19 trasferte = 3.558 chilometri: come da Cesena a Teheran

Tifosi Cesena
Condividi questo articolo

LO SPUNTO – Quest’anno il Cesena dovrà percorrere tanta strada su e giù per l’Italia per affrontare le 19 avversarie: ecco qualche curiosità

Con la prima trasferta del nostro Cesena alle spalle, ancorché vietata ai tifosi ed al pubblico in genere, stanti le vigenti norme anticontagio alle quali si è anche aggiunto la clamorosa defaillance della piattaforma informatica che ci avrebbe dovuto consentire di vedere la partita da casa (vedi Il Cesena gioca (si fa per dire), ma non si vede…), andare a scoprire dove si trovano geograficamente le prossime avversarie dei bianconeri. Chissà, magari per programmare qualche trasferta…

Quest’anno, la squadra di William Viali dovrà viaggiare non poco in lungo e in largo per l’Italia: saranno infatti ben 3.588 i chilometri complessivi che separano Cesena dalle roccaforti avversarie, ovvero la distanza che un tifoso dovrebbe percorrere se potesse seguire la squadra in tutte le trasferte. Ma proviamo a guardarle un po’ più da vicino in cerca di qualche curiosità…

I viaggi più lunghi sono quelli per andare a far visita a vecchie conoscenze dell’anno scorso, Trieste e Bolzano (distanti rispettivamente 384 e 370 chilometri), mentre il tragitto più breve è per il sentissimo derby con il Ravenna (città che dista appena 35 km), al grido di “la Romagna siamo noi!”. In questa stagione ci sarà anche una trasferta inedita, visto che per la prima volta il Cavalluccio affronterà il Legnago (centro di circa 26.000 abitanti in provincia di Verona). Ci sono poi due i club che non disputeranno gli incontri casalinghi nell’impianto della propria città: l’Imolese, che fino alla conclusione dei lavori di ristrutturazione del Galli sarà ospite al Gavagnin-Nocini” di  Verona dove il Cesena ha appena affrontato la Virtus; il Matelica, che alla sua prima partecipazione al campionato di Serie C giocherà le gare interne a Macerata. Dopo ben dodici anni di assenza, torna la sfida in terra Toscana contro i granata dell’Arezzo, transitati quest’anno dal girone A al girone B. Sempre la E45 sarà la via che Ciofi e compagni percorreranno per raggiungere la big del nostro girone, quel Perugia, fresco di retrocessione dalla Serie B e favorita per la promozione diretta.

Carta geografica alla mano, per 11 volte i bianconeri dovranno viaggiare verso nord, contro le 8 volte in cui si punterà verso sud. Considerando tutte le 19 trasferte, la distanza media sarà di circa 190 chilometri a viaggio, grosso modo pari alla distanza che separe Cesena da Fermo, che quindi rappresenta la “trasferta media”. Se volessimo rappresentare su una mappa o un planisfero la distanza che il Cesena percorrerà quest’anno, potremmo immaginare una folle trasferta con partenza da Cesena ed arrivo a Teheran, la capitale dell’Iran distante 3.430 chilometri. Folle, ma fino ad un certo punto, perché l’attaccamento a questi colori è “una malattia che non va più via” e sono convinto che comunque qualcuno si metterebbe in viaggio con lo zaino in spalla, la sciarpa al collo ed una passione senza confini. Anche a costo di raggiungere Teheran…

Con l’augurio di poter tornare in fretta a scorazzare su e giù per l’Italia per i nostri colori, buon campionato a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *