SerieD #35 – A “soli” 270′ dal termine, il Cesena vola a +5 sul Matelica

Logo SerieD 2018-2019
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Giornata probabilmente decisiva, la 35^ di SerieD: il Cesena infatti vince 2-1 a Vasto, mentre il Matelica perde  1-0 a Recanati

Calendario alla mano, molti avevano previsto che questa giornata sarebbe stata probabilmente decisiva per la corsa promozione nel Girone F di SerieD (vedi La seconda di cinque finali: giornata decisiva per Cesena e Matelica). Ed in effetti, potrebbe davvero esserlo stata: nei palpitanti 90′ di gioco, sia a Recanati che a Vasto è successo davvero di tutto ed i colpi di scena si sono susseguiti senza sosta. Nell’altalena delle emozioni, ad un certo punto il Matelica si è ritrovato ad un solo punto dal Cesena (al riposo 0-0 a Recanati, 1-0 a Vasto), poi tutto è cambiato e dopo il gol di Pera e la doppietta dal dischetto di Alessandro, i marchigiani sono precipitati a 5 punti di distanza dalla vetta, quando mancano solo tre partite al termine del campionato.

Una giornata importantissima anche in coda, soprattutto per Forlì ed Avezzano che vincono e si rilanciano per la salvezza diretta, vista la contemporanea sconfitta del Giulianova che rimescola le carte in chiave playout, mentre il Santarcangelo perde in casa ed ora rischia tantissimo. Infine, sconfitte che non fanno troppo male per Savignanese e Sammaurese.

Il Cesena doveva vincere in casa della Vastese per rincorrere la promozione in Lega Pro, ma propone pochissimo nei primi 45′ ed anzi va sotto sul finire di tempo per il gol di Stivaletta, lanciato in contropiede a tu per tu con Agliardi dallo sciagurato retropassaggio di Munari. Nella ripresa però, i bianconeri rientrano in campo con il giusto piglio e pareggiano già al 50′ con Alessandro su calcio di rigore, assegnato per l’uscita sconsiderata del portiere locale che travolge Valeri in area di rigore. Al 62′ è ancora Alessandro ad andare a segno dal dischetto, ma questa volta occorre ringraziare arbitro e guardalinee, che considerano in area il fallo subito da Tortori al limite (decisamente più fuori che dentro). Nel finale, tanto nervosismo e le proteste del pubblico di casa, ma il risultato di 1-2 non cambia più ed il Cesena sale a +5 sulla diretta inseguitrice. Matelica che infatti è sconfitto 1-0 dalla Recanatese, a segno con il solito Pera al 71′. Nel finale la veemente razione biancorossa si schianta due volte contro i legni della porta leopardiana, mentre il romagnolo Melandri fallisce un calcio di rigore in pieno recupero. Clamorosa e, se vogliamo anche singolare, l’impresa realizzata dalla Recanatese in questo campionato, chiuso a punteggio pieno (12 punti) nelle sfide con le prime della classe.

In chiave salvezza è pesantissimo il successo per 1-0 del Forlì sulla Sangiustese, ottenuto grazie al gol di Cortesi al 4′. Ora sarà il derby Forlì-Santarcangelo di giovedì a decidere la salvezza delle due romagnole, visto che il Santarcangelo ha fatto harakiri al Mazzola negli istanti conclusivi: avanti 2-0 per la doppietta di Falomi (2′ e 58′), i clementini si fanno rimontare dal Francavilla, a segno prima con Banegas al 59′ e poi con Mancini e Palumbo al 89′ e al 90′. Sconfitta nel finale anche la Sammaurese, che in casa della Jesina subisce il gol partita di Bordo al 85′ dopo un match molto equilibrato. Ormai quasi in vacanza, la Savignanese perde in casa 1-0 contro l’agguerrito Avezzano, alla disperata caccia di punti salvezza, in gol con Manari al 23′.

Se la Recanatese è già sicura di disputare i playoff dall’alto dei suoi 61 punti ed il Pineto (59) li ha quasi messi al sicuro dilagando 3-1 in rimonta nel derby con il Giulianova, alle loro spalle la lotta è apertissima con tre squadre in 2 soli punti per l’ultimo posto disponibile. Detto di Francavilla (55) e Sangiustese (54), resta infatti in corsa anche il San Nicolò (53), prossimo avversario del Cesena, che ha pareggiato 1-1 a Montegiorgio.

Finisce 2-2 il derby Isernia-Agnonese con un punto ciascuno che lascia invariata la delicata situazione delle due compagini molisane, mentre c’è il colpo di coda del Castelfidardo (non ancora matematicamente retrocesso), che si toglie la soddisfazione di andare a vincere 4-3 in casa del già salvo Campobasso.

Anteprima 36^ giornata

Paradossalmente, dopo la grande paura delle ultime settimane, San Nicolò Notaresco potrebbe essere un paradiso anziché l’inferno fin qui temuto: infatti, vincendo, giovedì il Cesena potrebbe essere promosso matematicamente in Lega Pro, allorché il Matelica non dovesse battere la Savignanese al Giovanni Paolo II. Attenzione altissima anche al Morgagni, dove Forlì e Santarcangelo si giocheranno gran parte delle loro chance salvezza in un derby senza appello. Salvezza che potrebbe diventare matematica anche per la Sammaurese, che però non deve perdere al Macrelli contro l’Isernia.


Immagine tratta dal sito www.lnd.it/it/lega-nazionale-dilettanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *