Pescara: stato di forma, ex e “doppi ex”

Serieb 21- Valzania in Pescara-Venezia
Condividi questo articolo

AVVERSARI – Tanti i giocatori che hanno vestito sia la maglia del Cesena che quella del Pescara. Tra questi, i cesenati doc Drudi e Valzania

Il Pescara è indubbiamente una delle grandi “nobili” di questo campionato, con 7 partecipazioni al campionato di Serie A e ben 40 di B (vedi Cesena-Pescara, una sfida infinita), anche se attualmente si trova un po’ staccata dalla vetta del Girone B di Serie C, con i suoi 20 punti, frutto di 5 vittorie, altrettanti pareggi e 2 sconfitte.

L’ultimo successo è arrivato nell’ultimo turno, a spese dell’Olbia, ma è anche vero che tra quella partita e la prossima gara del Dino Manuzzi (lunedì ore 21) c’è stata anche l’inattesa sconfitta contro il Teramo, in Coppa Italia. Una squadra dunque che sta attraversando una fase altalenante, complicata ancora di più all’infortunio del portiere titolare Di Gennaro, che ha obbligato il Pescara a tornare sul mercato degli svincolati, mettendo sotto contratto l’esperto Iacobucci (tra l’altro, pescarese doc).

A proposito della rosa biancoazzurra, sono diversi gli ex di turno, da Zappella a Drudi, fino ad arrivare a Valdifiori e, soprattutto, al mai dimenticato Marilungo, mentre dalla nostra parte va ricordato Rigoni. Sempre a proposito di doppi ex, diversi sono i nomi del passato, come Cascione, Belardi (che proprio da ex, appena subentrato dopo l’espulsione del portiere titolare, parò un rigore a Succi in un Cesena-Pescara 1-1 del 2013), Bucchi, Olivi e Nobile, mentre in tempi più recenti possiamo citare Lapadula ed il cesenate purosangue Valzania.

L’allenatore è Gaetano Autieri, già attaccante di medio livello anche con Genoa e Palermo: terminata a soli 31 anni la carriera calcistica, ha iniziato quella di tecnico nel 1994 nell’Atletico Catania (tra l’altro, curiosamente, come allenatore dei portieri), per poi proseguire allenando quasi sempre squadre del centro-sud.

A livello di tifoseria, va segnalato come il gemellaggio con i supporter del Vicenza rappresenti il primo caso a livello mondiale, essendo attivo sin dal 1977; anche con il Livorno esistono buoni rapporti, rinsaldati in particolare dopo la tragedia che vide la morte del calciatore dei toscani Piermario Morosini, avvenuta il 14 aprile del 2012 proprio allo Stadio Adriatico di Pescara. Le rivalità principali si segnalano con Lazio e Verona, ma anche i cesenati stessi vengono segnalati tra le principali inamicizie.


Immagine tratta dal sito www.legab.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *