SerieC, stasera i calendari. Alla fine saremo 59, 60 o 61?

Logo LegaPro SerieC
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Alle 19:00, in diretta su RaiSport, la presentazione dei calendari del campionato di SerieC 2019/20. Sperando che siano definitivi…

Nonostante gli apprezzabili sforzi da parte dell’establishment di dotarsi di regole più chiare e meno interpretabili, di prevedere tempi di discussione e delibera più ristretti, nonché di parametri più stringenti per l’ammissione delle società (vedi Entro domani le iscrizioni alla SerieC: Cesena ok, almeno tre a forte rischio), anche quest’anno si è arrivati al momento di svelare i calendari del campionato di SerieC senza l’assoluta e definitiva certezza di quali saranno le partecipanti. E’ vero, rispetto al passato c’è stata molta meno confusione nei vari step e meno sono state le situazioni critiche, la maggior parte delle quali definite prontamente, ma resta comunque una spiacevole coda che, a poche ore dall’evento (ore 19:00, trasmesso in diretta da RaiSport), non è ancora definita.

In particolare, sarà con ogni probabilità il Girone C, quello più meridionale, che sconterà i disagi di un cambio di format in corsa. La situazione è nota, ne abbiamo dato conto ieri sul nostro canale Telegram (vedi t.me/cesenamio/83), ed è così riassumibile: il CONI ha accolto i ricorsi di Bisceglie e Cerignola e quindi, almeno sulla carta, la Serie C 2019/20 passerebbe da 59 a 61 squadre. Ma non è così scontato, visto che si vorrebbe mantenere la formula 3×20=60. E’ però difficile, perché le riammissioni (Bisceglie) hanno la precedenza sui ripescaggi (Cerignola), ma è anche vero che il Cerignola era meglio piazzata nella graduatoria presentata dalla Serie D rispetto alle altre ripescate Modena e Reggiana. Insomma, il solito caos a cui abbiamo assistito negli ultimi anni…

Se la posizione del Bisceglie appare estremamente solida, visto che il ricorso è stato accolto pienamente e la riammissione è d’obbligo, più traballante appare la situazione del Cerignola, il cui ricorso è stato sì accolto, ma con motivazioni da valutare, circostanza che ha costretto la Lega Pro ad inviare un suo incaricato in Puglia per verificare in loco la situazione degli impianti sportivi, oggetto dell’iniziale estromissione e successivamente del ricorso accolto. Il sopralluogo avrebbe però avuto esito positivo, tanto che il Presidente dell’Audace Cerignola Nicola Grieco si mostra estremamente tranquillo: “Siamo in SerieC senza se e senza ma. Alla fine abbiamo ottenuto quello che volevamo. Sapevamo che era un ricorso difficile, ma la fiducia non è mai venuta meno. Sono stati 13 giorni di passione, siamo arrivati stanchissimi a livello mentale ma alla fine giustizia è stata fatta. Il Cerignola la C l’ha meritata tutta, abbiamo disputato un campionato di vertice e vinto i playoff”.

Cosa accadrà ora? Quale sarà la composizione numerica del Girone C? La Gazzetta dello Sport in edicola oggi azzarda una previsione: “Dopo le sentenze del CONI sui ricorsi, l’unica certezza è la riammissione del Bisceglie, con organico quindi che rispetta il format a 60. Il dubbio riguarda il Cerignola, che pure ha visto accogliere il ricorso per il ripescaggio, ma potrebbe non bastare: la FIGC considera perentorio il termine per i ripescaggi (5 luglio). Quindi oggi i calendari si fanno con 60 squadre: se poi il TAR darà ragione alla tesi della FIGC ok, se no il Cerignola sarà ripescato e il Girone C rifatto”.

Tutto a posto invece per quanti riguarda il Girone A ed il Girone B, quello che più ci interessa. Al proposito, in attesa di scoprire l’ordine con cui affronteremo le avversarie, ricordiamo la composizione del raggruppamento: Albinoleffe, ArzignanoValchiampo, Carpi, Cesena, Fano, FeralpiSalò, Fermana, Gubbio, Imolese, Modena, Padova, Ravenna, Reggiana, Rimini, Sambenedettese, SudTirol, Triestina, Vicenza, Virtus Verona, Vis Pesaro. Ricordiamo infine che il campionato inizierà domenica 25 agosto e terminerà domenica 26 aprile, con la post-season che inizierà subito dopo. La Coppa Italia di SerieC prenderà invece il via domenica 4 agosto con l’attesissimo derby Rimini-Cesena al Romeo Neri, in orario ancora da definire, per il primo turno del triangolare nel quale riposa invece la Vis Pesaro, che entrerà in scena l’11 agosto contro la perdente del primo incontro (Rimini in caso di parità) per poi sfidare la vincente il 18 agosto. In ogni caso, Cesena-Vis Pesaro si giocherà al Dino Manuzzi, mentre Vis Pesaro-Rimini è in programma al Tonino Benelli.


Immagine tratta dal sito www.lega-pro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *