Nell’ardente speranza di essere smentito da Zebi (Eresie ep. 2)

Cesena-Gubbio
Condividi questo articolo

ERESIE BIANCONERE – Il Cesena non va oltre un deludente 0-0 contro il Gubbio che, non solo ha meritato il punto, ma nutre i maggiori rimpianti

La prestazione della squadra di mister Viali contro il Gubbio è stata scoraggiante: il Cesena non sembra avere idee di gioco e pare affidarsi più che altro al caso, le occasioni che capitano sui piedi dei bianconeri non nascono quasi mai da manovre ben congegnate, ma sono il frutto di circostanze del tutto fortuite (vedi Cesena 0-0 Gubbio, le pagelle di Cesena Mio). Il Cesena può contare quest’anno su due punte di valore (toccando ferro sulla salute di Caturano), ma sono punte che vanno innescate e al momento su questo fronte la squadra brancola nel buio. Il centrocampo in questo momento manca di qualità e senza qualità non si può arrivare a servire le punte tramite la manovra. La sensazione è che le probabilità di fare tre passaggi di fila con la giusta velocità e precisione siano le stesse che ci sono di ottenere tre volte testa lanciando una monetina.

A mio parere, il DS Zebi ha delle belle responsabilità su questo fronte e difficilmente Rigoni risolverà il problema. Anche il nuovo modulo pare avere appiattito (e non poco) la manovra. Mi è saltato subito all’occhio l’aumento dei lanci lunghi a saltare il centrocampo rispetto allo scorso anno, una soluzione che pare naturale quando si gioca con due punte di struttura e non si riesce ad ottenere frutti dalla manovra. Le catene di esterni al momento non funzionano per niente e paiono mal assortite, con Ilari che pare spaesato (forse non è ancora in condizione), Candela che fa il compitino, Adamoli piuttosto confusionario e Zecca che a piede invertito si libera al tiro, ma non tira. E se non tira quando si libera al tiro quando deve tirare? Dunque le fasce non paiono venirci in aiuto per risolvere il quesito iniziale (come servire le punte).

Resterebbe la fantasia dei giocatori. Ma questa squadra non ha giocatori di fantasia, Zebi pare infischiarsene e corteggia Pittarello, che è un buon attaccante ma non risolverà nessuno dei nostri problemi. Tutte le squadre del mondo (comprese le squadre di Serie C che lottano per salvarsi), hanno in rosa due o tre giocatori di fantasia e deve esserci un motivo… Forse Viali e Zebi vogliono reinventare il calcio, ma questa sarebbe una mossa parecchio presuntuosa e preferirei che questo esperimento non fosse fatto sulla pelle del Cesena. Steffé ha dichiarato che il Gubbio si è chiuso bene, ma nessuna squadra vuole prendere gol, non solo il Gubbio, e allora che si fa? Nel mondo del calcio, di solito, si cerca di ovviare al problema avendo in rosa giocatori abili nello stretto e in grado di infiltrarsi nelle densità avversarie. Vedremo quale sarà invece la rivoluzionaria soluzione dell’area tecnica del Cesena, alla quale probabilmente nessuno fino ad ora aveva mai pensato.

PS Scrivo tutto questo nell’ardente speranza di essere smentito da Zebi. Rimane solo un giorno…


Immagine tratta dal sito www.calciocesena.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.