“Per chi suona la campana” (cit.)

Campana ultimo giro
Condividi questo articolo

SPUNTI ED OPINIONI – Con una celebre citazione letteraria ed un’azzeccata metafora, torna il nostro amico Jaime, inviato speciale a Madrid

Qualsiasi atleta che abbia gareggiato ad un certo livello sa che, nello spietato regno del tartan, dove ogni errore si paga con la sconfitta, dagli 800 ai 10.000 metri, c’è un momento chiave in cui l’adrenalina sale al massimo livello: è il momento in cui suona la campana e inizia l’ultimo giro…

Non importa quanto ti sei allenato, non importa quanto ti sei sacrificato per mesi o per anni, non importa quanti chilometri hai nelle gambe; e nemmeno importa se il suono della campana ti trova in una brutta posizione, bloccato nella corda o tre metri indietro dove dovresti essere; se fallisci, non ti riprenderai mai. È tutto finito.

Ebbene, i playoff sono la campana nel calcio. Quando suona, devi essere pronto, vigile, abile, nel posto giusto, con l’allenamento nel corpo e la mente fissati sull’obiettivo. Suona la campana e devi essere in grado di dare tutto ciò che hai, senza trattenere nulla, senza temere nulla, senza aspettarti nulla.

Ogni squadra di calcio che marcia verso la meta deve superare una grande sfida quotidiana: mantenere viva, viva ed in piedi, la consapevolezza del proprio valore. Accetta i rifiuti, i fallimenti, le assenze e continua ad allenarti con la motivazione ai massimi livelli; trasforma la voglia di competizione in una fiamma che non si spegne mai! Perché prima di quanto pensi, sarà arrivato il giorno e l’ora.

Forse domani suonerà la tua campana. Sei pronto? Ne sei sicuro?


Immagine tratta dal sito it.dreamstime.com

One Comment on ““Per chi suona la campana” (cit.)”

  1. Più che la campana, potrebbe suonare la sveglia del forno, visto lo stato di cottura atletico e mentale di alcuni calciatori…
    Per avere qualche chances oltre all’atteggiamento ben descritto nell’articolo, occorre recuperare condizione, qualche infortunato e mettere da parte il nervosismo che qualcuno ha dimostrato nelle ultime giornate. Insomma, bisogna crederci e nervi saldi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.