Dal Barca alla Samba, la parabola di Maxi Lopez

Maxi Lopez
Condividi questo articolo

FIGURINE – Visto che si è esibito su ben altri palcoscenici, dalla Nazionale alla Champions League, Maxi Lopez è la star della Serie C

Quando nelle calde giornate estive a San Benedetto del Tronto iniziava a circolare il nome nientemeno che di Maxi Lopezlì per lì nessuno voleva crederci. Invece alla fine il neo Presidente Serafino ce l’ha fatta ad accaparrarsi una stella come l’ex nazionale argentino. Senza dubbio, il biondo attaccante 36enne è il volto più iconico della squadra rivierasca e dell’intera categoria, capace di portare alla ribalta delle cronache sportive italiane il nome della Sambenedettese.

La carriera di Lopez comincia nel River Plate prima e nel Barcellona poi. Con i catalani esordisce anche in Champions League, segnando un gol in un Barcellona-Chelsea del 2005, valido per gli ottavi di finale. L’anno seguente farà addirittura parte del team che riuscì a vincere la coppa nella finale contro l’Arsenal!

Poi, tra il 2006 e il 2009 gira tra Maiorca, Mosca e Gremio, finché nel gennaio del 2010 sbarca in Italia a Catania, dove rimane per 2 anni esatti, prima di essere girato in prestito al Milan e poi alla Sampdoria, prima di tornare al Catania per 3 mesi. Quindi, nel gennaio 2014, un nuovo ritorno, stavolta alla Samp, dove si rende protagonista di un gesto alquanto singolare: in un Sampdoria-Inter si rifiuta di stringere la mano al connazionale Mauro Icardi, nuovo compagno dell’ex moglie la celebre Wanda Nara. Una storia che fece molto discutere e riempì le cronache gossippare, ai margini del rettangolo verde. Poi, nell’estate 2014, Maxi Lopez si accasa al Chievo, ma anche qui resta appena 3 mesi perché nel gennaio 2015 approda al Torino dove invece resta 2 anni e mezzo, prima di passare nella stagione 2017/18 all’Udinese.

Tanta Serie A quindi per l’argentino, che abbandona (temporanemente) l’Italia nell’estate del 2018, quando prova l’avventura brasiliana con il Vasco de Gama: le 11 reti ralizzate non lo inducono però a restare e quindi Lopez fa pronto ritorno in Italia, ma stavolta in Serie B al Crotone, al quale dà il suo contributo per la promozione in Serie A. Nonostante il bell’exploit, il tempo passa per tutti e prima di appendere gli scarpini al chiodo, la voglia di provare anche l’emozione della Serie C, in una piazza molto calda e passionale come San Benedetto del Tronto: finora 12 presenze e 3 gol per lui in maglia rossoblù.


Foto Francesco Mazzitello / LaPresse tratta dal sito sport.sky.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.