Cesena 3-1 Isernia, le pagelle di Cesena Mio

Cesena-Isernia
Invia l'articolo agli amici

PAGELLE – Il Cesena torna alla vittoria superando 3-1 l’Isernia. Vantaggio ospite di Petitti, ribaltato dalla doppietta di Alessandro e dal gol di Valeri

Il Cesena è tornato a vincere dopo il brusco stop di domenica scorsa in casa della Recanatese. I bianconeri hanno infatti battuto 3-1 l’Isernia, anche se con qualche difficoltà. Al 3′ infatti i molisani sono passati in vantaggio con Petitti, bravo nello scagliare un gran destro dalla distanza che non ha lasciato scampo ad Agliardi, gelando così il Dino Manuzzi. Il Cesena ha accusato il colpo ed è parso confuso e senza idee, ma è stato ancora una volta Alessandro a rimettere le cose a posto: al 32′ il numero 10 bianconero infatti ha pareggitoa con una magistrale punizione delle sue, mentre 8 minuti dopo si è liberato di Frabotta ed ha servito un assist al bacio per Valeri, che ha realizzato il gol del sorpasso. Nella ripresa i ritmi sono calati, i bianconeri si sono limitti a controllare, chiudendo però la gara nei minuti finali con il solito Alessandro, che nella circostanza trasforma con freddezza il calcio di rigore. Tre punti d’oro verso la promozione, anche se la notizia che il Matelica ha superato proprio in extremis la Sangiustese (2-0 con reti al 85′ e 91′) rovina un po’ la festa del popolo bianconero. Queste le pagelle di Cesena Mio:

AGLIARDI 6: L’Isernia non tira mai in porta, salvo in occasione del vantaggio di Petitti a inizio gara, tiro sul quale c’era poco da fare.

NOCE 5: continua il momento no deil numero 26 bianconero, messo stavolta in grande difficoltà dagli attaccanti molisani, specialmente da Petitti nei primi minuti di gioco.

DAL 65′ VISCOMI 6,5: con il suo ingresso la difesa acquista grande sicurezza. Bravo nei minuti finali a lanciare Alessandro, che poi si procura e trasforma il conseguente calcio di rigore.

CIOFI 6: gioca una discreta gara, sia come centrale che come terzino destro nell’ultima mezzora di gioco, quando è chiamato a spingere sulla fascia.

BENASSI 6: dopo la débacle di Recanati, disputa una buona partita, senza commettere errori e senza subire la fisicità di Mbounga. Nella ripresa sfiora il gol su calcio di punizione.

VALERI 7: non parte bene, sbagliando molti appoggi e venendo sorpreso da Petitti in occasione del vantaggio degli ospiti. Cresce però con il passare dei minuti, siglando il gol del sorpasso con un pregevole piatto sinistro. Disputa poi un ottimo secondo tempo.

DAL 80′ RUTJENS sv

FORTUNATO 6: nella prima mezz’ora sbaglia tanto, ma dopo il pari di Alessandro la sua prestazione sale decisamente di tono. Oggi però sono mancati mancano i suoi inserimenti dalle retrovie.

DAl 55′ BIONDINI 6: tampona diverse iniziative avversarie, aiutando la squadra a conquistare la vittoria.

DE FEUDIS 7: il Conte è l’unico che nella prima mezz’ora gioca dignitosamente, senza farsi prendere dal nervosismo e senza commettere errori ingenui. Distribuisce per tutta la partita palloni con grande tecnica e saggezza, dimostrando che quando è al top, il Cesena non può fare a meno di lui.

CAMPAGNA 5,5: prestazione molto simile a quella di Fortunato. Il 2000 bianconero va infatti in confusione nel momento in cui l’Isernia conduce, riscattandosi poi però a vantaggio acquisito. Con l’uscita di Ricciardo si posiziona un po’ più avanti, mostrando finalmente le sue qualità.

TONELLI 6: funambolico ed imprendibile palla al piede, troppe volte sbaglia l’ultimo passaggio. L’ex Forlì comunque disputa una buona gara, aiutando la squadra a salire nei momenti più complicati.

DAL 64′ ZAMMARCHI 6: entra molto bene in partita, aiutando in fase difensiva. Peccato per essersi addormentato davanti a Tano nei minuti finali, mancando così quello che poteva essere il primo gol in campionato.

RICCIARDO 5,5: non è il solito GR9 e lo si vede fin dai primi minuti. Rispetto alla partita contro la Jesina, è comunque molto cercato dai compagni, ma in alcuni frangenti difetta di cattiveria e precisione.

Dal 73′ TORTORI 5,5: ingresso non proprio indimenticabile per lui. Sbaglia diversi lanci e non punge mai, anche se il tempo a disposizione è stato poco.

ALESSANDRO 8: il numero 10 bianconero regala altri tre punti d’oro al Cesena, dimostrando di essere ancora una volta in stato di grazia: prima pareggia battendo un calcio di punizione da applausi, poi serve pregevolmente Valeri per il 2-1 ed infine chiude i conti procurandosi e trasformando il calcio di rigore. Cosa chiedere di più ad un giocatore che ha siglato 14 gol e sfornato 18 assist?

ALL. ANGELINI 6,5: dopo una prima mezz’ora molto difficile, il Cesena riesce a vincere disputando una buona gara. Ancora una volta è però Alessandro che, così come contro la Jesina, deve rimettere le cose a posto, inventandosi un gol su calcio piazzato: senza di lui forse staremo parlando di un’altra partita. Va però dato atto che stavolta i bianconeri hanno controllato meravigliosamente la gara, senza complicarsi la vita come invece accaduto in diverse delle ultime partite.


Elaborazione grafica tratta dalla pagina www.facebook.com/calciocesenafc

Commenta con Facebook

About Matteo Magnani

Matteo Magnani è fedele tifoso del Cesena fin dalla tenera età di 8 anni, grazie alla grande passione trasmessagli dal padre. Studia Giurisprudenza nel campus di Ravenna e da oltre tre anni è uno degli apprezzati editor della pagina facebook emergente Per chi ama il Cesena, dove ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dell’editoria digitale, rigorosamente seguendo con passione (e spesso anche apprensione) le vicende del “suo” Cesena calcio.

View all posts by Matteo Magnani →