Buon Cesena, ma la Reggiana ha qualcosa in più (Eresie ep. 15)

Reggiana-Cesena
Condividi questo articolo

ERESIE BIANCONERE – Il Cesena ha colto un buon punto a Reggio Emilia, senza sfigurare al cospetto della forte capolista

Finisce con un pareggio a reti bianche la sfida fra prima e seconda del Girone B di Serie C. Un pareggio che permette al Modena (vittorioso sulla Vis Pesaro) di scavalcare al secondo posto proprio il Cesena. I bianconeri di Romagna si presentano a Reggio Emilia vogliosi di misurarsi con la prima della classe e durante i novanta minuti non sfigurano affatto, guadagnando un buon punto (vedi SerieC #14 – Pari tra Reggiana e Cesena, il Modena chiude il gap).

Attenzione però, non sfigurare è un concetto simile ma leggermente diverso dal giocarsela alla pari: la sensazione è che la Reggiana abbia qualcosa in più e che l’inerzia tenda a spostare l’asse del campionato più verso l’Emilia che non verso la Romagna. In altre parole, quello che si è visto ieri lascia presagire un aumento del distacco fra le due formazioni, piuttosto che una diminuzione. La Reggiana è infatti sembrata viaggiare al suo passo in modalità comfort, mentre il Cesena, per mantenere lo stesso passo, ha dovuto aumentare i battiti in maniera non sostenibile nel lungo periodo. D’altronde, la diversa cilindrata delle due squadre (evidenziata anche dalla voce “investimenti”) è nota a tutti fin dall’estate, ragion per cui a mister Viali e a tutti i burdel va fatto un grande applauso per il campionato che stanno facendo.

Mai dire mai, però. L’inerzia si può sempre invertire e non sempre gli investimenti ottengono il risultato che si prefiggono. Il Cesena ha ampissimi margini di miglioramento, sia come collettivo che come rendimento dei singoli giocatori. Per quanto riguarda il collettivo, devo rilevare che ancora non è stato raggiunto il livello di gioco mostrato durante la scorsa stagione; per quanto riguarda i singoli, faccio tre esempi: Missiroli è migliorato, ma ancora non fa la differenza che potenzialmente potrebbe fare; Pierini è un altro giocatore che in C può essere illegale, ma lo deve dimostrare; infine non va dimenticato Zecca, che è appena rientrato da un lungo infortunio e nel proseguo può diventare un arma micidiale dei bianconeri. Dunque, non c’è assolutamente nulla che vieta al Cesena di crescere ancora e (tornando alla metafora dei battiti) di aumentare la sua capacità aerobica: se crescerà, potrà provare a tenere questo passo e forse anche aumentarlo.

Una doverosa menzione finale per Nardi, che ha declinato la gentile offerta di facili complimenti a fine partita, permettendo al Cesena di caricare invece sul pullman un ben più prezioso punto. E i complimenti dunque se li becca da me…


Immagine tratta dal sito calciocesena.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.