Italiano: “Il Rende di Modesto? Il miglior calcio della Serie C”

Vincenzo Italiano
Condividi questo articolo

INTERVISTA – Dopo aver trionfato con il Trapani è appena passato allo Spezia: Vincenzo Italiano ha affrontato da avversario il nuovo allenatore del Cesena

Comincia a prendere forma il nuovo Cesena targato Francesco Modesto, che avrà a disposizione un organico profondamente rinnovato per affrontare la difficile Lega Pro (vedi Calciomercato #3 – E’ ormai fatta per Sabato. Molto vicino anche Ricci). Il giovane neo tecnico romagnolo proviene dall’ottima annata alla guida del Rende nel girone C di Serie C ed ora è atteso da un banco di prova davvero importante sulla panchina del blasonato Cesena: per lui tanti elogi per il bellissimo calcio espresso nella scorsa stagione, la prima da capo allenatore. L’ennesima conferma  arriva dal collega Vincenzo Italiano, 41enne allenatore del Trapani appena promosso in Serie B dopo aver trionfato ai playoff e da pochi giorni passato allo Spezia. Queste le dichiarazioni dell’ex centrocampista del Verona a Cesena Mio.

Ciao Vincenzo, complimenti per la sorprendente promozione in Serie B raggiunta con il tuo Trapani…
“Grazie mille. Abbiamo compiuto un’autentica impresa, impensabile ad inizio anno. Siamo riusciti a stravolgere ogni pronostico, è una grande soddisfazione”.

Durante la stagione, hai sfidato da il Rende di Francesco Modesto: il tuo giudizio sulla matricola calabrese?
“Posso confermare che il Rende è stata la formazione che ha proposto il miglior gioco dell’intero girone e probabilmente dell’intera Serie C: un calcio propositivo, piacevole, offensivo ed organizzato. Nella doppia sfida andata e ritorno abbiamo vinto sempre con l’identico risultato di 1-0, ma sempre al termine di gare equilibratissime, nelle quali il Rende ci ha messo in grossa difficoltà”.

Qualche dettaglio tattico in più?
“La squadra di Modesto attua il 3-4-3, parte in costruzione dal basso giocando palla a terra e porta tanti calciatori in fase offensiva, grazie anche alla spinta degli esterni. I quattro in linea mediana si sacrificano tanto sia in fase di possesso che non”.

Conosci bene il neo tecnico bianconero?
“Sì, ci conosciamo: è un allenatore giovane, preparatissimo, propositivo, con voglia di arrivare lontano. Inoltre è abituato a lavorare con i giovani. Sono contento per lui, per questa stimolante occasione che avrà per mettersi ulteriormente in mostra. Il Cesena ha fatto la scelta giusta, vi farà divertire col suo calcio”.

La tua opinione su Cesena?
“Conosco Cesena solo da avversario, ma si tratta di un ambiente di grande tradizione, con un pubblico caldo ed uno stadio eccezionale”.


Immagine tratta dal sito  www.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *