Confermate le neopromosse in SerieC

Neopromosse in SerieC
Condividi questo articolo

CAMPIONATO – Il Consiglio Federale ha decretato la promozione in SerieC delle squadre che al momento dello stop guidavano i rispettivi gironi. Eccole…

Il Consiglio Federale tenutosi a Roma il 7 giugno ha emanato i suoi verdetti, confermando in toto quanto era già trapelato da tempo. A differenza dei campionati professionistici (vedi Colpo di scena: la SerieC deve tornare in campo!), la Serie D ha infatti chiuso in anticipo la stagione 2019/20 e le squadre che al momento dello stop erano in testa ai rispettivi gironi sono automaticamente promosse in SerieCA causa dell’emergenza sanitaria, la parola fine al massimo campionato dilettantistico è quindi arrivata con 9 / 11 giornate di anticipo sulla chiusurprevista, visto che è stato ritenuto impossibile riprendere applicando tutti i (costosi) protocolli di sicurezza previsti. 

Andiamo quindi a vedere quali sono le 9 neopromosse, fornendo qualche curiosità su questi club, alcuni dei quali potrebbero essere prossimi avversari del Cesena nel prossimo campionato.

Lucchese

Beffardamente, la vincitrice del Girone A ha soffiato di un solo punto la promozione ad un’altra corazzata, il Prato, dopo che questa aveva guidato la classifica fino a due giornate prima dello stop. Per i rossoneri toscani guidati in panchina da Francesco Monaco si tratta dell’immediato ritorno in Serie C dopo appena un anno dalla tormentata rifondazione societaria.

Pro Sesto

Per il team di Sesto San Giovanni (MI) il salto è arrivato grazie ai 4 punti di vantaggio sul Legnano, battuto 3-2 nello scontro diretto giocato proprio prima del blocco. Per i sestesi si tratta di un ritorno al terzo livello calcistico nazionale a distanza di 11 anni, dopo che nell’ormai lontano 2010 il fallimento a stagione in corso relegò la società nel campionato di Promozione regionale, interrompendo un ciclo di ben 23 anni ininterrotti in SerieC.

Campodarsego

La più sorprendente tra le 9 promosse, Campodarsego è una cittadina di poco più di 14 mila anime alle porte di Padova che si affaccia in SerieC per la prima volta nella sua storia. Lo fa avendo distanziato di 5 lunghezze il Legnago. Il team, guidato da Antonio Andreucci e presieduto da Daniele Pagin, vanta in rosa una punta di lusso come Cristian Pasquato: per lui una presenza con la Juventus oltre a varie esperienze tra A e B con Empoli, Triestina, Lecce, Torino, Bologna, Padova, Livorno e Pescara.

Mantova

Una nobile decaduta che torna in SerieC dopo 3 anni dal cocente default societario. I ben 7 punti di vantaggio sul Fiorenzuola legittimano la netta superiorità del collettivo biancorosso, nel quale spiccano due elementi, l’ex Cesena Luigi Giorgi ed il navigato attaccante Cristian Altinier.

Grosseto

I toscani rivedono la SerieC dopo 5 anni, grazie alle due piccole e sudate lunghezze di vantaggio sul Monterosi. Un traguardo che solo qualche anno fa sembrava irraggiungibile, dopo i due default ravvicinati del 2015 e 2017. Complimenti a Lamberto Magrini ed ai suoi ragazzi.

Matelica

I tifosi del Cesena hanno avuto modo di conoscere questa compagine lo scorso anno, quando i marchigiani battagliarono fin quasi all’ultimo con il Cavalluccio per accaparrarsi la prima piazza nel mitologico Girone F. Matelica, un paese di 9.870 abitanti in provincia di Macerata, aveva consolidato l’abitudine di sostare nei piani alti della D, senza però centrare la promozione, visto che più volte è stata costretta alla piazza d’onore. Quest’anno invece, forse complice lo stop anticipato, i maceratesi sbarcano in terza serie, approfittando del calo del San Nicolò Notaresco che nella prima frazione di campionato aveva messo una seria ipoteca sulla promozione. Se i gironi di SerieC seguiranno la stessa logica di quest’anno, Cesena e Matelica si dovrebbero quindi ritrovare avversari…

Turris

Dopo 20 anni, Torre del Greco può esultare perché la sua Turris è finalmente tornata in C. Infatti, a cavallo degli anni ’70 e ’90, i campani erano habitué delle allora Serie C1 e C2. Nel girone G, vinto dai napoletani con 4 punti di margine sull’Ostia Mare, c’erano anche il Latina e la Torres (foneticamente buffo l’abbinamento visto nel girone di andata Turris-Torres).

Bitonto

Prima promozione in SerieC per i pugliesi, che si sono messi alle spalle il Sorrento e soprattutto il Foggia in un girone terribile che comprendeva anche Taranto, Fidelis Andria, Brindisi e Nocerina (tutte formazioni che hanno militato almeno in Serie B). Da notare che nel 2010 il calcio bitontino era praticamente scomparso, costretto alla ripartenza dal livello più basso in assoluto del panorama calcistico italiano, la Terza Categoria.

Palermo

L’ultima neopromossa è il Palermo, la  squadra più prestigiosa della Serie D 2019/20. I rosanero, ripartiti la scorsa estate dopo il default, hanno condotto in testa praticamente tutta la stagione, rispondendo colpo su colpo al Savoia che li insidiava. Ma la squadra del capoluogo siciliano, consegnata nelle mani di Rosario Pergolizzi, è stata una vera e propria fuoriserie della categoria: elementi come Mario Santana e Ferdinando Sforzini, senza dimenticare l’ex bomber del Cesena Giovanni Ricciardo, ribattezzato GR9, e diversi altri giocatori con tanta B e C alle spalle come Pelagotti, Accardi, Martinelli, Lancini e Crivello.


Immagine tratta dal sito www.lega-pro.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *