Girone di ritorno negativo per il Cesena (Eresie ep. 37)

Siena-Cesena
Condividi questo articolo

ERESIE BIANCONERE – Il Cesena ha conquistato il terzo posto, ma c’è poco da salvare del girone di ritorno dei bianconeri

Un brutto Cesena pareggia a Siena e ottiene l’accesso diretto alla fase nazionale dei playoff (vedi Siena 0-0 Cesena, le pagelle di Cesena Mio). Il risultato a occhiali non viene praticamente mai messo in discussione dalle due squadre in campo, se si esclude un clamoroso autogol tentato da Gonnelli e le occasioni capitate sui piedi di Steffè e soprattutto Bortolussi.

Mister Viali si inventa Ciofi davanti alla difesa e devo dire che l’esperimento non mi è affatto dispiaciuto, nonostante i tanti errori del giovane veterano bianconero, che però almeno ha provato a costruire e ha dimostrato di pensare calcio molto più velocemente dei colleghi che lo hanno preceduto in quel ruolo e che per tutta la stagione hanno infierito sui tempi di gioco (e di conseguenza sull’efficacia della manovra).

Comunque, il tecnico bianconero è dovuto tornare alla realtà dopo la vittoria tennistica ottenuta contro la Carrarese. E la realtà è che nel girone di ritorno le prestazioni sono state troppo spesso insufficienti, per non dire imbarazzanti. Ma dopo un girone pessimo in cui la squadra è stata molto lontana dall’esprimere il suo potenziale, ancora ci si crogiola con il bel girone d’andata. Che mentalità è quella di una squadra che a dicembre tira i remi in barca e invece di migliorare, peggiora sotto tutti gli aspetti possibili ed immaginabili? Il Cesena non poteva competere con Modena e Reggiana d’accordo, ma il potenziale per fare una decina di punti in più c’era tutto ed era dovere dell’allenatore ottenere il massimo dalla sua squadra. Non lo ha ottenuto ed ha passato un intero girone a ricordare la straordinarietà del girone di andata, senza peraltro mettere mano a nessuno dei problemi che si stavano ingigantendo sotto ai suoi occhi.

Il trend bianconero è stato in continuo peggioramento sia per quanto riguarda le prestazioni, che per quanto riguarda i risultati, che sono stati troppo altalenanti e questo non lascia certo presagire che seguiranno otto prestazioni importanti consecutive. Inoltre, negli ultimi tempi, Viali ha spesso parlato delle necessità di rimettere in pista più giocatori possibili, ma un giocatore come Zecca, che nei piani di inizio stagione doveva essere colui in grado di far fare il salto di qualità a tutta la squadra, ha oggi giocato solo un piccolissimo scampolo, in una partita perfetta per le sue caratteristiche, se consideriamo che il Siena aveva solo un risultato a disposizione. Di questo passo i novanta minuti li avrà nelle gambe durante il prossimo girone di andata…


Immagine tratta dal sito teleromagna24.it

2 Comments on “Girone di ritorno negativo per il Cesena (Eresie ep. 37)”

  1. Si pero Luca a mio parere dovresti avere qualche prova per fare ste affermazioni. A sentire certe persone sembra che la colpa sia di Frieser e del mercato degli americani. La realtà è che il mercato non ha sicuramente peggiorato il valore di una squadra che aveva fatto 39 punti in 19 partite. A meno che tu non voglia sostenere che se avessimo tenuto Nannelli e non fosse arrivato Frieser la squadra avrebbe fatto faville. P.S: in interviste recenti sia Di Gennaro che Russini hanno affermato che sarebbero rimasti volentieri, per cui c’è un buon 50% di possibilità che a non volere Di Gennaro sia stato proprio “Willy” (l’altro 50% è di Zebi).

  2. Frìser deve giocare per ordine dai piani alti. Pensa solo aver avuto Di Gennaro al posto di Frìser. Io sto con Willy. Poveri noi il prossimo anno. Questi hanno pochi soldi e tanta incompetenza. Poi Frìser non so bene neanche come scrive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.