Altri due rigori (e sono 4) tra SudTirol e Cesena

Sudtirol-Cesena 1-1
Condividi questo articolo

COSI’ NON VAR – Così come all’andata, SudTirol e Cesena calciano un rigore a testa. Restano molti dubbi sul penalty dato ai biancorossi

Evidentemente è destino che tra Cesena e Sudtirol la sfida si decida… dal dischetto. All’andata i bianconeri fallirono con Bortolussi la possibilità di passare in vantaggio grazie alla respinta del portiere Poluzzi, che non si lasciò ipnotizzare dagli undici metri. A pochi secondi dalla fine fu invece Greco a sbagliare il rigore che avrebbe potuto consegnare tre punti ai suoi grazie all’ottima respinta di Nardi sotto la Curva Mare, desolatamente vuota. Nel pareggio per 1-1 di ieri sera invece (vedi SudTirol 1-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio), entrambi i tiratori sono andati a segno: Casiraghi al 35′ ha calciato centralmente, battendo il portiere bianconero, mentre sei minuti dopo Bortolussi ha tolto le ragnatele all’incrocio alla sinistra del numero uno bolzanino.

Al 35′ il primo episodio decisivo della serata. Sugli sviluppi di un angolo battuto da destra, Nardi esce malamente, facendosi scavalcare dal pallone che resta nelle disponibilità di Beccaro; il giocatore di casa calcia in porta, trovando però la deviazione ravvicinata di Zecca. Come si può vedere dall’immagine, l’arbitro è posizionato molto bene e fischia subito il rigore in favore del SudTirol, ammonendo l’esterno bianconero. La scelta di Maranesi di Ciampino appare però poco convincente, dal momento in cui Zecca si trovava estremente vicino al numero 30 del SudTirol e con il braccio attaccato al corpo. Un fischio dunque molto fiscale e dubbio che, in caso di VAR, sarebbe stato probabilmente visto e rivisto più volte.

Passano appena sei giri di lancette quando, finalmente, il Cesena decide di battere un calcio d’angolo direttamente in porta, invece che cincischiare con il pallone sulla trequarti: la battuta di Petermann è molto interessante e la difesa si trova tagliata fuori sull’inserimento di Zecca che, strattonato per la maglietta, finisce a terra proprio di fronte al direttore di gara. Il rigore appare dunque netto, considerando che il difensore bolzanino, come si può vedere dall’immagine, si disinteressa completamente della sfera, preoccupandosi unicamente di ostacolare Zecca. Curioso il fatto che pochi passi indietro, anche Zappella venga strattonato nello stesso istante. La seconda buona notizia, dopo l’angolo battuto dentro all’area, è il momento in cui Bortolussi prende il pallone e si dirige deciso sul dischetto: un altro errore dagli 11 metri sarebbe stato decisamente insopportabile.


Immagini tratte dalla diretta sul sito elevensports.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *