SerieD #36 – Pari Cesena, il Matelica riduce a 3 i punti di distacco

Logo SerieD 2018-2019
Invia l'articolo agli amici

CAMPIONATO – Non c’è ancora il verdetto finale nel Girone F di SerieD: con due partite ancora da giocare, Cesena e Matelica sono ora divise da soli 3 punti

Ad un certo punto nel corso di questa terz’ultima giornata di SerieD, la 36^ per la precisione, il Cesena aveva allungato a 7 punti il suo vantaggio sul Matelica, situazione che a soli 180′ dal termine avrebbe determinato matematicamente la promozione dei romagnoli. Poi il Matelica ha dilagato sulla Savignanese ed il Cesena si è dovuto accontentare del pareggio contro il Notaresco: ora, con due sole partite da giocare, il distacco tra le prime della classe è quindi sceso da 4 a 3 punti e tutto è ancora possibile.

Nel frattempo, infuria la lotta anche in coda, dove il Forlì di Nicola Campedelli ha innestato il turbo (9 punti in 3 partite) e si sta portando verso un’insperata salvezza, mentre si fa sempre più drammatica la posizione del Santarcangelo, penultimo e con poche speranze visto il calendario. Da oggi sono invece matematicamente salve Savignanese e Sammaurese.

Il Cesena disputa un buon primo tempo e grazie al gol di Benassi al 38′ chiude in vantaggio la prima frazione a Teramo contro il San Nicolò Notaresco. Nella ripresa gli abruzzesi pervengono al pareggio con il sigillo di Minella su calcio di rigore, prima del rocambolesco finale: Fortunato porta praticamente in Lega Pro i bianconeri con la sua rete al 90′, ma Candellori pareggia al 93′ in mischia e rinvia tutto alle ultime due partite.

Verdetto promozione rimandato di almeno dieci giorni anche perché nel frattempo il Matelica dimostra di non avere nessuna intenzione di mollare: dopo 90″ i biancorossi sono già avanti con la Savignanese (Florian) e al 28′ il vantaggio è doppio grazie al rigore trasformato da Florian. La Savignanese però reagisce e a cavallo dell’intervallo pareggia: Scarponi accorcia al 43′ e Francesco Manuzzi completa l’inseguimento su rigore al 47′. Ma la parità dura poco, perché al 50′ Margarita rimette le cose a posto e al 57′ è ancora Florian, autore di una tripletta, a mettere al sicuro il risultato sul 4-2. Il calendario delle ultime due giornate recita: Cesena-Castelfidardo e Campobasso-Matelica il 28 aprile, Giulianova-Cesena e Matelica-Isernia il 5 maggio.

In chiave playoff, la Recanatese (62) impone il pareggio casalingo 1-1 alla Sangiustese (55) nello scontro diretto e si qualifica matematicamente. Traguardo vicinissimo anche per il Pineto (59), nonostante il ko incassato ad Agnone per 3-1, mentre il Francavilla (56) non va oltre il 2-2 casalingo con la Jesina e dovrà ancora guardarsi dall’assalto di Sangiustese e Notaresco (54) per conservare l’ultimo posto disponibile.

Il Castelfidardo (25) pareggia 3-3 con la Vastese e retrocede in Eccellenza, dove lo seguirà direttamente un’altra formazione. La squadra messa peggio è indubbiamente il Santarcangelo (33), penultimo dopo aver perso nettamente il derby del Morgagni: il Forlì (39) è travolgente e dopo aver incassato il gol su rigore di Falomi al 7′, mette la freccia e segna con Vesi (44′), Graziani (56′) e Urso (76′). Ora i galletti intravedono la clamorosa possibilità di salvarsi direttamente, visto che restano ad un solo punto dal Giulianova (40), vittorioso 1-0 sul Montegiorgio, ma sembrano avere un calendario più favorevole. Sarà invece durissima per l’Isernia (34), che ha perso 1-0 in casa della Sammaurese (Diop al 87′) ed ora dovrà ospitare il Francavilla e poi andare a Matelica, ma anche per l’Avezzano (35), che inaspettatamente perde in casa 1-0 con il Campobasso.

Anteprima 37^ giornata

Pareggiando con la Vastese, il Castelfidardo è matematicamente retrocesso in Eccellenza, ma questo non significa certo che il Cesena avrà vita facile domenica 28 al Dino Manuzzi: nonostante la situazione di classifica ormai compromessa, i marchigiani hanno infatti ottenuto ben 4 punti nelle ultime due uscite, andando ad espugnare Campobasso per 4-3 pochi giorni fa. Massima attenzione quindi, ma anche orecchie rivolte a Campobasso dove giocherà il Matelica, perché in caso di mancato successo degli ospiti, potrebbe esplodere la festa al Manuzzi… Con 9 punti in 3 partite il Forlì di Nicola Campedelli intravede ora la salvezza diretta e proverà a fare risultato in casa della Jesina, visto che il Giulianova è atteso dal difficile derby di San Nicolò. E’ invece quasi disperata la situazione del Santarcangelo, penultimo ed atteso dalla fortissima Recanatese.


Immagine tratta dal sito www.lnd.it/it/lega-nazionale-dilettanti

Commenta con Facebook

About Stefano Manzi

Impiegato e padre di famiglia, perdo ancora tempo come blogger ed eterno aspirante giornalista: dopo aver scritto per Il BiancoNero Magazine e la Federazione Italiana Sostenitori Squadre di Calcio, da settembre 2014 sono nella redazione zona sport di Destrosecco. Recentemente ho aperto il blog Cesena Mio e talvolta mi si può ascoltare come opinionista sportivo a UniRadio Cesena. Oltre all'amato Cesena calcio, seguo con immensa passione il ciclismo professionistico ed il rugby union, sport dei quali ho scritto per anni su Facebook, nonché sui siti web chorse.it e freeforall.it.

View all posts by Stefano Manzi →