Due criteri per la composizione dei gironi di SerieC

SerieC
Condividi questo articolo

SERIEC – In attesa della definizione ufficiale, cerchiamo di prevedere quale sarà la composizione dei tre gironi per il campionato 2020/21

Ogni anno, sul finire dell’estate, torna d’attualità il “toto-gironi” di SerieC. La Lega, in maniera forse un po’ troppo ottimistica, ha annunciato per il 10 settembre la composizione dei calendari presso il salone d’onore del CONI a Roma, nonostante le diverse problematiche ancora in corso (vedi SerieC senza pace tra protocolli, combine e scioperi). Con alcune iscrizioni ancora a rischio (Trapani), almeno un paio di ripescaggi da ufficializzare (tra cui quello del Ravenna) e la vicenda Picerno-Bitonto in pieno divenire, la partita sulla composizione dei gironi è piuttosto aperta, visto che coesistono almeno due criteri tra i quali scegliere.

Infatti, il Vicepresidente di Lega Pro Jacopo Tognon ha recentemente ritirato fuori dal cassetto l’ipotesi di un ritorno alla storica divisione Nord / Centro / Sud, anziché l’attuale Nord Ovest / Nord Est / Sud. E’ evidente che in entrambi gli scenari, le squadre del sud (Girone C) godrebbero di una certa continuità e non si aspettano sorprese, mentre il criterio adottato sarà fondamentale per definire la sistemazione delle società dell’Italia centrale (soprattutto le toscane). C’è poi da aggiungere che qualcuno ha anche paventato l’ipotesi del cosiddetto “sorteggio integrale” per la composizione dei gironi, ma pare al momento un’ipotesi poco percorribile, visto che tale modalità comporterebbe un notevole incremento dei costi per le società.

 Vediamo allora, una prima ipotesi di suddivisione, basata sui criteri attuali:

  • Girone A: Albinoleffe, Alessandria, Arezzo, Carrarese, Como, Giana Erminio, Grosseto, Juventus U23, Lecco, Livorno, Lucchese, Novara, Olbia, Pergolettese, Pistoiese, Pontedera, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate. In questo girone va evidenziata la rinuncia per default del Siena. A titolo di pronostico, ovviamente a scatola chiusa, Novara e Pro Vercelli sembrano le favorite, con Renate e Pontedera chiamate a confermare i buoni risultati degli ultimi anni, cui si aggiunge l’incognita Livorno, che attende svolte societarie.
  • Girone B: Carpi, Cesena, Fano, Feralpisalò, Fermana, Gubbio, Imolese, Legnago, Mantova, Matelica, Modena, Padova, Perugia, Piacenza, Ravenna, Sambenedettese, Sudtirol, Triestina, Virtus Verona, Vis Pesaro. Il girone del Cesena, ove troverà spazio anche il ripescato Ravenna, avrà importanti conferme, nonostante le promozioni di Vicenza e Reggiana. Carpi e Sambenedettese partiranno con grandi ambizioni, sicuramente almeno pareggiate da quelle del Perugia, obbligato a cercare riscatto dopo una bruciante retrocessione. Dalla D dovrebbero arrivare gli “amici” del Mantova, il Legnago ed il Matelica, irriducibile rivale del Cesena due anni fa.
  • Girone C: Avellino, Bari, Bitonto, Casertana, Catania, Catanzaro, Cavese, Juve Stabia, Monopoli, Paganese, Palermo, Picerno, Potenza, Teramo, Ternana, Trapani, Turris, Vibonese, Virtus Francavilla, Viterbese. Il girone del Sud ospiterà alcune grandissime protagoniste: il Bari, che anche quest’anno proverà l’assalto alla Serie B, oltre alle storiche Avellino, Catania, Catanzaro, Trapani, Ternana e Juve Stabia. Ad esse si aggiunge un’altra grandissima, il Palermo, mentre il Potenza proverà ad inserirsi in zona playoff. Ovviamente, in attesa delle verifiche sull’iscrizione del Trapani e di decisioni su Bitonto e Picerno, che potrebbero davvero rischiare grosso.

Nel caso in cui si dovesse invece tornare all’antico, come suggerito da Tognon, questa l’ipotesi più probabile:

  • Girone A: Albinoleffe, Alessandria, Como, GianaErminio, FeralpiSalò, JuventusU23, Lecco, Legnago, Mantova, Novara, Pergolettese, Padova, Piacenza, Pro Patria, Pro Sesto, Pro Vercelli, Renate, SudTirol, Triestina, Virtus Verona. Rispetto all’ipotesi precedente, le squadre del nord est eviterebbero le lunghe trasferte in Toscana ed assisteremmo invece a tante sfide incrociate Lombardia-Triveneto.
  • Girone B: Arezzo, Carpi, Cesena, Carrarese, Fano, Fermana, Grosseto, Gubbio, Imolese, Livorno, Lucchese, Matelica, Modena, Olbia, Ravenna, Pistoiese, Pontedera, Sambenedettese, Perugia, Vis Pesaro. In questo caso, il Cesena tornerebbe a sfidare la Pistoiese dopo diversi anni, oltre a recuperare sfide che rievocano la vecchia Serie B con Livorno e Perugia. Infine, per i bianconeri si profilerebbe una trasferta inedita in Sardegna, in quel di Olbia.
  • Girone C: Avellino, Bari, Bitonto, Casertana, Catania, Catanzaro, Cavese, Juve Stabia, Monopoli, Paganese, Palermo, Picerno, Potenza, Teramo, Ternana, Trapani, Turris, Vibonese, Virtus Francavilla, Viterbese. Situazione praticamente immutata rispetto all’ipotesi precedente.

Immagine tratta dal sito calabriamagnifica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *