Cortesi: “Prestissimo sarò un giocatore del Cesena”

Matteo Cortesi
Condividi questo articolo

INTERVISTA – Manca solo la firma sul contratto, ma è già certo l’acquisto di Matteo Cortesi, che ha scelto il Cesena nonostante diverse altre proposte

La stagione del Cesena è ufficialmente finita con la sconfitta in semifinale di Poule Scudetto contro il Lecco e da quel momento la società ha iniziato a lavorare per allestire una rosa competitiva per il prossimo campionato di Serie C. Dopo gli addii di Alessandro e Ricciardo e le conferme di Valeri e Ciofi (vedi Calciomercato #1 – Che la rivoluzione abbia inizio), uno dei primi acquisti sarà il giovane centrale di centrocampo Matteo Cortesi, classe 1998 che lo scorso anno ha giocato nel Forlì, collezionando 5 gol e un assist. Si tratterà dunque di un innesto under per una squadra che punterà molto sui giovani di proprietà, nella speranza di ricostruire quel patrimonio che il fallimento ha completamente depredato. Queste le parole del prossimo bianconero Matteo Cortesi:

Ciao Matteo, com’è iniziata la tua carriera?
Ho iniziato molto presto a giocare. All’età di 5 anni mi sono iscritto ad una scuola calcio vicino a casa e dopo qualche anno sono stato selezionato dal Cesena dove sono rimasto fino ai 13 anni. A quel punto mi sono spostato nella juniores del Ravenna, prima di approdare in Eccellenza al Classe, dove ho esordito all’età di 16 anni. Mi sono poi trasferito al Romagna Centro e dopo una stagione al Forlì, mentre posso dire con tranquillità che il prossimo anno giocherò per il Cesena“.

In che posizione del campo riesci a dare maggiormente il tuo contributo?
Penso che il ruolo in cui possa rendere meglio sia il trequartista, ma ho giocato spesso anche come esterno e mezzala. L’anno scorso col Forlì ho ricoperto tantissimi di ruoli, addirittura mi sono trovato a giocare anche come seconda punta. So che Modesto predilige il 3-4-3, in quel caso penso che potrei giocare come esterno di destra: non sono un giocatore a cui piaccia attaccare la profondità ma preferisco mandare in porta i compagni”.

Raccontaci la stagione di Cortesi col Forlì: 5 gol e 1 assist sono un buon bottino?
Ho giocato 31 partite ma con un minutaggio non molto elevato. Dopo l’esonero di Campedelli è arrivato Protti sulla nostra panchina e mi ha fatto giocare poco. Mi faceva spesso entrare per gli ultimi cinque o dieci minuti, ma da quando è tornato Campedelli ho sempre giocato. Nel miglior momento della nostra stagione, ovvero l’ultimo mese, ho segnato tre/quattro gol e guadagnato quattro rigori. Nel complesso è stata una stagione positiva ma molto complicata perché avevamo obiettivi diversi e quando ci si ritrova in fondo alla classifica è sempre difficile reagire“.

Cosa successe nel finale di partita col Cesena a Forlì che ti portò all’espulsione?
Ero molto nervoso ma non a causa del Cesena. Tenevo tantissimo a quella partita per cui l’avrei tanto voluta giocare dall’inizio, ma anche in quel caso Protti mi fece accomodare in panchina. All’andata non avevo giocato dall’inizio per un dolore alla spalla, mentre nella gara di ritorno stando bene mi sarei aspettato di giocare. Quando al 94’ l’arbitro ha fischiato rigore su Valeri al Cesena l’allenatore mi ha chiesto di entrare in campo e questa situazione l’ho vissuta come una presa in giro. Ero già nervosissimo per cui dopo la rete di Alessandro sono andato dall’arbitro insieme ai miei compagni e sono stato espulso, rimediando due giornate di squalifica“.

Ormai manca la firma sul contratto ma è fatta: come ti ha convinto Pelliccioni?
Lui e Martini hanno chiamato il mio procuratore (Angelo Rea, ndr) e hanno proposto di farmi giocare a Cesena. Avevo proposte anche da squadre come Ravenna, Pontedera e Fermana, ma volevo venire a Cesena anche perché qui sono cresciuto: ho deciso di prendere questo treno al volo perché queste occasioni capitano una sola volta nella vita. Sarà la mia prima esperienza in Serie C, non ho mai giocato in questa categoria e non conosco il suo livello, però voglio dimostrare quanto valgo. Alla fine saranno gli altri a dovermi valutare“.

Cosa si aspetta Cortesi dalla prossima stagione col Cesena?
Spero di crescere molto, anche quest’anno a Forlì sono migliorato anche grazie alla situazione difficile di classifica che mi ha rafforzato. Speriamo di raggiungere i nostri obiettivi, personalmente sono a disposizione della squadra e anche consapevole che potrà capitare di non giocarle tutte“.


Immagine tratta dal sito forlifc.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *