Troppi infortuni per poter continuare a vincere (Eresie ep. 30)

Imolese-Cesena 0-0 21/22
Condividi questo articolo

ERESIE BIANCONERE – Il Cesena non conquista la terza vittoria consecutiva, ma viene frenato da un’Imolese attenta

Il Cesena le prova tutte ma non riesce a scardinare il muro dell’Imolese (vedi Imolese 0-0 Cesena, le pagelle di Cesena Mio). Il derby finisce a reti inviolate con i bianconeri che non riescono a concretizzare la superiorità mostrata in campo, in particolar modo nella ripresa. La partita comincia con  il Cesena che al primo affondo colpisce una traversa con Bortolussi e con la squadra di casa che, attuando un pressing asfissiante, riesce a imbrigliare i bianconeri (traversa esclusa) per tutta la prima frazione. La squadra di Viali non può certo essere brillante visti i tanti impegni ravvicinati che ha dovuto sostenere, ma anche l’Imolese non può sostenere i ritmi del primo tempo.

E così nella ripresa il Cesena, lentamente ma inesorabilmente, prende campo e va più volte vicino al gol, terminando la gara con un vero e proprio forcing negli ultimi venti minuti, con tante situazioni create e sprecate per imprecisione e per poca lucidità. Per quanto riguarda i singoli c’è da segnalare un Ilari deludente, non solo perché si mangia un gol clamoroso ma anche perché, pur essendo uno dei più “freschi”, pare avere un passo inferiore agli altri protagonisti in campo. Frieser è ancora un oggetto misterioso, ma è giusto concedere all’austriaco un corposo periodo di ambientamento, evitando giudizi affrettati; l’obiettivo per il numero 31 è quello di essere pronto per la post-season. Fra i migliori bisogna ancora citare Pierini che subentra nelle ripresa e cambia letteralmente la partita, dando sempre l’impressione di poter creare scompiglio ogni volta che entra in possesso di palla.

Altra nota di merito va al solito Ciofi che, oltre a essere impeccabile dietro, si fa valere anche in fase di impostazione. Fa inoltre piacere vedere in campo Steven Shpendi che Viali fa entrare nel finale come mossa della disperazione. Il ragazzo sbaglia qualche pallone ma dimostra (o meglio, lascia intravvedere) voglia e personalità. Sarebbe stato utile forse anche in altre occasioni in passato. Il futuro invece si chiama Pontedera e il Cavalluccio lo affronterà domenica, nell’ultima gara di un febbraio infuocato. Un ultimo sforzo attende quindi i bianconeri che rischiano di pagare caro in termini di classifica questa situazione di emergenza difensiva.


Immagine tratta dal sito lacasadic.com

One Comment on “Troppi infortuni per poter continuare a vincere (Eresie ep. 30)”

  1. Poche scuse , gli nfortunati li hanno anche le altre squadre.
    Detto questo vado un po’ controcorrente ,stavolta dopo’ 75 minuti del solito calcio noioso e soporifero in stile Tiki taka del maestro Viali , nell’ ultimo quarto d ora ho visto finalmente un calcio aggressivo arrembante che mi ha svegliato dal torpore …..per me il miglior Cesena di tutta la stagione ….felice di aver scoperto che questa squadra può anche fare questo tipo di calcio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.