Il Matelica non molla: per il Cesena, i tifosi saranno il fattore decisivo

Matelica-Cesena
Condividi questo articolo

OPINIONI DI UN DIVANO – Per la quarta volta consecutiva il Matelica insegue la promozione. Sarà una lotta di nervi e noi tifosi dovremo fare la nostra parte

Non c’è niente da fare, abbiamo alle spalle una belva ferita che ci insegue con feroce determinazione. Se qualcuno si fa illusioni che i nostri avversari molleranno, secondo me sbaglia di grosso i conti. Il Matelica infatti ha un conto in sospeso molto lungo con quella che sembra una sorta di maledizione.

Questo, in sostanza è il quarto anno consecutivo che il presidente Canil investe cifre molto importanti, ma alla fine la promozione in Lega Pro, per un motivo o per l’altro, finora è sfumata ( e noi ci auguriamo, ovviamente, il poker). Prima la Samb, poi la Fermana e lo scorso anno la Vis Pesaro hanno beffato la squadra maceratese, ma il più recente è stato davvero un dramma sportivo. I biancorossi si sono presentati all’ultima giornata con un punto di vantaggio sulla Vis Pesaro, ma la trasferta ad Avezzano è risultata disastrosa. I calciatori allenati da mister Tiozzo hanno fallito un rigore con Kyeramateng a pochi minuti dal termine del primo tempo e nella ripresa sono stati colpiti da Dos Santos, mentre la Vis Pesaro, espugnando Castelfidardo 4-2 ha ottenuto il sorpasso conquistando l’agognata Lega Pro.

Con queste premesse, il nostro meteorite bianconero questa estate è precipitato improvvisamente, dopo il fallimento dell’AC Cesena, in un girone di Serie D che il Matelica contava finalmente di vincere a mani basse. La squadra nostra avversaria ha dunque, suo malgrado, un’esperienza di lotta al vertice in Serie D che noi non possediamo e la lunghezza della panchina del Matelica è di tutto rispetto. Per contro, la società ha accumulato una serie di frustrazioni che, alla fine dei conti potrebbero pesare psicologicamente in negativo.

Sarà quindi un finale di stagione veramente da brividi, nonostante il riscaldamento planetario. Dalla nostra ci sono ben cinque punti di vantaggio. Basteranno? Stiamo arrivando ad una fase nella quale i valori tecnici conteranno sempre meno, mentre emergeranno i valori umani e caratteriali. Saranno decisivi gli allenatori e gli “uomini squadra”. Infine, anche il pubblico farà la sua parte, specie nelle trasferte, costituendo un elemento assolutamente importante.

Gli inseguitori sono in una bolla di euforia e d’altronde sarebbe impossibile non volare sulle ali dell’entusiasmo dopo 9 vittorie di fila e dopo che il loro pareggio di domenica ha fatto la patta con il nostro punticino striminzito di lunedì.

Domenica il Cesena dovrà dare una dimostrazione di forza e di carattere, rispondere sul campo ai mille fantasmi che aleggiano nella nostra testa. Giocare da superfavoriti non aiuta, il nervosismo sale alle stelle, ma da qui in avanti tutto si giocherà soprattutto sulla tenuta mentale. Guardate il decaduto Modena che si è fatto battere in casa dall’ultima in classifica (il Classe) e rischia di restare in Serie D…

La prossima partita col Pineto darà molte risposte, e speriamo positive. Non ci sono più calcoli da fare, gambe in spalla, correre e vincere. Tutto qui. With a little help from my Friends, devono cantare gli undici che scenderanno in campo. Con un piccolo aiuto dei miei amici. E quelli siamo noi. Prepariamoci dunque anche noi a questa emozionante volata finale.

Vogliamo vincere! …e tutti insieme vincerem.


Immagine tratta dalla pagina www.facebook.com/calciocesenafc

One Comment on “Il Matelica non molla: per il Cesena, i tifosi saranno il fattore decisivo”

  1. Speriamo rientri Munari…..e che il Matelica un po’ rallenti anche lui….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *