Solo per te, Cesena alé: la promozione a Giulianova

Striscione a Giulianova tifosi del Cesena
Invia l'articolo agli amici

TIFOSI – Il racconto della promozione ottenuta a Giulianova dopo una settimana di passione: finalmente il Cesena è tornato tra i professionisti!

Dopo una stagione lunghissima, sempre sulle montagne russe di emozioni con vittorie al cardiopalma, goleade, eurogol e sorpassi in classifica, la squadra di mister Angelini ha finalmente tagliato il traguardo della promozione in Lega Pro pareggiando sul campo del Giulianova (vedi Il Cesena è promosso in Lega Pro!) e accede di diritto alla poule scudetto. É risaputo da sempre che tifare per i colori bianconeri sia faticoso, ma in quest’ultima gara ci siamo superati. Chi si sarebbe aspettato a salvezza raggiunta in serie B, di trovarsi a neanche un anno di distanza a dover andare un giovedì mattina a fare la fila per riuscire ad accaparrarsi il biglietto per la decisiva trasferta di Giulianova? Da quel giorno alla domenica, al momento della partenza, è stato un turbinio di emozioni, aspettative, voglia di tornare a festeggiare insieme a tutti i tifosi del Cesena.

Domenica 5 maggio, ore 9.30: si parte! Finalmente è arrivato il giorno che tutti aspettavano, dopo una notte passata a guardare la sveglia per paura di arrivare tardi all’appuntamento con la storia. Sì, perché anche se si tratta della volata finale nel campionato dei dilettanti, a Cesena e al suo popolo poco importa: lui c’è sempre, dal Meazza di Milano al Romagnoli di Campobasso. Grazie all’interessamento e allo sforzo della società, le 1500 circa persone presenti in terra abruzzese erano quasi totalmente arrivate dalla Romagna per vedere dal vivo le ormai collaudate giocate di classe di Danilo Alessandro e le cavalcate inarrestabili sulla fascia di Valeri. Pronti e via e il match prende in poco tempo la piega che i 22 in campo sognano da giorni: chi per mantenere la categoria e chi per salutare (e, si spera, non rivedere più) un campionato stranissimo e di per sé divertente per certi versi ma povero di qualità e spettacolo.

Al triplice fischio del direttore di gara è gioia pura: bandiere, sciarpe, pezze, mani, tutto in alto verso il cielo! La Romagna bianconera torna nel mondo che gli spetta, dopo una stagione in cui è stato centrato l’obiettivo più difficile nel calcio, ovvero quello di vincere. Le emozioni sono tante e difficilmente descrivibili: nel marasma generale della festa promozione ho però ricavato la top 10 della giornata:

• “Danilo Alessandro sempre lui, 1-0 Cesena“;

• “Tagliati, tagliati, tagliati i capelli, Capellini tagliati i capelli!“;

• La gioia negli occhi dei giovani Zamagni e Campagna per aver riportato la squadra per cui hanno sempre tifato, nel mondo del professionismo;

• Le maglie celebrative “lololoolololo” del tormentone dell’intera stagione;

• L’apparente calma e serenità del Presidente Patrignani a quasi un anno dall’inizio dell’incarico;

• La quinta promozione conquistata sul campo dal capitano Beppe De Feudis;

• L’originalissimo striscione  “aDDio pag. 256 di Televideo“;

• “Romagna mia” fra i camion fermi nell’autogrill di Civitanova Marche;

• L’immancabile pioggia all’arrivo del pullman allo stadio;

• E per finire non poteva mancare il brindisi in famiglia, ovviamente a base di sangiovese e bottiglia targata FC Cesena “RINASCITA”!


Le immagini della festa sul sito calciocesena.com/it

Commenta con Facebook

About Filippo Maestri

Filippo Maestri è un giovane tifoso bianconero che, molto precocemente, già all’età di 3 anni, ha assistito alla sua prima partita dagli spalti del Dino Manuzzi! Non poteva che essere amore a prima vista… Dall’età di 13 anni, Filippo è abbonato in Curva Mare e, ora che ha terminato gli studi all’Istituto Tecnico Pascal di Cesena, riesce anche a seguire il Cavaluccio in giro per l’Italia. Pur senza precedenti come blogger, dimostra grande voglia e determinazione nel voler scrivere dell’amato Cesena e attraverso Cesena Mio dà sfogo a queste sue passioni.

View all posts by Filippo Maestri →