Teodorani: “Il Cesena del primo tempo di Vicenza lascia ben sperare”

Alessandro Teodorani
Condividi questo articolo

INTERVISTA – Alessandro Teodorani, attualmente allenatore dell’Under 15 del Cesena, è doppio ex della partita di domenica pomeriggio, Cesena-Sambenedettese

Cesena e Sambenedettese, prossime avversarie domenica pomeriggio al Dino Manuzzi, sono due piazze che vivono di calcio, seguite da un tifo molto passionale: chi ha assaggiato il calore dei due ambienti è indubbiamente Alessandro Teodorani. L’ex calciatore, attuale tecnico dell’under 15 del Cesenao, è cresciuto nel vivaio cesenate, fino ad arrivare alla Serie A con addosso la maglia bianconera, mentre nelle Marche ha vissuto un anno e mezzo stratosferico. Di questo, ma anche di attualità abbiamo parlato con lui alla vigilia del confronto dell’Orogel Stadium.

Ciao Alessandro, partiamo inevitabilmente dal Cesena, che occupa un posto speciale nel tuo cuore…
“Certo, in bianconero ho fatto tutta la trafila del settore giovanile, ho esordito in Serie A e di seguito ho disputato sei campionati cadetti. Ora sono tornato, dopo aver chiuso la mia lunga carriera col calcio giocato, per allenare nel settore giovanile”.

Un vivaio che sembra essere veramente sulla strada giusta, concordi?
“Sì, la società si è strutturata benissimo, il settore giovanile è all’avanguardia ed innovativo con strutture eccellenti e all’altezza. Il club non ci fa mancare nulla e ci sono tutti i propositi per tornare in futuro ai grandi livelli del passato”.

Parliamo ora dell’intensa parentesi di Teodorani alla Sambenedettese…
“Approdai in rossoblù in C2 nel gennaio 2001 con la squadra nei bassifondi. Patron Gaucci decise di affidare il gruppo a Colantuono e da lì facemmo un filotto incredibile: 9 vittorie nelle ultime 9 giornate, aggancio ai play-off e trionfo ai danni di Rimini e Brescello nella finale con promozione nella serie superiore. L’anno successivo in C1 ci giocammo la B perdendo stavolta agli spareggi. Resta un’indimenticabile esperienza condita da straordinari risultati in una piazza con un tifo super”.

Domenica al Dino Manuzzi la Samb arriva forte di cinque risultati utili di fila, servirà una prova importante dell’undici di Modesto…
“Sarà una sfida complicata, i marchigiani sono avversari rognosi, ma il Cesena che ho visto specialmente nel primo tempo di Vicenza mi fa ben sperare e ha tutte le carte in regola per conquistare un ottimo risultato e riscattare il recente ko”.

Cosa è mancato lunedì sera al Cesena per uscire indenne dal Menti?
“Nella prima frazione il Cavalluccio ha imposto il proprio gioco al cospetto di una corazzata; sicuramente è mancata la reazione dopo lo svantaggio ad inizio ripresa. Incassato il rigore del 2 a 1 i bianconeri hanno creato veramente poco, un po’ come accaduto in casa contro la Vis Pesaro, nonostante in campo ci fossero vari elementi offensivi”.

L’andamento resta comunque abbastanza positivo…
“Archiviate le sconfitte delle prime due giornate credo che il Cesena stia facendo un buon campionato”.

Contro le big Padova e Vicenza sono arrivati però due ko di misura…
“Queste formazioni costruite per vincere sono ciniche, quadrate, badano al sodo, ti puniscono appena sbagli perché possono contare su elementi di notevole esperienza. Però io resto fiducioso e convinto che il bel gioco del Cavalluccio alla lunga darà i suoi frutti”.

Alcuni giovani bianconeri che potranno fare strada in futuro?
“Zecca, che nonostante la prestazione sottotono di Vicenza, è un attaccante di discrete prospettive, e Brignani, abile ad uscire palla al piede a testa alta dalla linea difensiva con personalità”.


Foto Cirinei tratta dal sito youtube.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *