SerieD #38 – Il Cesena è promosso in Lega Pro!

Logo SerieD 2018-2019
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Vinto all’ultima giornata il duello con il Matelica. La Romagna festeggia anche la permanenza in SerieD del Forlì e i playout del Santarcangelo

Per gran parte delle 20 squadre partecipanti l’ultima giornata del Girone F di SerieD era decisiva per il raggiungimento dei traguardi stagionali, parziali o finali. Conseguenza di un torneo piuttosto equilibrato (per lo meno dalla terza posizione in giù), nel quale praticamente nessuno ha conseguito l’obiettivo in anticipo. Così come il Cesena ha dovuto attendere il termine della 38^ giornata per festeggiare la promozione in Lega Pro, il Forlì ha dovuto attendere il 90′ ed oltre dell’ultima partita per tirare un sospiro di sollievo, mentre il Santarcangelo prolunga ai playout quella battaglia che ad un certo punto sembrava irrimediabilmente persa. Sorprese anche in zona playoff, dove solo in extremis la Sangiustese ha sorpassato il Francavilla, che quindi ha chiuso ieri la sua stagione. Giocherà invece ancora il Cesena, inserito nel Triangolare 2 della Poule Scudetto assieme alla Pianese (da Piancastagnaio, provincia di Siena) ed alla vincente dello spareggio Modena-Pergolettese.

Al Cesena serviva un punto in quel di Giulianova per conseguire matematicamente la promozione in Lega Pro, circostanza che avrebbe parimenti garantito la permanenza in SerieD agli abruzzesi: il match è stato combattuto nel primo tempo, concluso sul punteggio di 1-1 per le reti di Alessandro e Tozzi Borsoi, poi l’intensità è visibilmente calata nella ripresa quando le due formazioni hanno preferito non correre rischi e prepararsi ai rispettivi festeggiamenti. Un pareggio che con il senno di poi nemmeno sarebbe servito, visto che il Matelica, distante 3 punti, non è andato oltre il pari casalingo 1-1 contro l’Isernia, che malgrado la mezza impresa retrocede in Eccellenza dopo una sola stagione.

L’impresa è invece completa per Nicola Campedelli ed il suo Forlì (43 punti), che supera 2-0 la fortissima Recanatese e si salva senza passare per i playout. I galletti aprofittano dell’errore del portiere avversario Sprecacè al 25′ (autogol) e poi mettono il risultato al sicuro al 66′ con il solito Ambrosini, condannando agli spareggi salvezza la Vastese (42), che perde 3-2 sul campo dell’Agnonese (39), anch’essa prossima protagonista dei playout. A giocarsi la permanenza in SerieD ci saranno anche l’Avezzano (42), che batte 1-0 il Pineto ma non riesce ad evitare il 15° posto, ed il Santarcangelo (37), che evita la retrocessione diretta superando 3-2 il San Nicolò Notaresco in un match rocambolesco: avanti con De Cerchio al 11′, i clementini si fanno raggiungere da Minella al 33′, poi ritornano in vantaggio con De Bernardi al 45′, ma Bontà li raggiunge di nuovo al 57′, finché ancora De Bernardi segna il gol partita al 68′. Questo risultato, unito alla vittoria dell’Agnonese, condanna quindi alla retrocessione l’Isernia (35), che accompagna il Castelfidardo (25), ieri sconfitto in casa 3-2 dal Montegiorgio.

Oltre che per le formazioni impegnate ad evitare la terza retrocessione, la stagione prosegue anche per le squadre piazzate dal secondo al quinto posto, che daranno vita ai playoff per formare una graduatoria da utilizzare in caso di ripescaggi. Vi accedono Matelica (80), Recanatese (63), Pineto (62) ed in extremis la Sangiustese (61), che vince 2-1 contro la Jesina e scavalca il Francavilla (60), bloccato sul 2-2 casalingo dall’indomita Savignanese. Un match subito scoppiettante, quello di Francavilla a Mare, con il vantaggio casalingo di Palumbo dopo un solo minuto di gioco ed il pareggio di Brigliadori appena due minuti dopo; all’ultimo minuto del primo tempo Guidi mette la freccia per i romagnoli, per un vantaggio che il portiere Moscatelli conserva al 83′ neutralizzando il calcio di rigore di Banegas, dovendosi però inchinare a Dos Santos al 89′.

Infine, è ininfluente ai fini della classifica la bella vittoria 2-1 della Sammaurese sul Campobasso nell’anticipo di sabato, con i giallorossi che ottengono un calcio di rigore dopo ben 54 giornate (trasformato da Zuppardo al 34′). Di Soumahin (S) al 72′ e Magri (C) al 89′ le altre reti. Con questo successo i pascoliani chiudono il campionato al 10° posto con 49 punti, conseguendo un’altra bella salvezza anticipata, al pari della neopromossa Savignanese (48): le due formazioni del Rubicone si ritroveranno quindi anche il prossimo anno in un derby sentitissimo.


Immagine tratta dal sito www.lnd.it/it/lega-nazionale-dilettanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *