Valeri sì, Alessandro no. E gli altri? Verso il Cesena 2019/20

Vastese-Cesena
Condividi questo articolo

ANALISI – Ufficializzato il nuovo allenatore, per il Cesena è tempo di iniziare ad allestire la rosa per la prossima stagione, tra dubbi, conferme e addii

Nella giornata di giovedì, la società Cesena FC ha ufficializzato il nuovo allenatore che condurrà la squadra nel corso della stagione 2019/20: si tratta di Francesco Modesto (vedi Ufficializzato oggi il nuovo mister Francesco Modesto), ex terzino classe 1982 che ha alle spalle una sola stagione da allenatore alla guida del Rende. A questo punto, dopo la conferma di Pelliccioni in qualità di direttore sportivo e l’arrivo dell’allenatore, non rimane altro che iniziare a costruire la rosa del Cesena per la prossima stagione, quella che vedrà il ritorno tra i professionisti. Analizziamo dunque, reparto per reparto, quali giocatori potrebbero essere confermati in vista della prossima annata.

Portieri

La conferma di Agliardi sembra essere scontata: l’ex portiere di Brescia e Palermo ha dato una grandissima mano ai bianconeri per tornare immediatamente tra i professionisti e come uomo spogliatoio non si discute. Anche fisicamente pare integro, pertanto, con ogni probabilità, gli verrà rinnovato il contratto. Da vedere però in che ruolo agirà: se davvero dovesse arrivare l’ex portiere della Primavera Carnesecchi, allora è probabile che Agliardi partirà come portiere di riserva, pronto a subentrare in caso di infortuni del portierino dell’Under 20. Sarini invece rientrerà al Chievo per fine prestito e non dovrebbe essere rinnovato il contratto nemmeno al terzo portiere Bedendo.

Difensori

Bisogna partire dal presupposto che Modesto con ogni probabilità vorrà schierare la squadra con il 3-4-3, il marchio di fabbrica dei suoi maestri Gasperini e Juric. Stando così le cose, in difesa dovrebbe dar spazio a tre centrali, mentre i laterali di centrocampo dovranno fare della corsa la propria prerogativa. Detto ciò, la conferma di Ciofi (peraltro molto vicina) sarebbe fondamentale in un’ottica di continuità con quanto fatto nel corso della passata stagione. Oltre a Ciofi, potrebbe essere confermato anche Benassi che inizialmente partirebbe come riserva. Da valutare invece la situazione di Noce (in prestito) e di Viscomi, che pare però destinato al Forlì. Non verrà confermato nemmeno Rutjens, anche se personalmente una chance  al giocatore la darei, visto che è sempre risultato attento e concentrato, pagando però lo scarso utilizzo da parte di Angelini.

Centrocampisti

Si sa già che tra i giocatori confermati c’è anche Valeri, appositamente tralasciato nel paragrafo relativo ai difensori perché con il nuovo allenatore l’ex Lecce agirebbe a centrocampo. Il primo nome dal quale ripartire è infatti proprio quello del mancino romano, che agirebbe da centrocampista esterno sinistro con il compito di abbassarsi  sulla linea dei difensori in fase di non possesso. Verrà confermato senza dubbio anche capitan De Feudis, mentre verranno fatte attente riflessioni sul futuro di Campagna, Munari e Capellini. Per quanto riguarda il primo, l’idea potrebbe essere quella di mandarlo in prestito per una stagione, ma non è da escludere che venga nuovamente aggregato alla prima squadra; l’esterno è invece tornato al Torino per fine prestito, ma si sta lavorando per il suo acquisto (tutt’altro che impossibile) e consegnare a Modesto una discreta alternativa per la fascia destra di centrocampo, anche se probabilmente Munari non dovrebbe partire titolare; infine il cesenate doc, che ha dimostrato un attaccamento alla maglia fuori dall’ordinario e potrebbe quindi essere confermato come uomo spogliatoio, senza dimenticare che in Serie C ha già giocato diversi anni e la sua esperienza potrebbe anche tornare utile. Un grosso dubbio potrebbe infine riguardare Fortunato: in Serie D è stato a tratti devastante, anche se in molte partite non è riuscito ad incidere. Modesto potrebbe farci un pensierino viste le indubbie qualità di saper attaccare il centro dell’area, sfruttando lo spazio lasciato dai compagni.

Attaccanti

Analizzando la scorsa stagione del Cesena e quanto di buono fatto per questa squadra, Alessandro e Ricciardo avrebbero meritato la conferma seduta stante, ma il tentennamento di queste settimane da parte della società è sfociato nell’addio di entrambi: certo quello del fantasista, come da lui stesso annunciato ieri attraverso il profilo facebook, molto probabile ed imminente quello del bomber. In queste decisioni si intravvedono già le indicazioni di Modesto, considerato che a Rende il mister preferiva un giocatore di movimento che dialogasse con la squadra ad una vera e propria punta centrale di peso. In ogni caso si potrebbe pensare di confermare comunque GR9, anche solo per la panchina, visto che c’è bisogno di uomini come lui in squadra, attaccati alla maglia e che possano fare la differenza, magari a partita in corso grazie alla prestanza fisica ed al senso del gol. Per qualità (seppur non totalmente espresse lo scorso anno), si potrebbe poi fare un tentativo anche per Tortori, non promettendogli comunque una maglia da titolare. Sicuramente in uscita ci sono De Angelis, Tonelli e Andreoli, mentre è da valutare Zammarchi, che potrebbe essere girato in prestito.

Riassumendo, questo il mio personalissimo borsino:

da confermare: Agliardi, Valeri, Ciofi, De Feudis;

da valutare: Noce, Benassi, Rutjens, Munari, Capellini, Fortunato, Ricciardo, Tortori;

da girare in prestito: Campagna, Zammarchi.


Foto di Luigi Rega tratta dalla pagina Facebook Cesena FC

One Comment on “Valeri sì, Alessandro no. E gli altri? Verso il Cesena 2019/20”

  1. Una chance a Rutjens la darei anch’io. Munari a mio avviso da confermare assolutamente….e poi sinceramente io confermerei anche Fortunato e Tonelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *