Olympia Agnonese 1-2 Cesena, le pagelle di Cesena Mio

Pagelle Agnonese-Cesena
Invia l'articolo agli amici

PAGELLE – Vittoria con brivido per il Cesena, che supera 1-2 l’Olympia Agnonese rischiando qualcosa di troppo nel finale. In gol Fortunato e Ricciardo per i bianconeri, mentre l’autorete di Valeri al 72′ aveva riaperto la partita

Torna alla vittoria il Cesena, che al Cannarsa di Termoli batte l’Olympia Agnonese per 1-2. Una partita che sembrava in netto controllo e virtualmente chiusa, ma che poi nel finale si è clamorosamente complicata per i bianconeri. Fin dai primi minuti di gioco la squadra di Angelini ha fatto la voce grossa, portandosi in vantaggio di due reti in pochi minuti: infatti al 4′ il tiro di Alessandro da fuori area si stampa sul palo per poi terminare sui piedi di Fortunato, che da due passi non sbaglia e firma il vantaggio, mentre al 16′ Ricciardo approfitta degli errori di Mazzarani e Cassese per battere per la seconda volta Maraolo, non incolpevole nella circostanza. Anche nel secondo tempo il Cesena ha continuato a collezionare occasioni da rete (capitate soprattutto a Munari, De Feudis e Valeri), ma stavolta peccando di precisione e di fatto non chiudendo mai definitivamente la partita. L’ingresso di Ribeiro nell’Agnonese e il folle cambio di modulo varato da Angelini hanno poi complicato inutilmente le cose, e così al 72′ sul cross del brasiliano Valeri devia sfortunatamente nella propria porta. Segue una sofferenza incredibile, con tantissimi errori della retroguardia bianconera, ma fortunatamente il punteggio non cambia più e il Cesena conquista faticosamente i 3 punti. Ecco le pagelle di Cesena Mio:

AGLIARDI 6: praticamente mai chiamato in causa, salvo qualche uscita nel finale che dà sicurezza a una squadra in quel momento in palese difficoltà. Incolpevole sul gol subìto.

MARFELLA 5,5: spinge molto bene nei primi minuti, eclissandosi col passare del tempo. Male invece in fase difensiva: tanti gli errori sia in fase di disimpegno che in marcatura.

Dal 80′ NOCE sv

BENASSI sv

Dal 18′ VISCOMI 6: subentrato a Benassi per infortunio, è uno dei pochi della retroguardia bianconera a non andare in difficoltà, specie negli ultimi 20 minuti.

CIOFI 6: stesso discorso fatto per Viscomi; anche lui tiene botta per tutti i 90′, anticipando costantemente il centravanti granata Formuso.

VALERI 6: nel primo tempo è uno dei migliori in campo nonché uno dei più propositivi in fase di manovra, mentre nella ripresa commette diversi errori in fase difensiva, specie in occasione dell’autorete.

Dal 65′ RUTJENS 5: col suo ingresso la squadra passa a un 3-5-2/4-4-2, e nessuno ci capisce più nulla, soprattutto il numero 5 bianconero che incomincia a commettere una serie di errori clamorosi. Prima viene graziato dall’arbitro quando stende Ancora in area di rigore, poi va completamente a vuoto su Ribeiro in occasione del gol. Col successivo ingresso di Noce gli orrori difensivi finiscono.

DE FEUDIS 5,5: anche lui nel finale va in difficoltà assieme al resto della squadra. Soffre in particolare il dinamismo di Ricciardi e Barbato, mostrando di non essere in un ottimo periodo di forma.

FORTUNATO 7: ottima prova per l’ex Pineto, che ruba tantissimi palloni e firma la rete dello 0-1 grazie a un puntuale inserimento.

Dal 58′ TOLA 6: impatta bene sul match, aiutando Valeri in difesa e assistendo a intermittenza la fase offensiva.

MUNARI 5,5: produce tantissimo ma manca di concretezza, fallendo almeno un occasione da gol clamorosa nel primo tempo e colpendo un palo a porta sguarnita nella ripresa. Cala anche lui nei minuti finali.

TONELLI 7: conferma ancora una volta di essere devastante quando parte dall’inizio. E’ uno dei migliori in campo, oltre ad essere l’ispiratore principale del gol di Ricciardo. Folle la sua sostituzione per Rutjens a metà ripresa

ALESSANDRO 6,5: nel complesso disputa una buona gara, anche se nel finale cicca qualche contropiede di troppo. Dopo quattro minuti propizia il gol di Fortunato grazie a un suo tiro da fuori, mentre poco dopo solo un ottimo intervento di Maraolo gli nega il gol.

RICCIARDO 7: torna subito a segnare l’ariete bianconero, staccando Leonetti e Pera nella classifica marcatori. Oltre al gol, una prova sontuosa costellata da splendide giocate di sponda per i compagni.

Dal 71′ DE ANGELIS 5,5: entra in un momento complicatissimo della gara; tocca il primo pallone al minuto 88, perdendolo ingenuamente.

ALL. ANGELINI 5: Match dominato comodamente fino al minuto 65, quando il tecnico bianconero ha sostituito Tonelli per Rutjens abbassando notevolmente la squadra e passando a un 3-5-2 che però nei fatti sembrava più un 4-4-2, con il numero 5 bianconero chiamato più volte a ricoprire l’inedito ruolo di terzino destro. Da quel momento il Cesena è apparso in confusione, e gli avversari sino a quel momento nulli sono diventati pericolosissimi, anche se fortunatamente la vittoria è arrivata lo stesso. Insensato però cambiare  modulo e chiudersi in difesa quando si è in pieno controllo della gara.


Elaborazione grafica tratta dalla pagina Facebook Cesena FC

Commenta con Facebook

About Matteo Magnani

Matteo Magnani è fedele tifoso del Cesena fin dalla tenera età di 8 anni, grazie alla grande passione trasmessagli dal padre. Studia Giurisprudenza nel campus di Ravenna e da oltre tre anni è uno degli apprezzati editor della pagina facebook emergente Per chi ama il Cesena, dove ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dell’editoria digitale, rigorosamente seguendo con passione (e spesso anche apprensione) le vicende del “suo” Cesena calcio.

View all posts by Matteo Magnani →

One Comment on “Olympia Agnonese 1-2 Cesena, le pagelle di Cesena Mio”

  1. ieri angelini ha toppato, lo penso anchio..niente in confronto alle boiate a ripetizione fatte da castori per mesi e mesi lo scorso anno osannato dalla piazza, ora cosa facciamo con angelini, lo mettiamo in croce? (messaggio non rivolto a matteo magnani che è stato anche generoso col voto).

Comments are closed.