SerieC in campo a fine giugno, ma solo per playoff e playout

SerieC - Cesena
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Il Direttivo di Lega ha trovato l’accordo con la FIGC per la chiusura del campionato di SerieC 2019/20: coppa, playoff e playout dal 28 giugno

Nel corso dell’Assemblea tenutasi circa una settimana fa, la FIGC, approfittando del via libera dato dal Ministro Spadafora, aveva stabilito che tutti i campionati professionistici sarebbero dovuti ripartire: non soltanto Serie A e B quindi, ma anche la SerieC, che quasi un mese prima aveva invece proposto all’unanimità la fine anticipata del campionato, non avendo i club alcun vantaggio nel disputare le restanti partite a porte chiuse (vedi Colpo di scena: la SerieC deve tornare in campo!). In seguito a questa imprevista decisione del massimo organo del calcio italiano, la Lega Pro doveva prendere una decisione, che in effetti non ha tardato ad arrivare.

Venerdì scorso, alla presenza del Presidente FIGC Gabriele Gravina che si è poi detto soddisfatto, il Consiglio Direttivo della terza serie professionistica ha deciso di disputare soltanto playoff e playout, che serviranno per determinare le ulteriori promozioni e retrocessioni da sommare a quelle già decise, ovvero quelle delle attuali prime e ultime di ciascuno dei tre gironi. Dunque, Monza, Vicenza e Reggina sono promosse di diritto in Serie B perché prime classificate nei rispettivi gironi, mentre la novità è che Gozzano, Rimini e Rieti sono già retrocesse in Serie D in quanto ultime in classifica al momento della sospensione, così come Bisceglie e Rende che nel Girone C avevano maturato un distacco nei confronti della quart’ultima che, regole alla mano, le avrebbe comunque estromesse dai playout. Ma se dal lato promozioni non ci dovrebbero essere problemi, sul versante retrocessioni si preannunciano aspre battaglie legali, come peraltro promesso anche dal Presidente del Rimini Calcio. In effetti, la compagine romagnola era a pari punti in classifica con il Fano AJ al momento della sospensione, aveva pareggiato lo scontro diretto (0-0) ed era in attesa di giocare il ritorno al Romeo Neri: è del tutto normale che la decisione sia percepita come una grande ingiustizia al di sotto del Rubicone…

Altra decisione da prendere era la data per la ripartenza, che dovrebbe essere il 28 giugno. Le squadre coinvolte potranno ricominciare ad allenarsi, ma non è affatto escluso che diverse squadre rinunceranno a giocare i playoff a causa dei costi elevati da sostenere e della rigidità dei protocolli sanitari da seguire. E’ comunque certo che rivedremo il Cesena in campo solamente nella prossima stagione, visto che al momento dello stop era in una posizione di classifica che non avrebbe previsto nessun impegno aggiuntivo al termine del campionato. Un’ultima decisione riguardava la finale di Coppa Italia di SerieC tra Juventus under 23 e Ternana, partita che si disputerà domenica 28 giugno, in concomitanza con la prima giornata degli spareggi.

Nel suo intervento, il Presidente Gabriele Gravina ha inoltre ribadito l’esigenza di ripensare il format dei campionati soltanto ad emergenza finita, ovvero a partire dalla stagione 2021/22. Le idee sul tavolo sono tante: c’è chi ipotizza una SerieC sul modello della League One inglese o della 3. Liga tedesca, ovvero un unico campionato a livello nazionale con 20 squadre partecipanti; chi invece propone una semplificazione con una Serie B composta da due gironi di 20 squadre ciascuno. Qualsiasi sarà la scelta, la riforma avrà lo scopo di creare un campionato più seguito dai media e più auto-sostenibile economicamente, visto che attualmente la maggior parte dei club non può permettersi di passare dal dilettantismo al professionismo e molti di quelli che professionisti lo erano già, spesso falliscono dopo alcuni anni in terza serie.


Immagine tratta dal sito skysport.it

One Comment on “SerieC in campo a fine giugno, ma solo per playoff e playout”

  1. che pasticcio, le retrocessioni bisogna ammettere che sono vergognose, le ultime in classifica dovrebbero almeno avere la possibilita di giocare i play out (studiando una formula ad hoc) visto che mancavano diverse giornate alla fine. mah..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *