Rodriguez ama i pisani…

Condividi questo articolo

OPINIONI DI UN DIVANO – “Meglio un morto in casa che pisani all’uscio” è uno dei proverbi più conosciuti del nostro bel Paese, ma Rodríguez non concorda…

“Che Dio ti accontenti” è normalmente la risposta del pisano di turno… Comunque sia iniziata questa storiaccia fra Pisani e Livornesi, Lucchesi, Fiorentini eccetera, questa battuta è ormai consolidata. Questioni di campanile la rendono una verità inconfutabile, un po’ come la rivalità calcistica storica fra Cesena e Bologna. Chi si ricorda più com’è cominciata? E’ così. E basta. I livornesi del Vernacoliere, una delle più spassose riviste italiane di satira, ci marciano da sempre alla grande. Il titolo più mostruoso che mi ricordo io, vecchio divano logoro, fu quello inventato in occasione dell’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl nel 1986: “Nuvola atomia. Primi spaventosi effetti delle radiazioni: è nato un pisano furbo”. Sottotitolo: “Stupore ner mondo, sgomento ‘n Toscana”. Bestiale.

Insomma, la partita Cesena-Pisa l’avete vista. Con l’orlo delle mutande ed il cuore in subbuglio, i nostri divanisti hanno affrontato la partita tremanti, ma determinati a gioire. Si sono accorti ben presto che il “nemico” era messo ancora peggio di noi. Nonostante che in difesa abbiamo cercato di farci del male da soli al peggio delle nostre possibilità, nonostante alcune assenze importanti, quella di Cinelli innanzitutto (ah, perché? Era in campo? Scusate…), insomma, nonostante tutto abbiamo incamerato tre punti.

A fine partita, si è sciolta la tensione e, nell’euforia, il tuttologo, che non può resistere dal piazzare la solita citazione, ha tirato fuori quella del pisano all’uscio. Sepolto immediatamente da un coro unanime: “Pisani? Avercene! Se a Livornesi e Lucchesi non gli ‘garbano’, ci giochiamo noi tutte le domeniche!”. Insomma, un pisano all’uscio non si sa come può essere, ma al Dino Manuzzi è il benvenuto! Vi rendete conto che con il Pisa è tornato a volare anche Peter Pan Rodriguez?


Immagine tratta dal sito www.vernacoliere.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *