Fermana 3-3 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Pagelle Fermana-Cesena
Condividi questo articolo

PAGELLE – Il Cesena spreca una bella occasione per tornare alla vittoria, impattando 3-3 sul campo della Fermana, dopo essere stata due volte in vantaggio

Altri due punti gettati al vento dal Cesena, rimontato nei minuti finali dalla Fermana, dopo essere stato per ben due volte in vantaggio nel corso della partita (1-2 e 2-3). I bianconeri disputano un buon primo tempo, rimontando lo svantaggio iniziale di Maistrello con le reti di Butic su rigore al 33′ e di Rosaia dalla distanza al 36′. Nella ripresa il copione cambia e la Fermana si fa subito più intraprendente, firmando al 52′ il pari col solito Maistrello. La squadra di Modesto riesce però a tornare avanti al 64′ con un altro gol capolavoro da fuori area, firmato stavolta dal neoentrato Franco. Eppure, quando la vittoria sembrava ormai ad un passo, la punizione di Molinari deviata dalla barriera spiazza Agliardi, costringendo i bianconeri a rimandare per l’ennesima volta l’appuntamento con la vittoria, mancante ormai da ben 6 turni. Queste le pagelle di Cesena Mio:

AGLIARDI 5,5: il numero uno bianconero non è completamente esente da responsabilità su due delle tre reti prese: sul primo gol avrebbe forse potuto abbozzare l’uscita, avendo Maistrello staccato a ridosso dell’area piccola, mentre sulla terza rete è parso a corto di riflessi e di rapidità sulla maligna deviazione della barriera.

RICCI 6: oggi è l’unico della retroguardia bianconera a meritare la sufficienza. In fase di marcatura è infatti il più attento dei tre, anche se in occasione del 2-2 sbaglia totalmente le marcature in area, insieme al resto della squadra.

BRIGNANI 5,5: non ha grosse responsabilità sulle reti subite, ma appare più svagato del solito. Sul finire di primo tempo viene graziato dall’arbitro, che non si avvede di un fallo di mano commesso al limite dell’area.

CIOFI 5: ha sulla coscienza il primo gol subito, avendo lasciato ampia libertà a Maistrello, anche se le colpe non sembrano essere totalmente attribuibili a lui. Sbaglia inoltre in occasione della seconda rete di Maistrello su clacio da fermo.

CAPELLINI 5,5: troppi appoggi sbagliati, specie quando si propone in fase offensiva. Almeno vince qualche dribbling sulla fascia destra, sebbene i bianconeri preferiscano attaccare sull’out opposto.

DAL 61′ FRANCHINI 6: spinge molto di più del collega, offrendo buoni spunti per i compagni.

ROSAIA 7: senza dubbio la migliore prova da quando veste la maglia bianconera: oltre ad accompagnare più spesso del slito le sortite offensive della squadra, trova un bellissimo gol dalla distanza, che fissa provvisoriamente il punteggio sul 1-2.

DE FEUDIS 6,5: non sempre preciso nelle rare verticalizzazioni, la sua presenza è comunque preziosa quando si tratta di difendere o recuperare qualche pallone vagante a metà campo.

VALERI 6,5: nel primo tempo è uno dei migliori. risultando quasi imprendibile sulla fascia di competenza, dove arriva spesso al cross, tanto che da uno di questi nasce il gol del momentaneo vantaggio di Rosaia. Viene però sostituito molto anticipatamente da Modesto dopo i primi 45 minuti.

DAL 46′ GIRAUDO 5,5: molto meno esuberante di Valeri, al punto che col suo ingresso in campo i bianconeri cominciano ad attaccare sulla fascia destra. Se la cava meglio in fase difensiva.

BORELLO 7: non è andato in gol, ma è stato comunque uno dei migliori in campo. Si guadagna un preziosissimo calcio di rigore e tanti altri falli, soprattutto nella ripresa, facendo ammattire Sperotto e compagni. Davvero inspiegabile la sua sostituzione per Sarao sul 2-3, visto che il numero 28 avrebbe potuto garantire velocità de imprevedibilità sui ribaltamenti di fronte.

DAL 76′ SARAO 5: ha poco tempo tempo per farsi vedere, ma di certo non si fa ammirare. In una ventina di minuti solo un colpo di testa telefonato ed un paio di palloni persi o giocati tardivamente.

BUTIC 6,5: si muove tantissimo in area di rigore, eludendo spesso la difesa avversaria e dialogando proficuamente sia con Zerbin che con Borello. Sigla al 33′ il calcio di rigore che dà al Cesena la forza per chiudere il primo tempo in vantaggio. E’ difficilmente spiegabile anche la sua sostituzione dopo il 3-3 degli ospiti.

DAL 83′ ZECCA SV

ZERBIN 6: ingaggia sulla fascia tanti duelli con Iotti, non uscendone sempre vincitore. Riesce a dare il meglio di sé nel momento in cui attacca a sinistra insieme a Valeri.

DAL 61′ FRANCO 6,5: non tocca tantissimi palloni, ma segna il gol del 2-3 con una stupenda conclusione dalla lunga distanza che si infila all’incrocio dei pali.

ALL. MODESTO 5: dopo un primo tempo quasi dominato, il tecnico ha gestito malissimo il vantaggio con cambi avventati e poco comprensibili: gli ingressi di Giraudo e Sarao per Valeri e Borello hanno fatto perdere il pallino del gioco ai bianconeri, concedendo l’iniziativa alla Fermana, squadra che fino a quel momento era parsa una delle più scarse finora affrontate. Probabilmente si sarebbe potuto continuare con il 3-4-3 senza passare al 3-5-2, un modulo che anche oggi non ha dato frutti.


Elaborazione grafica tratta da www.wikipedia.org

One Comment on “Fermana 3-3 Cesena, le pagelle di Cesena Mio”

  1. Dare la colpa del primo gol a Ciofi quando è Brignani ad andare a farfalle a perdere palla lasiandolo solo contro uno trenta cm piu alto 😇😤

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *