Derby insidiosi per il Cesena: occhio a Santarcangelo e Forlì

Santarcangelo-Cesena
Invia l'articolo agli amici

OPERAZIONE IANUS – Alle porte due derby per il Cesena: sabato pomeriggio (15:00) arriva il Santarcangelo, mentre mercoledì sera (20:30) trasferta a Forlì

Superato brillantemente il doppio turno in trasferta, il Cesena è ancora primo in classifica a +11  sul Matelica, anche se il distacco potrebbe assottigliarsi qualora oggi i marchigiani dovessero riuscire a sconfiggere il Pineto nel recupero della 21a giornata.

Non era scontato che la squadra di Angelini vincesse sia a Termoli contro l’Olympia Agnonese che in casa del Francavilla. In particolare gli abruzzesi erano imbattuti in casa, oltre ad essere una squadra d’alta classifica, perciò la vittoria per 1-2 maturata domenica dai bianconeri è stata un vero e proprio successo. Probabilmente i 3 punti non erano così meritati, visto che il Cesena una volta incassato il pari di Dos Santos non aveva cercato con tanta insistenza il gol del vantaggio come fatto nella prima frazione di gioco, subendo invece a più riprese l’inerzia dei padroni di casa. Ciò che conta però alla fine è che i bianconeri abbiano vinto, anche se in maniera del tutto casuale e con l’enorme complicità del portiere Spacca, e mantenuto a distanza di sicurezza un Matelica che, qualora oggi vittorioso, sarebbe stato solo a 6 lunghezze di distanza, all’incirca lo stesso margine che c’era prima di averlo battuto nello scontro diretto di tre settimane fa.

Questo deve far riflettere sul fatto che il campionato è tutt’altro che finito, e che perdere punti di vantaggio è un attimo: d’altronde il Matelica stesso ha perso in poco più di un mese tutto il vantaggio che aveva accumulato nei confronti dei bianconeri, e il contrario non può considerarsi scongiurato solo perché noi ci chiamiamo Cesena e non Matelica! Detto ciò, il Cavalluccio si appresta a disputare due derby nel giro di cinque giorni: sabato alle ore 15 infatti i bianconeri torneranno al Dino Manuzzi per fronteggiare il Santarcangelo, mentre mercoledì 13 febbraio alle 20.30 giocheranno in casa del Forlì. Due partite da non sottovalutare anche se la posizione in classifica di entrambe le squadre potrebbe far pensare il contrario. Infatti il Santarcangelo, nonostante le vicissitudini societarie, non vince da ben 19 partite e muore dalla voglia di uscire da questo tunnel per evitare almeno la retrocessione diretta.

I gialloblu all’andata uscirono con le ossa rotte contro il Cesena, che rifilò loro un pesantissimo 0-4. Si trattò della partita che segnò proprio l’inizio del loro crollo, visto che la gara precedente (in casa del Pineto) rappresenta l’ultima vittoria dei clementini in questa stagione. Il Forlì invece ha già superato l’astinenza di vittorie, ma non riesce comunque a trovare la giusta continuità per uscire definitivamente dalla zona rossa, nonostante la qualità dell’organico e gli interventi fatti nel mercato di riparazione. Al Manuzzi inoltre i galletti avevano disputato un’ottima prova, sino alla generosa espulsione di Tonelli (allora giocatore del Forlì) che compromise la gara.

In ogni caso, sono due match che il Cesena deve cercare di vincere, considerando anche che al Morgagni i supporters bianconeri saranno numerosissimi e spingeranno la squadra come se giocasse in casa. Infatti, in caso di qualche scivolone, il Matelica potrebbe accorciare approfittando del fatto di sfidare in successione Avezzano e Olympia Agnonese e mettere paura ai bianconeri.

Commenta con Facebook

About Matteo Magnani

Matteo Magnani è fedele tifoso del Cesena fin dalla tenera età di 8 anni, grazie alla grande passione trasmessagli dal padre. Studia Giurisprudenza nel campus di Ravenna e da oltre tre anni è uno degli apprezzati editor della pagina facebook emergente Per chi ama il Cesena, dove ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dell’editoria digitale, rigorosamente seguendo con passione (e spesso anche apprensione) le vicende del “suo” Cesena calcio.

View all posts by Matteo Magnani →