La quattordicesima leggenda bianconera: Gianni Comandini

Gianni Comandini
Condividi questo articolo

BIANCONERO VINTAGE – Nell’intervallo della partita contro la Sambenedettese è stato premiato Gianni Comandini, autentico rapace d’area di rigore

Comandini Cesena
Comandini con la maglia del Cesena

Domenica scorsa è stato il turno di Gianni Comandini ad essere premiato dal Cesena come leggenda bianconera. Quando indossi il numero 9, esattamente come Comandini, sai già che qualunque partita sarà difficile e da conquistare a sportellate: tutti i difensori sono pronti a chiuderti ogni occasione anche con le maniere forti e se arrivi a fare il gol sai che gli applausi sono tutti i tuoi. Quando vedevi giocare Comandini sapevi che prima o poi l’avrebbe buttata dentro e lo spettacolo era garantito. Gianni nasce a Cesena il 18 maggio 1977 e percorre tutta la trafila delle giovanili fino ad arrivare al suo esordio in Serie C con la maglia bianconera nel campionato 1995/96. Dopo essere andato a “maturare” un anno a Montevarchi, ritorna al Cesena e gioca con continuità per due splendide stagioni, dove risulterà essere uno dei protagonisti della promozione in Serie B. Nella serie cadetta, le sue reti ben 14, parlano per lui: forza, velocità ed acrobazie, un vero bomber. Il Vicenza compra il suo cartellino già nel 1998 e quando passa alla corte dei veneti disputa un campionato straordinario, con 20 reti al suo attivo rendendosi protagonista della grande promozione del club biancorosso in Serie A.

Comandini Milan
Comandini con la maglia del Milan

Poi il grande salto: il Milan lo vuole a San Siro per fare coppia d’attacco con Shevchenko. Gianni non è andato a Milano da turista e pur segnando una rete nei preliminari di Champions League non trova la continuità e soprattutto uno standard fisico come dimostrato a Vicenza. Più panchina che partite, ma il grande giorno arriva e lui è pronto: il derby Milan-Inter. È titolare e nel primo tempo rifila una storica doppietta ai nerazzurri. Tutti vedono il vero Comandini, i difensori dell’Inter non riescono a fermarlo ed il Milan trionfa con uno storico 6-0. Purtroppo non basta per rimanere nei cuori dei rossoneri e comincia un lungo pellegrinaggio: Atalanta, Genoa per poi finire alla Ternana. Nel 2006 il fisico non risponde alla sua volontà ed a soli 29 anni deve dare l’addio al calcio.

Comandini Italia
Comandini con la maglia dell’Italia

Nel suo palmares Gianni vede anche l’azzurro e nel 2000 si laurea Campione d’Europa con gli azzurrini Under 21. Terminata la carriera da calciatore, Comandini ha continuato a fare parlare di sè con le sue scelte di vita: prima giramondo con la passione del surf e poi una carriera avviata nella musica. Non ha avuto tanta difficoltà a lasciare il calcio, perché ha fatto capire a tutti che non c’era solo quello nella sua vita. Quando ha capito che non avrebbe potuto incidere come avrebbe voluto, ha preferito uscire di scena.  Un grande attaccante che non è riuscito a dare continuità di rendimento, anche se tutti noi gli abbiamo riconosciuto il suo grande talento. Un campione con la maglia del Cesena!


Immagine tratta dal sito cesenatoday.it

3 Comments on “La quattordicesima leggenda bianconera: Gianni Comandini”

  1. Caro Amico,
    Quello che dice è vero e… non così tanto.
    Dice Eraclito che “tutto si muove e nulla sta fermo” e confrontando gli esseri alla corrente di un fiume, dice che “non potresti entrare due volte nello stesso fiume”.
    L’entità legale è totalmente diversa, è vero.
    Quindi cosa rimane invariato?
    L´amore.
    L’amore è lo stesso dal 1940. É l’amore che i nostri genitori ci hanno lasciato in eredità.

  2. Esatto. E’ un’osservazione legittima ed ineccepibile dal punto di vista formale e regolamentare. Che poi la passione, il tifo e l’amore per la squadra della propria città non tengano conto della forma, ma solo della sostanza, è tutt’altro discorso che (giustamente) non si affronta nell’articolo dedicato a Comandini.

  3. Scusate , senza offendere nessuno ma Gianni Comandini ha giocato nell’A.C.Cesena e , non dovrebbe mai aver giocato nella società che ha vinto il campionato di serie D girone F nell’anno 2018-2018 ovvero il Romagna Centro Cesena,vero ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *