LE PAGELLE DI IVAN IL TERRIBILE: Cesena 1-0 Carpi

Condividi questo articolo

Nel big match della terza giornata arriva il primo successo in campionato del Cesena che supera di misura il Carpi con la rete di Milan Djuric

Primo tempo equilibrato con il possesso palla soprattutto del Cesena, con il Carpi pronto a colpire con le ripartenze, autentico marchio di fabbrica dell’ex Fabrizio Castori. Grazie a questo predominio territoriale, il Cavalluccio è partito meglio, con l’atteggiamento giusto, creando qualche grattacapo ai biancorossi soprattutto nei 20 minuti iniziali. Poi, dopo l’intervallo, la musica è cambiata e lo sterile possesso palla è diventato più concreto, con più occasioni da gol ed i bianconeri di Massimo Drago in campo col piglio giusto di chi vuole conquistare la prima vittoria in campionato. Il gol partita è arrivato al momento giusto, nei minuti finali quando diventa molto difficile replicare ed è uno di quelli d’autore, realizzato da Milan Djuric con una spettacolare sforbiciata volante. Lo stesso centravanti bosniaco, Antonio Cinelli, Michael Agazzi, Daniele Capelli e Mattia Vitale tra i migliori. Ecco le pagelle di Cesena Mio dopo questa importante vittoria casalinga:

AGAZZI  6,5: numero uno di grande spessore. Quando viene chiamato in causa risponde sempre presente con grande efficacia, come quando sventa in corner la botta di Catellani nella prima frazione. Infonde grande sicurezza ai compagni, sbrogliando diverse situazioni con uscite precise.

PERTICONE  6: si adatta in un ruolo non suo per esigenze di formazione e se la cava discretamente facendo valere la sua esperienza. Solo un salvataggio in extremis di Crimi sulla linea gli nega la gioia del gol in apertura.

CAPELLI  7: preciso e puntuale negli anticipi. Dirige con ritrovata sicurezza la retroguardia. Rigenerato in questo avvio di stagione, probabilmente per merito di una condizione fisica ottima che gli permette anche di tappare le falle dei colleghi di reparto. Un baluardo.

LIGI  6: acquisisce sicurezza al fianco di Capelli. Concreto e sbarazzino, rischia poco e quando serve tira la riga. Si concede anche di prendere iniziativa palla al piede. Difensore di categoria.

RENZETTI 6: al debutto bis con la maglia del Cavalluccio, riprende possesso  della sua fascia sinistra con autorevolezza, come se non se ne fosse mai andato. Gli emiliani gli bloccano la corsia costringendolo più alla difensiva, ma l’impegno non manca di certo. Bentornato !

KONE 6: al 33° Colombi gli ribatte la rasoiata del possibile vantaggio con un guizzo decisivo e poi nella ripresa alza sopra la traversa la sua parabola di testa al 82°. Poche sbavature e meno appoggi sbagliati rispetto al Perugia, a testimonianza di una crescita di condizione.

SCHIAVONE  6: l’atteggiamento attendista del Carpi gli permette di avere più spazi per andare a prendere palla davanti alla difesa, ma allo stesso tempo gli chiude i varchi per verticalizzare e quindi si limita a cercare il compagno più vicino in orizzontale. Buona la prima parte di gara, cala nella seconda. Piccoli segnali di crescita rispetto all’esordio ma la strada da fare è ancora tanta.

Dal 77° CASCIONE n.g.

CINELLI  7: giocatore molto intelligente tatticamente, svolge un grande lavoro oscuro. Sale notevolmente di tono nella ripresa, mettendo in apprensione gli avversari coi suoi inserimenti e prendendo in mano le redini della mediana. Suo il prezioso assist con il contagiri per il gol di Djuric.

VITALE  6,5: tra i più propositivi del primo tempo. A dispetto della giovane età, la palla non gli scotta mai tra i piedi. Apporta quel dinamismo mancato contro il Perugia ed anche tanta qualità negli ultimi 25 metri; riesce a districarsi egregiamente sia come esterno destro che come trequartista tra le linee.

Dal 72′ GARRITANO n.g.

DI ROBERTO  6: mancino da palato fine, a volte si intestardisce troppo con la palla tra i piedi, ma quando parte in percussione rischia di far male, come al 65° quando si beve il difensore sulla fascia sinistra e crea una ghiotta occasione non concretizzata da Djuric. Fino a quando regge fisicamente dà una mano anche in fase difensiva. Esordio certamente positivo.

Dal 85° RIGIONE n.g.

DJURIC  7: tiene costantemente sotto pressione Romagnoli con la sua prestanza fisica, ma troppo spesso si perde in errori banali tra stop mancati e appoggi sbagliati. Però col sinistro chiama Colombi alla complicata parata nell’angolino basso al 55° e poi si inventa un gol da cineteca con una fantastica volée che fa esplodere il Dino Manuzzi al minuto 83. E’ il match winner e questo basta e avanza.

ALL. DRAGO 6,5: lancia nella mischia gli ultimi arrivati Renzetti e Di Roberto in un 4-3-2-1 un po’ atipico con Vitale e Di Roberto più stretti alle spalle dell’ariete Djuric con Cinelli spesso allargato a destra per cercare di aprire le maglie strette degli emiliani. Nella ripresa passa al 4-3-3, tenendo il baricentro più alto ed aumentando la spinta offensiva: i frutti del forcing si materializzano meritatamente nel finale grazie al capolavoro di Djuric. E’ quindi anche suo il merito di questa importante vittoria, conquistata nonostante le pesanti assenze di giocatori chiave.


Questa settimana il pronostico di Cesena Mio (goo.gl/nmU9lv) è andato a segno, tra l’altro nella versione di maggior soddisfazione visto che il ballottaggio era tra lo 0-0 e l’1-0 …

10 Comments on “LE PAGELLE DI IVAN IL TERRIBILE: Cesena 1-0 Carpi”

  1. Ringraziamo tutti perle reazioni (mi piace, non mi piace) e per i commenti. Questa sera usciremo con l’analisi di tutte le pagelle scritte su Cesena-Carpi facendo le medie, i più ed i meno bravi in campo, i più buoni ed i più cattivi sulla tastiera. Da non perdere !

  2. Pagelle che mi trovano ancora una volta in disaccordo. Perticone forse il migliore in un ruolo non suo. Tra i due centrali molto meglio Ligi

  3. a mio avviso il primo tempo lo abbiamo giocato in dieci probabilmente non aveva chiara la posizione è il ruolo tant’è che dopo 20 minuti ha invertito i laterali

  4. Il calcio è bello perché è vario ed ognuno ha giustamente la sua opinione ma dire che Vitale non sa cosa fare del pallone mi sembra un’eresia 😉

  5. Burdel 7 a capelli e 6.5 a vitale… Ma che partita avete visto? Due cagne da galera di capelli e vitale che non sa cosa fare del pallone!!! 6 a Renzo e a di Roberto ???

  6. Esatto, è un centrale da sempre e stasera ha dovuto sostituire Balzano in un ruolo per lui inconsueto, tra l’altro cavandosela bene con esperienza. Grazie Alberto Neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *