“Mimmo” Malonga e la storica doppietta al Lecce

Dominique Malonga
Condividi questo articolo

FIGURINE – Ripercorriamo la storia bianconera di Dominique “Mimmo” Malonga, un giocatore che nel suo piccolo ha scritto un pezzo della storia del Cesena

Probabilmente tutti ricordano la serata del 15 maggio 2010. Il Cesena è di scena a Lecce in un Via del Mare gremito da 35.000 tifosi salentini pronti a festeggiare il ritorno in Serie A. Lo spicchio dei tifosi bianconeri è piccolissimo e diventa minuscolo quando Munari, dopo appena 7′, insacca in rete un calcio d’angolo di Jeda. La partita scorre tranquilla sino all’80° quando sale in cattedra un certo Dominique Malonga e in appena 3′ ribalta il punteggio, spegnendo in gola l’urlo del Via del Mare e regalando 3 punti importantissimi al Cesena, in quel momento in piena corsa per la Serie A. Questo breve episodio è il ricordo più nitido di Malonga, franco-congolese classe 1989, che tra il 2009 e il 2012 ha vestito per 3 stagioni la maglia del Cesena. Cresciuto nelle giovanili del Monaco, prima di arrivare in Romagna passò dal Torino, dove esordì anche in Serie A e segnò un gol al Catania. Dopo l’esperienza a Cesena fu girato in prestito al Vicenza e al Real Murcia, per poi passare da Hibernian, Pro Vercelli e Elche (dalla quale si è svincolato al termine di questa stagione).

Malonga è un attaccante in grado di garantire velocità, dribling, movimenti alle spalle dei difensori, fiuto del gol e imprevedibilità negli ultimi 30 metri. Nonostante in bianconero abbia messo a segno appena 10 marcature in 56 presenze, nelle sue reti si trova un ricco repertorio: tiro dalla distanza, colpo di testa, dribling secco e inserimenti in area. Il suo punto debole, che ne ha segnato la carriera, è probabilmente l’incapacità di esprimersi al massimo. La sua esperienza romagnola ha lasciato il retrogusto amaro del grande potenziale inespresso, tanto da portare il giornalista Fabio Benaglia a definirlo dalle colonne del “Corriere Romagna” come “un ragazzo dagli atteggiamenti tipo Homer Simpson seduto sul divano”. Dopo aver lasciato Cesena per il Vicenza, si tolse lo immediatamente lo sfizio di rifilare una doppietta proprio ai suoi ex compagni. Era un Vicenza-Cesena del settembre 2011 e sulla panchina bianconera sedeva Nicola Campedelli…

Cesena-Torino 1-1

Il primo gol di Malonga in maglia bianconera arriva proprio contro la sua ex squadra. Il Toro di Colantuono conduce al Manuzzi grazie alla rete di Leon ma la pronta risposta del Cesena è suoi piedi del giovane attaccante. Lauro stoppa di petto in corsa e dalla sinistra lascia partire lo spiovente verso l’area. Malonga taglia sul primo palo, approfittando dello spazio tra i due difensori granata e in scivolata insacca nella porta difesa da Matteo Sereni.

Cesena-Vicenza 3-1 (doppietta)

Sulla prima rete, quella che sigla il pari, Malonga si muove tra le linee di centrocampo e difesa dei vicentini per ricevere il passaggio di un suo compagno. Libero dal pressing lascia partire un destro dai 30 metri che si insacca sotto al sette. Gol di pregevole fattura. Nella seconda rete gli applausi vanno tributati all’azione precedente: Giaccherini allarga sulla destra, Colucci, per non lasciar spegnere il pallone sul fondo, si inventa un cross con una mezza rovesciata e Dominique in mezzo all’area insacca in tuffo di testa.

Frosinone-Cesena 0-2

Altra grande rete di Malonga al “Matusa”. Dopo aver ricevuto palla dalla sinistra, corre sulla fascia, arriva in area, si accentra, dribla secco un difensore frusinate e insacca nell’angolo alto.

Lecce-Cesena 1-2 (doppietta)

Questa doppietta racchiude l’essenza di Malonga. Probabilmente quella di Lecce è stata la sua migliore prestazione in maglia bianconera. L’1-1 è una botta da fuori area che prima di insaccarsi bacia la traversa. La rete del sorpasso è astuzia e velocità di pensiero. Colucci scaglia rasoterra una punizione dai 25 metri sulla quale si fionda Malonga che coglie di sorpresa tutti e modificando improvvisamente la traiettoria del pallone inganna l’estremo difensore giallorosso.

Bologna-Cesena 0-2

Un gol segnato nel sentito derby contro il Bologna ha sempre un valore affettivo enorme. La rete di Malonga trasuda anche qui talento. Sull’imbeccata di Von Bergen, Dominique elude ben 3 difensori con i suoi movimenti veloci, si invola in contropiede controllando di testa il rimbalzo e una volta entrato in area insacca sotto le gambe di Viviano. Il seguito è un balletto sotto la bandierina del calcio d’angolo e un abbraccio grintoso con Von Bergen.

Cagliari-Cesena 0-2

Cagliari-Cesena è un crocevia fondamentale della salvezza 2010/11. Quasi cento tifosi bianconeri si sobbarcano la trasferta in Sardegna per stare al fianco dei bianconeri. La partita la sblocca Jimenez, ma anche qui non manca la firma di Malonga. Caserta dalla difesa apre con un lungo lancio verso il lato opposto dove stanno transitando sia Giaccherini che Malonga. Il congolese lascia saggiamente il pallone a Jack e corre subito centralmente verso l’area attaccando lo spazio alle spalle di due difensori cagliaritani. Nel frattempo Giaccherini punta l’avversario sulla fascia, lo disorienta con una finta e lascia partire un assist rasoterra che Malonga deve solo spingere in rete.


Immagine tratta dal sito pressreader.com

One Comment on ““Mimmo” Malonga e la storica doppietta al Lecce”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *