Siena: stato di forma, aneddoti e curiosità

Cesena-Siena
Condividi questo articolo

AVVERSARI – La ACN Siena 1904 s.r.l., meglio nota come Siena e con soprannome Robur, è attualmente società calcistica di proprietà armena

Ed eccoci all’ultima partita di questo campionato e all’ultimo avversario, il Siena. Che poi non è proprio così, perché, in ogni caso, comuque vada, il Cesena i playoff li disputerà, peraltro da una posizione di partenza migliore rispetto a quella dell’anno scorso (terzo o quarto posto).

Dal canto suo, al Siena potrebbe addirittura non bastare una vittoria per salire all’ultimo momento sullo stesso carro, ma ad ogni modo la stagione dei bianconeri toscani sarà da considerarsi negativa, non fosse altro per i quattro allenatori cambiati in meno di sei mesi:  prima Alberto Gilardino, poi Massimiliano Maddaloni, seguito dopo appena sei giornate da Paolo Negro ed infine Pasquale Padalino, che molti ricorderanno per la sua lunga carriera da calciatore (218 presenze in Serie A, 75 in B), in particolare nel “Foggia dei miracoli” di Zeman, ma anche nella Fiorentina, nel Bologna e nell’Inter.

Prima della vittoria nell’ultimo turno contro il Pontedera, il Siena aveva inanellato ben cinque pareggi consecutivi, che seguivano due sconfitte (a Pescara e quella interna con il Gubbio): non si può certo parlare, dunque, di una squadra in salute, ma indubbiamente proverà a fare il possibile per dare una soddisfazione ai suoi tifosi.

Sostenitori che domani non sono previsti in numero massiccio, tanto è vero che la proprietà (che, lo ricordiamo, fa capo a un fondo di investimento armeno) ha offerto il posto allo stadio gratis a tutti i ragazzi dei settori giovanili locali. A proposito, l’impianto è intitolato ad Artemio Franchi, dirigente sportivo con origini senesi di grandissimo livello, già Presidente della FIGC, dell’UEFA e Vicepresidente della FIFA, oltre ad aver dato vita al Centro Tecnico di Coverciano; poi, essendo nato a Firenze, anche lo stadio della “viola” è intitolato a lui.

All’andata, il Cesena vinse 1-0 con gol di Candela (vedi Cesena 1-0 Siena, le pagelle di Cesena Mio). Una partita in qualche modo storica, perché l’ultima per il Cesena con una proprietà italiana: la vittoria rappresentò infatti  un bel regalo di benvenuto ai  futuri proprietari americani, che seguirono l’incontro dalla tribuna del Dino Manuzzi e che proprio il giorno dopo sarebbero subentrati a Patrignani ed alla compagine romagnola.


Immagine tratta dal sito calciocesena.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *