Galloppa: “Sfidare una big come la Triestina potrebbe essere un vantaggio”

Daniele Galloppa
Condividi questo articolo

INTERVISTA – Introduciamo i temi della sfida Cesena-Triestina di domenica con Daniele Galloppa, ex tecnico del Santarcangelo e compagno di Modesto al Parma

Mister Daniele Galloppa domenica sarà sugli spalti dell’Orogel Stadium per assistere all’attesa sfida tra Cesena e Triestina.  Da una parte la squadra della città in cui vive, dall’altra quella nella quale ha militato giovanissimo dal 2004 al 2006 all’inizio della sua carriera, collezionando 56 presenze ed una rete. L’ex centrocampista di Siena, Modena e Parma (dove ai tempi militava anche Francesco Modesto) nella passata stagione era sulla panchina del Santarcangelo, dove ha operato tra mille difficoltà societarie che hanno poi portato alla scomparsa del club clementino. Con lui introduciamo i temi di questo insidioso big match, in programma alle ore 17:30 di domenica pomeriggio al Dino Manuzzi.

Ciao Daniele, che partita dobbiamo aspettarci?
“Penso ad una gara vibrante e piacevole tra due formazioni di spessore”.

Secondo molti, il pronostico pende dalla parte degli alabardati…
“Sì, la Triestina punta a vincere ed ha rinforzato notevolmente un organico già di livello per centrare il traguardo Serie B: proviene da un’immeritata battuta d’arresto casalinga contro il Piacenza ed avrà voglia di tornare subito a fare risultato”.

Cosa dovrà fare il Cesena per contrastare i biancorossi?
“I bianconeri saranno galvanizzati dal primo successo stagionale centrato a Verona. Hanno un’idea di gioco ben definita, propositiva, votata all’attacco ed affrontare un’avversaria di spessore potrebbe essere un vantaggio, perché troveranno maggiori spazi per agire”.

Alla guida dei romagnoli c’è Francesco Modesto, tuo ex compagno di squadra nel Parma: il tuo giudizio sul collega?
“Francesco è stato abile ad infondere al gruppo la sua filosofia di gioco in tempi brevi. Segue il modello gasperiniano: concede l’uno contro uno dietro, è offensivo, porta diversi uomini in fase d’attacco. E’ un gioco bello e dispendioso ed il mister dovrà essere bravo a trovare i giusti accorgimenti strada facendo, perché le avversarie ti studiano e adottano contromisure”.

Visto l’alto livello del girone, secondo te a cosa può ambire il Cesena ?
“A mio avviso ha tutte le carte in regola per raggiungere una tranquilla salvezza: sono presenti diverse compagini attrezzate, i bianconeri hanno in rosa vari giovani interessanti e di prospettiva su cui lavorare, ma certamente il valore del campionato si vedrà gara dopo gara”.

Quali sono gli elementi che ti piacciono particolarmente?
“Ho seguito qualche allenamento e posso dire che Valencia ha un telaio importante, da categoria superiore, ma deve crescere. Anche Butic ha destato buona impressione, così come Rosaia, mio compagno nella Carrarese, un giocatore che dà sempre il suo prezioso contributo alla causa”.

Nel frattempo Daniele Galloppa resta alla finestra…
“Ho appena preso il patentino Uefa A, mi tengo aggiornato seguendo allenamenti e partite con la speranza che arrivi in futuro qualche chiamata interessante”.


Immagine tratta dal sito www.ilovepalermocalcio.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *