Ex bianconeri protagonisti dei playoff di Serie B

Playoff Serie B - Antonino Ragusa
Condividi questo articolo

LO SPUNTO – Spezia e Frosinone in finale playoff grazie all’apporto di un paio di ex Cesena. E’ invece andata male ai tanti ex ora accasati al Chievo

Nonostante l’emergenza Coronavirus, dopo la conclusione dei campionati di Serie A e di Serie C, sta per calare il sipario anche sulla cadetteria. Dalla battaglia dei playoff è emerso che saranno Spezia e Frosinone a giocarsi le ultime chance per salire nel massimo campionato italiano, insieme a Benevento e Crotone già promosse da settimane in virtù della prima e seconda posizione conquistate in regular season. Oltre alle emozioni che scaturiranno da questa sfida che si disputerà tra andata (18/08) e ritorno (20/08), bisogna segnalare la presenza determinante di diversi ex Cesena, che potrebbero tornare in Serie A con la loro attuale squadra. Analizziamo ora l’andamento delle due squadre in questi playoff e dei giocatori più importanti che sono transitati in riva al Savio…

Spezia, prima volta in finale playoff

È ormai da diversi anni che i liguri tentano di approdare nel massimo campionato italiano, senza ancora esserci riusciti. Per gli aquilotti sarebbe una prima volta, se si eccettua il cosiddetto “campionato di guerra” del 1942, vinto proprio dai VVFF Spezia, ma mai riconosciuto dalla FIGC (vedi VV.FF. Spezia e quello scudetto “fantasma”). La squadra, guidata da mister Italiano (lo scorso anno alla guida del Trapani promosso in Serie B), nel corso della stagione ha espresso un ottimo calcio e si è posizionata terza a quota 61 punti, guadagnandosi un turno di riposo ai playoff. In semifinale, i bianconeri hanno incontrato il Chievo dei tanti ex bianconeri Giaccherini, Garritano, Renzetti, Rigione e Di Noia. All’andata i clivensi si sono imposti per 2-0, ma in Liguria è stato lo Spezia a prevalere per 3-1, conquistando, per la prima volta, la finale grazie al miglior piazzamento in classifica. Tra gli ex Cesena in forza ai liguri bisogna sicuramente segnalare Antonino Ragusa, autore di 8 gol in 27 partite.

Frosinone a caccia del pronto ritorno

Il Frosinone ha conquistato per la prima volta la Serie A nel corso della stagione 2014/15, compiendo l’impresa di arrivare al vertice del calcio italiano con una doppia promozione consecutiva (dalla Serie C alla Serie A). Dopo un’amara retrocessione, i laziali tornano in A al termine della stagione 2017/18, retrocedendo però nuovamente dopo un solo anno. quest’anno, la squadra allenata da Nesta si è classificata ottava e nel turno preliminare ha affrontato e sconfitto in trasefrta il Cittadella per 3-2 al termine di una partita incredibile, risolta dall’eurogol ai supplementari dell’ex bianconero Camillo Ciano. In semifinale il Frosinone è stato clamorosamebte sconfitto in casa 1-0 dal Pordenone, ma al ritorno si è preso una bella rivincita, andando a vincere in Friuli per 2-0. L’autore del gol che ha aperto le marcature, manco a dirlo, è stato ancora una volta la stella della squadra, quel Camillo Ciano che spesso si è caricato sulle spalle le sorti dei suoi compagni ed è ora pronto a guidare l’assalto alla Serie A. Oltre al numero 10 i ciociari possono contare anche sull’ex Cesena Tabanelli, giunto a gennaio dal Lecce. Da segnalare che anche nelle file del Pordenone militano alcune vecchie conoscenze romagnole, Michele Camporese che in questa stagione ha messo a segno due reti, e Alberto Almici, che a Cesena disputò tre partite nella stagione 2013/14.


Immagine tratta dal sito acspezia.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *