SudTirol 1-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Pagelle SudTirol-Cesena
Condividi questo articolo

PAGELLE – Buon punto del Cesena sul campo del SudTirol: come all’andata, due calci di rigore, oggi realizzati da Casiraghi al 34′ e  Bortolussi al 41′

Finisce 1-1 il match tra SudTirol e Cesena. Se la squadra bolzanina ha visto oggi sfumare matematicamente ogni possibilità di centrare la prima posizione, i bianconeri hanno invece sprecato l’opportunità di accorciare sulla Triestina, sconfitta dal Fano, ma oggi aritmetcamente almeno sesta in classifica. Alla squadra di Viali toccherà allora difendere la settima posizione con i denti nella prossima sfida interna contro l’Arezzo, che ancora deve evitare l’ultima posizione. Per il resto, è stata una buona prova quella del Cavalluccio, che nonostante l’iniziale svantaggio (rigore al 34′ di Casiraghi) è riuscito a rimontare con Bortolussi, sempre in gol dal dischetto al 41′, e a disputare un secondo tempo certamente migliore dei padroni di casa, pur non trasformando in gol le occasioni create. Ecco le pagelle di Cesena Mio:

NARDI 6: molto bravo a sventare due grosse minacce avversarie, ma il rigore assegnato agli avversari si origina da una sua maldestra uscita.

ZAPPELLA 6,5: mette molti traversoni in mezzo, specialmente nel primo tempo, sui quali però non sempre sono puntuali i compagni.

RICCI 6,5: continua il periodo d’oro del centrale difensivo, che anche stasera ha disputando un’altra partita senza sbavature.

GONNELLI 6,5: meno impreciso ad impostare rispetto al compagno di reparto, ma non per questo meno efficace alla marcatura e all’anticipo sugli attaccanti del SudTirol.

FAVALE 6,5: dopo un primo tempo in chiaroscuro, cresce nella ripresa, spingendo come nei tempi migliori. Al 61′ si dimentica di Karic, salvo poi rimontarlo in un secondo momento e murargli una conclusione che altrimenti sarebbe entrata in porta; una ventina di minuti dopo, sfiora il gol con un diagonale che si spegne di pochissimo sul fondo.

STEFFE’ 6: ci mette tanta gamba, ma non sempre è preciso nel fraseggio.

DAL 85′ COLLOCOLO SV

DI GENNARO 6,5: aiuta come al solito la squadra in entrambi le fasi, andando a prendere il pallone in difesa per poi far salire la squadra con tutta la sua qualità. Alla mezz’ora pesca con un lancio delizioso Caturano, solo in area di rigore, che però sciupa. Esce anzitempo per un problema alla coscia sinistra che ora tiene in apprensione tutta la città.

DAL 64′ CAPELLINI 6: con il suo ingresso e la contestuale uscita di Di Gennaro, viene a mancare molta qualità nel centrocampo bianconero, lui però non sfigura, giocando in maniera semplice e senza sbagliare.

PETERMANN 6,5: verticalizza poco, ma disputa un’ottima prova in fase di interdizione, conquistando molti palloni vaganti in mezzo al campo.

ZECCA 6: protagonista in entrambe le azioni che hanno portato ai penalty assegnati dal direttore di gara, anche se sul rigore a favore del SudTirol non sembra commettere fallo di mano, mentre è affossato in area su quello a favore del Cesena. Crea maggiori pericoli dopo l’uscita dal campo di Fabbri, ma sciupa al 62′ una clamorosa occasione, calciando debolmente a tu per tu con Poluzzi.

DAL 78′ SORRENTINO SV

CATURANO 5: unica vera nota stonata della serata: continua il momento no davanti alla porta, visto che avrebbe potuto fare molto di più in due ghiotte circostanze nel primo tempo.

DL 64′ RUSSINI 6: si accende a sprazzi, ma dai suoi piedi nascono comunque due occasioni da gol: da un suo cross Zecca impegna severamente Polizzi di testa, poi lancia Favale che in diagonale sfiora il palo.

BORTOLUSSI 6,5: interrompe finalmente un digiuno di oltre 700 minuti, trasformando per la terza volta in stagione dagli undici metri. E’ un ottimo riferimento per i compagni ed è sempre pericoloso, ma dopo l’uscita dal campo di Caturano ha stranamente meno opportunità di colpire a rete.

ALL. VIALI: anche oggi la sensazione è che il Cesena abbia raccolto meno di quanto abbia seminato. Aver comunque pareggiato contro una squadra reduce da cinque successi interni consecutivi ed in piena corsa per il primo posto è comunque un ottimo risultato, anche se adesso pure il sesto posto è definitivamente tramontato. Questo è comunque lo spirito e l’atteggiamento giusto per affrontare gli ormai imminenti playoff.


Elaborazione grafica tratta da  it.wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *