Contro il Modena, il Cesena non deve sbagliare

Verso Cesena-Imolese
Condividi questo articolo

QUI VILLA SILVIA – Ora ervirà una diversa gestione delle partite se il Cesena per provare a puntare al quinto posto in classifica

Se il pareggio contro il Perugia aveva conferito fiducia, il 2-2 di mercoledì contro il Matelica avrà probabilmente un effetto opposto (vedi Il Matelica è senza pozione, ma il Cesena si autoaffonda). Il Cesena aveva infatti disputato un primo tempo clamoroso, che gli aveva permesso di portarsi avanti di due gol, salvo poi subire una rete nel finale, in una delle poche sortite in avanti degli ospiti. Nella ripresa la musica però è cambiata e col passare dei minuti i bianconeri, nonostante avessero tre giorni in più di riposo degli avversari, sono apparsi sempre più stanchi e inermi agli assalti degli ospiti, che così hanno completato la rimonta.

Si può tranquillamente dire che i bianconeri hanno buttato via due punti: troppe volte la partita poteva essere archiviata, sia nel primo che nel secondo tempo, ma la mira in molti frangenti non è stata delle migliori. I cambi di Viali probabilmente poi ci hanno messo del loro. E’ vero che molti giocatori sono usciti per stanchezza o infortunio, ma la scelta di sostituire Zecca per Zappella, un terzino e non un’ala d’attacco, ha sicuramente spezzato ogni speranza di rimonta, chiudendo a dismisura la squadra nella propria metà campo, senza darle alcuna possibilità di poter ferire in contropiede l’avversario.

Classifica alla mano, nulla comunque è perduto: Modena, Triestina e FeralpiSalò non hanno vinto e pertanto non sono scappate in classifica. Il Cesena può dunque ancora posizionarsi al quinto posto, ma sicuramente occorrerà un altro spirito e un altro tipo di gestione delle partite da qui alla fine del campionato. Perchè ci può anche stare abbassare leggermente il proprio baricentro e puntare sulle ripartenze nel momento in cui pensi di avere meno energie dell’avversario, ma non è possibile trincerarsi nella propria metà campo, sostituendo gli attaccanti con dei terzini; specialmente se stai giocando contro una squadra che sulla carta ha all’incirca il tuo stesso valore.

Questa non vuole essere una critica generalizzata nei confronti del tecnico Viali, che fino adesso ha fatto un lavoro straordinario e sicuramente ha avuto dei grandi meriti per il cammino percorso dal Cesena in questa stagione, ma un appunto a fare meglio in vista dei prossimi impegni, a partire da domenica contro il Modena. per non ripetere gli errori commessi mercoledì.


Immagine tratta dal sito cesenatoday.it

2 Comments on “Contro il Modena, il Cesena non deve sbagliare”

  1. Ciofi è scivolato, ed è vero che fa errori ogni tanto, ma fa anche SEMPRE la prestazione..ci sono altri che fanno intere partite inguardabili..(dargli del fenomeno cosi a gratis mi pare quanto meno ingeneroso).

  2. Non condivido la vs analisi. Il gol di Volpicelli, nasce da un clamoroso errore del fenomeno Ciofi, che regala settimanalmente queste amnesie alla squadra. Una gran punizione, battuta. Poi se Collocolo sbaglia la porta da 5 metro a chi volete dare la colpa? Purtroppo il Cesena non è una squadra costruita per gestire e tutte le volte che li ha fatto, ha sempre subito troppo. Magari dovevi chiudere il primo tempo avanti di due gol. Il Matelica, ma qualsiasi altra squadra, sportivamente parlando cercando di dare il massimo sempre. Il Modena è una squadra quadrata, magari non riesce a finalizzare tanto , ma domenica il Sudtirol ha trovato due gran tiri, tipo Volpicelli, quindi il Cesena dovrà soffrire e tanto. A Modena, non vai a fare la partita. Il covid, gli infortuni , gli errori dei singoli, stanno ridimensionando una squadra, che comunque ha disputato fino ad ora un signor campionato , o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *