Salvate il nostro povero Cesena

Condividi questo articolo
E’ notizia di ieri che 3 milioni e 670 mila euro sono stati bloccati dalle casse del Cesena su disposizione dell’Autorità Giudiziaria in virtù delle indagini legate al periodo di presidenza di Igor Campedelli. A novembre la società bianconera si era adoperata per fornire alla Finanza tutti i documenti necessari per porre fine a questa telenovela. Ricapitoliamo brevemente per chi non ne fosse al corrente: pare che dal 2008 al 2013 Campedelli e altri 5 soci (tra i quali figurano Mancini e Marin, con quest’ultimo ancora a libro paga del Cesena) abbiano attuato una serie di raggiri contabili ed amministrativi, con lo scopo di svuotare le casse del Cesena e generare con quei soldi dei fondi neri, che poi andavano a incrementare i propri conti correnti.
In relazione a ciò, il presidente Lugaresi ha dato la propria disponibilità per aiutare la Finanza a risolvere questa matassa, che vede come unico danneggiato proprio il Cesena, che ora si trova con quasi 4 milioni di euro bloccati, senza contare gli 11 che nel corso del tempo la banda di Campedelli avrebbe trafugato dalle casse dei bianconeri. Questi ultimi servirebbero per pagare gli stipendi a giugno e per garantire l’iscrizione al prossimo campionato. Si sta lavorando per sbloccare questo denaro e poterlo utilizzare, dal momento che pare decisamente assurda la decisione di tenerli bloccati e renderli dunque inutilizzabili. Da tifoso sono amareggiato e profondamente deluso dalla vecchia “dirigenza”, e mi auguro che la giustizia una volta tanto riesca a portare a compimento il suo corso. Dall’altro mi piace sottolineare come la società attuale si sia adoperata per aiutare la Finanza nelle indagini pur sapendo di poterci rimettere, come effettivamente sta accadendo. Rimane comunque una profonda tristezza per questa vicenda, che esula completamente dal mondo dello sport. Persone già ricche che vogliono diventare ancora più ricche, persone povere che inevitabilmente diventano sempre più povere. Poi ci siamo noi, poveri tifosi, che maciniamo chilometri per seguire la squadra, che pensiamo giornalmente alla gara del sabato, ma che nel calcio attuale, purtroppo, contiamo meno di zero.
Ci sarebbe poi da parlare della gara di sabato prossimo contro il Novara, vero spartiacque della stagione: una sconfitta sancirebbe probabilmente la fine di questa stagione, un pareggio terrebbe vive le speranze mentre una vittoria garantirebbe aritmeticamente l’accesso ai play off alla squadra di Drago. Le defezioni sono importanti, ma i bianconeri hanno dimostrato nel corso della stagione di saper rispondere alla grande ai momenti di difficoltà. Chissà che sul campo non venga data una risposta anche alle questioni economiche, nella speranza di non veder morire così il nostro povero Cavalluccio.
Foto di Luigi Rega: www.cesenacalcio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.