciare in occasione del gol del pareggio biancorosso. Rispetto alle ultime uscite, cerca di farsi più vedere in avanti, ma i pochi cross che pennella sono assai imprecisi.

DALL’88’ VALERI SV

BORELLO 5,5: dopo un discreto primo tempo, sparisce assieme a gran parte della squadra nella ripresa. Verso la fine del primo tempo si becca anche un evitabile cartellino giallo.

DAL 70′ BUTIC 5,5: non riesce a toccare nemmeno un pallone perché la squadra fatica anche solo a raggiungere la trequarti avversaria.

SARAO 6: nel primo tempo disputa un ottima prestazione, fungendo da vero e proprio fulcro per il gioco della squadra. Al 20′ un suo bellissimo passaggio manda in porta Zecca, che si procura il generoso penalty poi trasformato con freddezza dallo stesso numero 18 bianconero. Nella ripresa poi sparisce completamente, anche se le colpe non sono tutte le sue.

ZECCA 5: si procura un dubbio rigore dopo esser stato atterrato da Bruscagin, che probabilmente sfiora il pallone prima del contatto. Per il resto non combina nulla, ripetendo la brutta prestazione messa a referto contro il Padova. Probabilmente meritava più lui di Borello il cambio.

ALL. MODESTO 5:  dopo il gol di Vandeputte, il Cesena incomincia a sbagliare di tutto e di più, non riuscendo praticamente più a riversarsi nell’area di rigore avversaria. Difficile dare una spiegazione ai cambi operati dal tecnico bianconero, che ha scelto di sostituire uno dei pochi giocatori sufficienti (Valencia) e l’unico giocatore che avrebbe permesso di collegare centrocampo e attacco con il passaggio al modulo a due punte (Borello). Inoltre rimane un mistero come mai De Feudis resti ancora a scaldare la panchina, visto che Franco e Rosaia stanno inanellando prestazioni alquanto negative da diverse settimane.


Elaborazione grafica tratta dalla pagina Facebook Cesena FC

One Comment on “Vicenza 2-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio”

  1. Mi dispiacce ma non sono daccordo le unche insufficienze secondo il mio modesto parere vanno solo ad Agliardi e Franco .E anche sul titolo avrei le mie obbizzioni brutto non direi proprio ,poco cattivo si

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *