Santarcangelo prima e Cesena poi: il binomio che caratterizza la sfida di Angelini

Santarcangelo-Cesena racconto trasferta
Invia l'articolo agli amici

NONTISCORDARDIME – Domani pomeriggio (ore 15) il Cesena sfiderà al Manuzzi il Santarcangelo. All’andata netto successo dei bianconeri per 0-4

Dopo la vittoria del Matelica nel match di recupero contro il Pineto e il conseguente vantaggio sulla seconda del Cesena stabilizzatosi a +8, i bianconeri sono pronti a rituffarsi nel campionato dopo l’importantissima vittoria nello scorso turno in casa del Francavilla. Ospite di questo turno al Manuzzi sarà la vicina Santarcangelo, che non sta affatto passando un buon momento. Storicamente è una sfida nel segno di mister Beppe Angelini, giocatore e allenatore dei gialloblu, che nelle scorse stagioni ha fatto la storia dei clementini, riuscendo a portarli tra i professionisti per la prima volta nella loro storia.

Il primo approdo in D del Santarcangelo è del 1982 con la prima e storica promozione sotto la guida tecnica di NicolettiDopo sette stagioni in LND, nel 1990 arrivò un’amara retrocessione con Elivio Selighini in panchina. Nel 1996-1997, con il ritorno in Eccellenza, arrivò subito un sontuoso record. Il portiere Claudio Ruffolo diventò il  più imbattuto estremo difensore della storia del club con i suoi 523 minuti d’imbattibilità. Ciononostante in quella stagione il Santarcangelo perse lo spareggio per la Serie D contro il Boca posticipando la promozione all’anno seguente. Tredici stagioni dopo, grazie al campionato vinto nell’annata 2010/2011 contro formazioni più quotate come Teramo e Rimini, i romagnoli conquistarono il loro primo campionato tra i professionisti in Seconda Divisione, grazie al sopra citato Beppe Angelini. I 77 punti, con cui l’attuale tecnico bianconero trionfò, furono il frutto di 22 vittorie, 11 pareggi e 5 sconfitte, a cui vanno aggiunti ben 66 gol fatti e solamente 20 subiti.

Domenica l’attuale allenatore del Cesena affronterà ancora una volta i gialloblu da avversario. L’augurio è ovviamente quello di replicare il largo 0-4 con cui il Cavalluccio si impose nel match di andata, al termine di una partita in totale controllo e probabilmente una delle migliori della stagione. Il Santarcangelo invece proverà ad uscire dalla zona retrocessione anche se l’impegno non è dei più abbordabili.

Commenta con Facebook

About Rinaldo Belleggia

Rinaldo Belleggia è marchigiano di nascita, ma è stato cesenate per larghi tratti della sua vita. La Romagna gli è entrata nel cuore anche grazie al Cavalluccio, ciononostante, si ostina a rimanere un gobbo… Per 4 anni ha condotto il programma radiofonico Radio Tifoso su Uniradio Cesena. Attualmente collabora con Il Corriere di Romagna e gestisce il blog a stampo calcistico rinaldocalcio.info. Recentemente ha frequentato e superatoil corso per Match Analyst a Milano. Su Cesena Mio si occupa con grande passione e dedizione di personaggi, aneddoti, storie e statistiche del calcio.

View all posts by Rinaldo Belleggia →