Contro il Padova ancora difesa a 4. E in attacco?

Analisi pagelle Padova-Cesena
Condividi questo articolo

OPERAZIONE IANUS – Domenica scorsa il Cesena ha dato segnali di ripresa e la sfida contro il Padova non appare così proibitiva, a prescindere dal modulo

Domenica scorsa il Cesena è uscito dal Garilli di Piacenza con un ottimo punto (vedi Per le pagelle è buona la prima di Viali) e dunque si può giudicare positivamente l’esordio in panchina del nuovo mister William Viali, che una settimana fa ha preso il posto dell’esonerato Modesto e che si appresta ad affrontare una delle big del campionato, il Padova atteso al Dino Manuzzi domenica pomeriggio (ore 17. 30).

I bianconeri sono finalmente riusciti a far bella figura in trasferta contro una squadra con più punti in classifica, cosa che sotto la gestione precedente era riuscita soltanto nella gara contro il FeralpiSalò. La squadra è sembrata equilibrata in campo, attenta in difesa senza comunque rinunciare a giocare palla a terra e puntare sulle fasce. Probabilmente è stato anche merito della scelta di Viali di sistemare la squadra con la difesa a 4, una formula mai sperimentata nel corso della stagione da Modesto, se non nell’ultima mezzora di gioco contro la Triestina, ovvero nella sua ultima partita alla guida del Cesena. La domanda che molti tifosi si sono posti all’indomani della partita contro il Piacenza è se questa squadra, cucita su misura in estate per giocare con il 3-4-3, possa ora essere schierata con 4 difensori e 3 centrocampisti. La partita contro gli emiliani ha dato una prima risposta affermativa in tal senso, non tanto per il risultato conquistato, ma perchè i bianconeri hanno subito pochissimo nell’arco di tutti i 90 minuti.

Altro aspetto positivo, l’ultimo giorno di mercato il Cesena si è rinforzato facendo tornare in riva al Savio Davide Munari, centrocampista classe 2000 che lo scorso anno fece molto bene da mezz’ala nelle ultime partite di campionato, dando una bella mano nella conquista della promozione in Serie C. Grazie al suo ingaggio, il Cesena ha ora ben cinque centrocampisti per tre posti, a cui si può andare ad aggiungere anche Capellini (impiegato più volte da Viali proprio come centrocampista centrale) ed è dunque più fornito per il modulo voluto dal tecnico ex Novara.

Non è invece ancora chiaro se in attacco si giocherà sempre con il tridente, esattamente come accadeva sotto la guida di Modesto, oppure se si giocherà con due punte centrali ed un trequartista alle spalle. Se si guardano gli uomini a disposizione, il 4-3-3 sembra la soluzione più naturale, ma non bisogna dimenticare che il modulo più utilizzato da Viali in carriera è il 4-3-1-2. A sostegno di questa ipotesi, a chiusura del mercato è arrivato anche Simone Lo Faso, una seconda punta che un paio di anni fa la Fiorentina pagò 300 mila euro solo per averlo in prestito. Questo modulo con due terminali offensivi è stato già sperimentato negli ultimi 30 minuti di Piacenza, nel momento in cui Caturano è andato ad affiancare Butic, ma è proprio in quella frazione che i bianconeri si sono fatti vedere meno in avanti. E’ dunque prevedibile che domenica prossima contro il Padova si insisterà ancora con il più conosciuto tridente, ma in futuro qualcosa potrebbe cambiare.

Ciò che invece è certo è che, a prescindere dal modulo, i bianconeri per fare punti contro i biancoscudati dovranno mantenere la stessa intensità e concentrazione difensiva mostrata contro il Piacenza.


Immagine tratta dal sito www.padovasport.tv

One Comment on “Contro il Padova ancora difesa a 4. E in attacco?”

  1. Maddaloni, Brignani, Ricci , Ciofi, Brunetti, De Sanctis, Sabato, Giraudo. Se consideriamo titolari Zampano e Valeri, di questi ne giocano due. Capellini mi pare abbia fatto la mezzala qualche anno fa (non certo con Viali (?) che l ha messo a fare il falso 9 al posto di butic) . Considerare Munari una mezzala poi mi sembra piuttosto bizzarro, poi se uno si adatta puo provare a fare tutto, per carità. Infine giocare con le due punte (poi considerando che una è Butic) mi pare un suicidio, oltre che uno spreco di esterni che andrebbero in naftalina. Molto piu centrata sarebbe l ipotesi 4321 (anche se qualche difensore centrale sarebbe comunque scontento).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *