La terza leggenda bianconera: Agatino Cuttone

Agatino Cuttone terza leggenda bianconera
Invia l'articolo agli amici

BIANCONERO VINTAGE – Dopo Ceccarelli e Agostini, contro la Sangiustese è stato premiato Agatino Cuttone, che riportò in A il Cesena grazie alla rete contro il Lecce

Chiunque abbia seguito come tifoso o sportivo la storia del Cesena Calcio sicuramente non può dimenticare la carriera di un calciatore come quella di Agatino Cuttone. Sulle sponde del Savio ha lasciato un’impronta, per la sua grande serietà ed attaccamento al Cesena; ha fatto sognare i sostenitori della squadra bianconera, e nel nostro ricordo lo rivediamo ancora con la fascia da capitano a dirigere la difesa. Primo anno Cuttone al CesenaCuttone arriva al Cesena per disputare la stagione 1983/84, in piena rivoluzione di rosa dopo il deludente campionato di serie A concluso con la retrocessione in serie B. Si trova a fianco come capitano Giampiero Ceccarelli ed Agatino sfrutterà i suoi preziosi consigli interpretando al meglio il ruolo di difensore di fascia destra. Inoltre segue con attenzione le indicazioni del mister Marchioro che è appena tornato ad allenare il Cesena, dove tutti lo ricordano per la grande conquista della qualificazione alla Coppa Uefa.

Cuttone è titolare della squadra bianconera e allo scadere dei quattro campionati di serie cadetta, finalmente nella stagione 1986/87 ha la grande occasione: lo spareggio con il Lecce per risalire in serie A. Ricordo molto bene quella partita disputata in campo neutro, il 08/07/1987 a San Benedetto del Tronto, stadio F.lli Ballarin. La partita fu gestita molto bene dal Cesena che già al 3’ minuto con Bordin passò in vantaggio, ma il Lecce non stette a guardare e dopo vari tentativi riuscì a pareggiare con Panero al 39’. Nel secondo tempo la grande occasione scaturita da azione di calcio d’angolo: appoggio corto a rientrare sulla fascia destra e il centrocampista del Cesena, inspiegabilmente libero, stoppa la palla e prepara un cross delizioso. La traiettoria è alta ed arriva in posizione centrale, poco fuori l’area del portiere del Lecce Negretti. Un paio di calciatori sono superati e con scatto da vero centravanti di razza, Cuttone guadagna due metri sul diretto difensore e si avventa sul pallone colpendo in pieno la sfera indirizzandola alla destra del portiere che non ha nessuna possibilità di intervento: Cesena 2 – Lecce 1.

Il risultato rimarrà così fino alla fine e il Cesena con la firma di Agatino ritorna nuovamente in paradiso. Disegno Cuttone Cesena-Lecce 2-1Quel gol ha segnato inevitabilmente la carriera di Cuttone e verrà ricordato dai sostenitori della squadra bianconera in analogia ad un altro illustre terzino quale Tarcisio Burgnich, che segnò uno storico gol in Italia-Germania, Mondiali di Mexico 1970. Finalmente la serie A e con Cuttone capitano il pubblico del Manuzzi si è goduto delle splendide partite per altri quattro anni fino al campionato 1990/91. La storia si ripete, questa volta però a sfavore di Agatino; la squadra condotta prima da mister Lippi e poi da Giampiero Ceccarelli e Alberto Batistoni fa fatica a mantenere i ritmi e scivola sempre più in fondo alla classifica. È nuovamente retrocessione e nella rivoluzione di rosa successiva, questa volta Cuttone viene ceduto al Perugia in C1. Otto anni di maglia bianconera, suddivisi in parti uguali fra campionato cadetto e serie A, totalizzando 207 presenze e realizzando un totale di 5 reti: tutto questo rimarrà per sempre il marchio di fabbrica di Agatino Cuttone che per diritto sarà sempre una LEGGENDA BIANCONERA!

Commenta con Facebook

About Andrea Santi

Andrea Santi nasce a Forlì nel 1958, si laurea in Architettura a Firenze nel 1984 e dal 1985 svolge l’attività di architetto libero professionista nel comprensorio forlivese. Rimasto legato al suo passato di calciatore nelle giovanili del Cesena dal 1973 al 1976, ha sempre coltivato un grande interesse per il gioco del calcio. L’amore per la scrittura gli ha aperto nuovi orizzonti e fornito motivazioni per raccontare e condividere le sue passioni. “Romagna Bianconera, il Cesena di Dino”, uscito nel 2015, è stato il suo primo romanzo che ha dato il via ad un progetto editoriale destinato a descrivere agli appassionati le annate calcistiche del Cesena Calcio dagli anni '70 in poi. Nel frattempo ha deciso di raccontare le sue storie sul blog tematico Cesena Mio ...

View all posts by Andrea Santi →