SerieC: il punto su playoff e playout

Logo LegaPro SerieC
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Decisamente sottotraccia, in SerieC si sono conclusi i playout retrocessione, mentre prosegue la lotta per l’ultima promozione in Serie B

Con una decisione che già a suo tempo aveva scatenato moltissime polemiche, poco apprezzata dai club ed affatto dai tifosi, la FIGC aveva puntato i piedi per far disputare almeno i playoff ed i playout in SerieC (vedi SerieC in campo a fine giugno, ma solo per playoff e playout). Il risultato è stato che, scontentando praticamente tutti ed ottenendo attenzione mediatica pari a zero, la terza serie è tornata in campo per gli ultimi verdetti, ma rasentando a tratti il ridicolo. Ad esempio, al di là dei campanili e delle antipatie, la retrocessione “a tavolino” del Rimini grida vendetta perché pare tutto fuorché equa e come questa altre circostanze che non consentono di giudicare positivamente l’epilogo della stagione sportiva 2019/20 in Lega Pro.

Iniziamo proprio dalle retrocessioni in Serie D, quelle dirette e quelle al termine dei playout, esiti già definitivi in attesa di eventuali prossime riammissioni. Occupando l’ultimo posto in classifica nei rispettivi gironi al momento del lockdown, Gozzano, Rimini e Rieti sono retrocesse direttamente in Serie D. Come detto, clamoroso il caso del Rimini, che rispetto al Fano AJ aveva pari punti, pari differenza reti, pari gol segnati e parità anche nello scontro diretto disputato nelle Marche: così a decidere è stato il maggior numero di vittorie. Da segnalare che, se solo il campionato fosse proseguito per una settimana, si sarebbe giocata la partita di ritorno al Romeo Neri… Il Fano AJ ha poi comunque meritato la salvezza sul campo, ottenendo due vittorie contro il Ravenna (2-0 e 0-1), giustiziando così anche la seconda romagnola coinvolta nella bagarre retrocessione, dalla quale si è invece salvata l’Imolese, vittoriosa 2-1 in casa dell’Arzignano e poi brava a contenere sullo 0-0 il match di ritorno. Completano il quadro dei playout le 4 doppie sfide degli altri due gironi, dalle quali hanno salvato la categoria Pergolettese, Olbia, Picerno e Sicula Leonzio.

E’ invece appena iniziato il percorso dei playoff, forse ancor più stucchevole degli spareggi salvezza, visto che (giustamente) alcune squadre hanno persino rinunciato (Pro Patria, Piacenza, Modena e Arezzo). Così, a giocarsi la quarta promozione in Serie B assieme a Monza, Vicenza e Reggina (prime in classifica al momento della sospensione), si sono affacciate una ventina di squadre, ora ridotte a 13 dopo la disputa dei due primi turni. Giovedì si disputeranno gli ottavi di finale (gara secca sul campo della meglio piazzata), con tre squadre che però hanno già passato il turno in virtù del secondo posto in classifica: Carrarese, Reggio Audace e Bari che scenderanno in campo a partire dai quarti di finale. Le altre sfide sono Monopoli-Ternana, Juventus U23-Padova, Carpi-Alessandria, Potenza-Triestina e Renate-Novara, tutte in programma giovedì 9 luglio alle 20:30 (20:45 la partita di Monopoli). Per quanto visto finora, bene il Padova (0-0 con la Sambenedettese e 1-0 contro il FeralpiSalò), mentre più incerto è stato il cammino della Ternana (0-0 con l’Avellino e 1-1 contro il Catania), che però nel frattempo ha anche giocato e perso la finale di Coppa Italia contro la Juventus U23, match giocato al Dino Manuzzi di Cesena e conclusosi sul 2-1 per i bianconeri. Resta da vedere quale sarà lo stato di forma delle teste di serie che avranno avuto più tempo per prepararsi e certamente molti meno minuti nelle gambe in questo luglio così torrido, ma pare che una corazzata come il Bari possa ben recitare il ruolo della favorita.


Immagine tratta dal sito www.lega-pro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *