Senigagliesi: “Il Cesena è un gradino sopra tutte, farà un campionato a parte”

SENIGAGLIESI SANGIUSTO
Invia l'articolo agli amici

INTERVISTA – Il tecnico marchigiano Stefano Senigagliesi ci svela i segreti della sorprendente Sangiustese, che domani sogna di fare lo sgambetto alla big Cesena

Giovane e sbarazzina è la Sangiustese, prossima avversaria del Cesena. La formazione marchigiana è imbattuta dopo aver raccolto tre successi ed un pari sull’ostico campo del Pineto ed è a tutti gli effetti una delle rivelazioni di questo avvio di stagione assieme al San Nicolò. In panchina per il secondo anno consecutivo siede Stefano Senigagliesi: l’esperto allenatore di Osimo, stimato da vari colleghi della categoria per proporre un calcio propositivo, tiene a bada i facili entusiasmi. Lo abbiamo intervistato alla vigilia del confronto di domani pomeriggio, ecco le sue dichiarazioni a Cesena Mio.

Ciao Stefano, state vivendo questo magic moment?
“Godiamoci i complimenti e le attenzioni del momento, ben consapevoli che prima o poi questo periodo potrebbe finire”.

Suvvia, la Sangiustese sta stupendo tutti in questo inizio…
“Siamo partiti oltre le più rosee aspettative, ma sappiamo bene che i nostri obiettivi principali sono la valorizzazione dei giovani e la salvezza, motivo per cui questo ottimo bottino di 10 punti è fieno messo in cascina per il futuro”.

Quali sono i vostri punti di forza?
“Ho a disposizione un gruppo giovanissimo, schiero puntualmente 5-6 under in campo; il portiere Chiodini, Camillucci ex Ancona e Moracci ex Verona sono i tre giocatori punti di riferimento. Facciamo valere il nostro senso di appartenenza, la tranquillità, abbinate ad un modello tattico di gioco definito. Veniamo da un ottimo pareggio in casa del Pineto, arrivato al termina di una prestazione solida, di qualità; un risultato raggiunto senza fare le barricate, ma giocando a viso aperto con personalità”.

Lo stesso farete sabato al cospetto del Cesena?
“Nel nostro calendario ci sono due partite in meno, quelle contro i bianconeri. Dico questo perché penso che il Cesena sia un gradino sopra le altre e farà un cammino a parte in questa stagione. Sicuramente non dico che non abbiamo nulla da perdere, perché se esci sconfitto hai zero punti. Siamo reduci da tre gare dispendiose in una settimana, c’è un giorno in meno di recupero, è un percorso complicato per noi: cercheremo perciò di fare del nostro meglio facendo valere l’entusiasmo di questo bel periodo”.

Hai già avuto modo di osservare il Cavalluccio?
“Ho iniziato a visionare i filmati da lunedì mattina. I romagnoli di mister Angelini hanno tutti gli ingredienti per togliersi grandi soddisfazioni: blasone, individualità di spicco, identità di gioco e quella sfrontatezza che hanno le big. L’attacco è fortissimo, il centrocampo con De Feudis e Biondini ha solidità, qualità ed esperienza, la difesa è di categoria”.

Per il sodalizio di Monte San Giusto si tratterà di una giornata comunque storica…
“Per la nostra società partita pochi anni fa dalla Terza categoria ritrovarsi di fronte il Cesena, società blasonata e di tradizione nazionale, è motivo di orgoglio e soddisfazione. E’ un’occasione importante, una giornata di festa per tutti”.

Un pronostico sul campionato?
“Ribadisco, il Cesena ha lo scettro della favorita e difficilmente si lascerà sfuggire il traguardo. Matelica, Avezzano, Forlì, Francavilla, Recanatese, Pineto e Vastese si contenderanno i quattro posti playoff. Queste formazioni hanno investito tanto e sono superiori alle altre”.


Foto tratta dal profilo Facebook di Stefano Senigagliesi