Michele Turci: “Cesena, sfidarti sarà emozionante”

Michele Turci
Invia l'articolo agli amici

INTERVISTA – Michele Turci, difensore della Savignanese, è cresciuto nel vivaio del Cesena di cui è tifosissimo: domenica sarà però un avversario…

La prima ufficiale di Coppa Italia del nuovo Cesena di domenica prossima inaugurerà anche tante storie da raccontare sugli avversari legate ai colori bianconeri. Domenica tra le fila della Savignanese guidata dal cesenate doc Oscar Farneti, saranno in diversi a provare un’emozione speciale nello sfidare una delle loro squadre del cuore. Dal preparatore dei portieri Federico Gozzi, campione d’Italia con la Berretti del compianto Corrado Benedetti nel lontano 1995, al direttore generale Franco De Falco, in bianconero negli anni ’70, fino ad arrivare ai difensori Angelo Gregorio, Vandi e Michele Turci, cresciuti nel vivaio del Cavalluccio e tuttora appassionati supporters cesenati. Tifosissimo del Cesena è proprio quest’ultimo, Turci, frequentatore assiduo della Curva Mare e avversario domenica per novanta minuti: “Per me sarà veramente una sensazione particolare affrontare in campo la mia squadra del cuore – confessa il difensore classe 1994 – ho militato nel settore giovanile bianconero dagli 8 ai 18 anni fino alla Primavera, appena posso vado in Curva Mare a vedere le partite: infatti domenica in tribuna ci saranno tanti amici tifosi a vedere il derby e sarà emozionante anche per questo. Se dovessi segnare? Non esulterò”.

Tra i ricordi più belli da custodire nel cassetto ce ne sono alcuni indelebili: “Le due giornate promozione di Verona e Piacenza, i due derby vinti in rimonta 3 a 2 contro Rimini e Ravenna; quella sera contro i giallorossi facevo il raccattapalle proprio sotto la Curva ed al gol vittoria nel finale di Veronese fu tripudio. Infine una delle partite recenti migliori quella contro il Perugia dell’ex Bisoli vinta in rimonta, che bella l’esultanza collettiva alla rete decisiva di Ciano con anche mister Drago a festeggiare”. Turci è alla terza stagione con la maglia della Savignanese, dopo un biennio passato nel Romagna Centro: di fronte avrà anche qualche ex compagno: “Conosco Tola, Zamagni, Gori, Cola, Capellini, tutti ottimi giocatori”.

Il legame col bianconero è fortissimo ma sul rettangolo verde c’è una qualificazione da conquistare e soprattutto da collaudare un gruppo che per la prima volta nella sua storia parteciperà alla Serie D: “Si tratta di un bel banco di prova per una matricola come noi che lotterà per la salvezza in un campionato nuovo per la Savignanese; ci sarà da combattere in ogni incontro per raggiungere il nostro obiettivo –termina il terzino destro- siamo consapevoli di affrontare una formazione super attrezzata, ma ce la metteremo tutta per farci valere e rendergli la vita difficile”.


Immagine tratta dalla profilo Facebook di Michele Turci