SerieC #36 – Crolla la capolista, si decide tutto in 180′

Nuovo Logo LegaPro SerieC
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – In attesa del SudTirol, che potrebbe essere la nuova capolista, il Perugia aggancia il Padova in vetta al Girone B di SerieC

Il Girone B di SerieC continua a regalare emozioni e sorprese fino in fondo. A sole due partite dal termine, infatti, tutti i verdetti sono ancora sospesi e praticamente tutte le squadre sono ancora in corsa per l’obiettivo. La 36^ giornata, peraltro non ancora conclusa, ha contribuito ad ingarbugliare ancora di più la situazione con alcuni risultati decisamente inaspettati.

Ed iniziamo proprio dalla cora alla promozione in Serie B, apertissima e che sarà decisa all’ultimo istante. Il Padova (73 punti), che solo un paio di settimane fa sembrava avere l’obiettivo a portata di mano, perde la seconda partita nelle ultime tre gare e stavolta lo fa davvero malamente, finendo travolto 3-0 a Modena. Un risultato che ha importantissime implicazioni anche in chiave playoff (vedi Playoff di SerieC: regolamento, date e scenari): il Modena è ora matematicamente quarto (66 punti contro i 59 della FeralpiSalò quinta, travolgente contro il Carpi, annientato 6-1) ed ha portato rispettivamente a 5 e 6 i punti di vantaggio rispetto a Renate (61) e Bari (60), le quarte degli altri due gironi, con ottime possibilità di essere la miglior quarta anche tra quattordici giorni e regalarsi un percorso molto più agevole nella post season, al pari di chi arriverà quinto in questo girone (FeralpiSalò o Triestina).

Approfitta della clamorosa sconfitta della capolista il Perugia (73), che non trova problemi nel surclassare 3-0 il Ravenna e portarsi così alla pari in classifica con i rivali. Tra i due litiganti potrebbe però godere il terzo incomodo, ovvero il SudTirol (71), che questa sera alle 21 affronterà la Triestina al Nereo Rocco e potrebbe balzare dal terzo al primo posto della classifica e dar vita ad un finale davvero incredibile.

La sconfitta del Ravenna ed il pareggio 1-1 dell’Arezzo sul campo del Legnago Salus confermano che quella di domenica prossima in Toscana sarà una finale per la sopravvivienza: con un successo, l’Arezzo (28) sarebbe matematicamente ai playout ed il Ravenna (26) in Serie D, mentre un pareggio o una vittoria dei romagnoli rimanderebbe tutto all’ultima giornata. La clamorosa vittoria 2-0 dell’Imolese a Cesena (doppietta di Polidori al 65′ su rigore e con una splendida rovesciata al 90′) ed il pareggio 0-0 del Fano AJ sul campo del Matelica valgono alle due formazioni appaiate a quota 32 punti l’accesso ai playout, scongiurando matematicamente guai peggiori, pur rimandando di poche settimane il momento della verità, cosa che invece non dovrebbe succedere alla Vis Pesaro, che con il pareggio 1-1 ottenuto contro la Fermana ha mantenuto a 3 le lunghezze di vantaggio sul Legnago Salus (38 a 35).

Per gli ultimi posti nella griglia playoff, finisce 0-0 tra Mantova e Gubbio, mentre la Sambenedettese va a vincere 1-0 in casa della Virtus Verona quello che poteva essere uno scontro diretto, ma senza considerare la più che certa penalizzazione che verrà inflitta ai rossoblù.

Preview 37^ giornata

Come detto, Arezzo-Ravenna potrebbe emettere il primo verdetto definitivo del Girone B di SerieC, così come Legnago Salus-Modena dovrebbe chiudere i ragionamenti incrociati con gli altri due raggruppamenti. Per la corsa alla Serie B, SudTirol-Cesena (domenica 25 alle 20:30), Carpi-Padova e Perugia-Matelica sono le tre sfide da seguire minuto per minuto.


Immagine tratta dal sito www.lega-pro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *