18 positivi, rinviata anche FeralpiSalò-Cesena

Centro Sportivo Rognoni - Villa Silvia di Cesena Gubbio
Condividi questo articolo

QUI CESENA – In seguito alle comunicazione dell’ASL, la Lega ha rinviato il match di Salò. Difficile prevedere quando si tornerà in campo

Purtroppo, l’epidemia di Covid-19 continua a diffondersi nello spogliatoio del Cesena: nella giornata di ieri sono infatti emerse altre 7 positività, per un totale di 18 nel gruppo squadra, di cui 11 riferibili a calciatori. Ai già noti Ardizzone, Bortolussi, Russini, Benedettini, Favale, Steffè ed un giovane della Primavera, si sono ora aggiunti anche Maddaloni, Longo, Gonnelli e Nardi.

Benché i protocolli FIGC prevedano la possibilità di richiedere il rinvio di una partita soltanto se la squadra che presenta l’istanza ha meno di 13 giocatori non positivi (conteggio che comunque comprende anche infortunati e squalificati), il Cesena ha comunque beneficiato del rinvio della gara contro la FeralpiSalò in programma domani, nonostante abbia “solo” 11 giocatori positivi contro i 15 attualmente negativi. “Merito” dell’AUSL della Romagna, che avendo etichettato lo spogliatoio bianconero come “focolaio”, ha permesso ai bianconeri di bypassare il regolamento e beneficiare così del rinvio. Oltre a questo, con una lettera inviata giovedì l’ente locale di sanità pubblica ha disposto misure stringenti atte a contenere la diffusione del contagio, tra cui il divieto di allenarsi in gruppo,

Difficile a questo punto prevedere quando il Cesena tornerà a giocare, visto che anche la gara interna con il Gubbio di sabato 13 febbraio pare fortemente a rischio: non è sicuro, infatti, che i primi giocatori ad essere risultati positivi (Russini, Bortolussi e Ardizzone) possano essere a disposizione dopo i 10 giorni di quarantena obbligatoria. Inoltre, non sarà certo facile tornare alla condizione fisica precedente, soprattutto se le positività continueranno ad emergere scaglionate tra loro, impedendo di fatto una calendarizzazione uguale per tutti.

Una situazione purtroppo già sperimentata da altre squadre di Serie C. Il Carpi, prima squadra ad essere colpita in maniera così massiccia, è precipitato in classifica, collezionando soltanto 6 punti nelle 6 partite giocate dopo la ripresa delle attività. Incredibile quanto invece accaduto alla Casertana, che si è vista negare il rinvio di Casertana-Viterbese pur avendo 15 positivi e si è presentata quindi in campo con solo 9 giocatori.

Ora tocca al Cesena dover fronteggiare una tale emergenza: la cosa più importante è che i ragazzi si rimettano  completamente e che presto i test molecolari ritornino a dare esiti negativi, per poi pensare con serenità a come ripartire nel migliore dei modi, oltre ad inserire al meglio i neoacquisti Sorrentino e Di Gennaro, che purtroppo non si sono ancora potuti allenare con i nuovi compagni.


Immagine tratta dal sito cesenatoday.it

One Comment on “18 positivi, rinviata anche FeralpiSalò-Cesena”

  1. Che dire. A volte non ci si pensa abbastanza quando si affrontano le cose o si stabiliscono delle regole. Trovo assurdo doversi presentare obbligatoriamente, come ha dovuto fare la Cavese. Tutti 8 giorni ci raccontano del perché delle zone gialle, rosse o arancioni, se diamo per scontato che , un motivo ci sarà, pure in una squadra di calcio le modalità non possono essere diverse, da una classe scolastica. Poi sono professionisti, è vero, ma la salute viene prima di tutti i campionati, cari dirigenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *