Serie B: equilibrio e sorprese, classifica sempre più corta

Novara-Cesena 2016
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Grande equilibrio in cadetteria: classifica talmente corta che playoff e playout distano appena 7 punti. E nel ritorno può succedere di tutto

Il 19° turno del campionato di serie B ha sottolineato ancora una volta il trend che ormai da anni caratterizza il campionato cadetto: tanto equilibrio in classifica e fattore campo molto spesso determinante. Con questi presupposti dobbiamo aspettarci un girone di ritorno dove tutto potrà accadere, anche repentini cambi di obiettivo per qualche compagine, vista la differenza minima in termini di punti tra zona playoff e zona playout. A dimostrazione dell’equilibrio anche in vetta e del fatto che per ora non ci sia una squadra in grado di “ammazzare” il campionato (come invece si pensava alla vigilia), il Verona è stato superato in classifica dal Frosinone, ma questa sera avrà la possibilità di contro sorpassare in caso di vittoria nel Monday-Night-Match contro l’Entella.

Il Frosinone nell’anticipo di venerdì ha regolato con un netto 4-1 il Trapani al Provinciale di Erice e, come detto, ha superato provvisoriamente l’Hellas in testa. Torna alla vittoria anche il Cittadella, che vince per 1-0 la sfida con il Pisa, il quale sta vivendo il momento più delicato della stagione viste le note vicissitudini societarie. Perdono in trasferta Spal e Perugia: la prima è caduta sonoramente 3-1 in casa della Pro Vercelli, mentre la seconda è stata sconfitta di misura 2-1 dallo Spezia. Pare funzionare la cura Colantuono per il Bari, vittorioso 2-1 nel match del San Nicola contro l’Avellino, società negli ultimi giorni invischiata in questioni giudiziarie riguardanti presunte combine. Continua anche la terapia Bisoli per il Vicenza, felice per la vittoria 2-1 in casa della Ternana che bissa il successo nel sentito derby col Verona di sabato scorso. Dopo la sorprendente vittoria a Frosinone, la Salernitana del neo tecnico Bollini perde 2-1 all’Arechi contro il Carpi di Fabrizio Castori nel match che vede il ritorno in campo di Fabio Concas, giocatore rimasto squalificato per due anni. Abbiamo già detto tutto di Novara-Cesena conclusasi 3-1, mentre sono terminate in pareggio LatinaBrescia (1-1) e BeneventoAscoli (0-0).

Otto squadre in appena 8 punti in cima alla classifica (dai 35 del Frosinone ai 27 del Bari) preannunciano un seconda parte di campionato molto interessante, non solo per la promozione diretta, ma anche per la qualificazione playoff: al momento, tra l’ultimo posto disponibile (l’ottavo) ed i playout (il diciottesimo) intercorrono solamente 7 punti, invariato rispetto alla giornata precedente. In fondo alla classifica, Trapani (12) a parte che non riesce più a vincere (e che nella prossima giornata farà visita al Cesena), troviamo la bellezza nove squadre in appena 4 punti, tutte coinvolte nella lotta per non retrocedere. Il Cesena (19) ovviamente fa parte di questo gruppo ed ora, in virtù del risultato maturato a Novara, si ritrova al terzultimo posto, situazione dalla quale è necessario uscire quanto prima: in quest’ottica non sono ammissibili risultati diversi dalla vittoria nel match di sabato in casa contro il fanalino di coda.


Immagini tratte dal sito www.legab.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.