Olbia 0-1 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Olbia-Cesena Pagelle
Condividi questo articolo

PAGELLE – Terza vittoria consecutiva in trasferta per i bianconeri, che nel recupero sfondano ancora una volta grazie a Caturano

Tre vittorie su tre in trasferta per il Cesena, che continua ad ottenere risultati sorprendenti lontano dal Manuzzi, dimostrando solidità e cinismo. La squadra di Viali, probabilmente, nemmeno oggi avrebbe meritato i tre punti, dal momento che l’Olbia aveva sicuramente fatto meglio nei primi 45 minuti, oltre ad essere andata  vicinissima al gol al 20′ con il colpo di testa di Mancini, deviato miracolosamente sulla traversa da Nardi. La ripresa è stata però più equilibrata, con entrambe le squadre non lontane dal bersaglio grosso in più occasioni. Sicuramente agevolati dall’espulsione a metà secondo tempo di Brignani per doppia ammonizione, i bianconeri riescono a passare al 94′ e a portare a casa i tre punti, grazie a un fantastico colpo di tacco di Caturano su cross di Steffè. Cesena al momento ancora imbattuto e con un solo gol subito in 5 partite. Certamente il calendario sarà più complicato da qui in avanti, a cominciare da martedì, quando al Manuzzi arriverà il temibilissimo Modena. Ecco le pagelle di Cesena Mio:

NARDI 7: provvidenziale in diverse occasioni nel primo tempo, in particolare al 20′ sul colpo di testa di Mancini, che il numero uno bianconero riesce a deviare incredibilmente sulla traversa. Attento anche nel finale sull’ultimo assalto degli avversari.

CIOFI 6,5: da una fascia all’altra, lui c’è sempre, in fase di recupero e nella costruzione del gioco. Stato di forma importante per la colonna bianconera.

POGLIANO 5,5: indeciso sulle palle alte, con Mancini nel primo e Udoh nel secondo tempo vicinissimi al gol di testa. Un po’ meglio nei contrasti palla al piede.

DAL 62′ LEPRI 6: partenza un po’ indecisa, poi è sempre puntuale e sicuro su Ragatzu, aiutando anche Steffè a contenerlo.

MULE’ 6,5: riscatta le ultime opache performance con una gara di buon livello, giocata con costante attenzione.

YABRE 5: in costante difficoltà su Arboleda, che fa il bello e il cattivo tempo. Esce a fine primo tempo per infortunio: è il terzo terzino bianconero a farsi male dall’inizio della stagione.

DAL 46′ STEFFE’ 6,5: inizialmente in difficoltà sulle scorribande di Ragatzu, poi meglio con l’ingresso di Lepri. Spinge tantissimo però sulla fascia, mettendo pure a segno l’assist per la decisiva rete di Caturano.

ILARI 6: è poco pericoloso se non quando si incarica dei calci piazzati. Provvidenziale al 19′ quando rimonta Ragatzu che era a pochi passi da Nardi.

DAL 69′ BERTI 7: è col suo ingresso che il Cesena cambia definitivamente volto. Gioca tanti palloni in avanti per i compagni, con classe e coraggio, conferendo pericolosità alla manovra bianconera.

RIGONI 5,5: gara da rugbista, con passaggi esclusivamente all’indietro. Nella ripresa recupera almeno qualche pallone in più, riscattando parzialmente un primo tempo orribile.

ARDIZZONE 5,5: ha qualche idea di gioco in più rispetto a Rigoni, ma non sempre ha la giusta precisione per realizzarle. Troppo falloso nella ripresa.

PIERINI 5,5: prima presenza da titolare in campionato per il numero 10 bianconero, che dialoga bene con i compagni senza però riuscire mai a creare grossi pericoli, anche per via della straordinaria prestazione del terzino di casa Arboleda.

DAL 69 TONIN 6: qualche errore tecnico in qua e la, ma è il giovane scuola Milan a causare l’espulsione di Brignani.

BORTOLUSSI 5,5: gara strana per il bomber bianconero che stavolta lavora meno palloni per la squadra ma riesce a smarcarsi meglio in area di rigore; anche oggi, però, gli manca la giusta precisione per ritrovare il gol.

SHPENDI 5,5: schierato dal primo minuto per raggiungere i contributi legati al minutaggio degli under, il baby bianconero finisce per lo più imbrigliato dalla difesa avversaria, riuscendo però a farsi notare sulla fine del primo tempo per una bella azione personale fermata fallosamente da Brignani a pochi passi dall’area di rigore.

DAL 57′ CATURANO 7: entra lui e la manovra offensiva diventa più avvolgente e pericolosa. Dopo aver ciccato di testa da pochi metri un’occasione importante, segna il gol vittoria nei minuti di recupero con un pregevole colpo di tacco.

ALL. VIALI 6,5: costretto a un massiccio impiego di giovani sia per motivi di turnover che di cassa, il mister ha saputo raddrizzare un brutto primo tempo con i giusti cambi. Decisivi in particolare gli ingressi di Caturano e Berti, che hanno permesso al Cesena di alzare il proprio baricentro e mettere in affanno la difesa avversaria, fino ad arrivare a ottenere i tre punti.


Immagine tratta dal sito wikipedia.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *